Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
brutto vortice a PR, arrestato comandante!
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
altairV



Registrato: 29/06/12 20:04
Messaggi: 861
Residenza: Friuli...

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 12:28 am    Oggetto: Rispondi citando

In aspettativa dai CC per fare il Comandante della PL?
E adesso èrientrato in servizio nell'Arma?
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 21798
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 8:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Beh, vista la differenza di retribuzione sarebbe stato stupido a non farlo...
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
altairV



Registrato: 29/06/12 20:04
Messaggi: 861
Residenza: Friuli...

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 11:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

La mia era una domanda retorica, ovvero ignoravo si potesse fare una cosa del genere.
Mi stupisco però che uno possa avere "certi problemi nella PL" e rientrare tranquillamente nei CC a fare servizio. Vero anche che si è innocenti fino a prova contraria ma uno che è pure finito in custodia cautelare minimo da noi lo sospendono subito.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FALCO 73



Registrato: 06/02/04 21:09
Messaggi: 7837

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 11:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

Rileggendo tutto il 3d mi è frullata in mente (forse stupida e senza fondamento) la seguente domanda: in diverse parti d'Italia, quando l'AG delega indagini su Comandanti o semplici appartenenti alla PL (su altre FF.PP. non saprei), viene delegata sempre la GdF. Vedasi Catania, Parma e ci sono anche altre città. Solo casualità? Sembrerebbero gli "Affari Interni" di americana memoria. Question Idea
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 21798
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 11:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

altairV ha scritto:
La mia era una domanda retorica, ovvero ignoravo si potesse fare una cosa del genere.


Si può, si può.....ovvio che bisogna "conoscere"..


Citazione:
Mi stupisco però che uno possa avere "certi problemi nella PL" e rientrare tranquillamente nei CC a fare servizio. Vero anche che si è innocenti fino a prova contraria ma uno che è pure finito in custodia cautelare minimo da noi lo sospendono subito.


diamo tempo al tempo.....i CC su queste cose sono precisissimi....
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
FALCO 73



Registrato: 06/02/04 21:09
Messaggi: 7837

MessaggioInviato: Gio 05 Lug 2012 - 11:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

altairV ha scritto:
La mia era una domanda retorica, ovvero ignoravo si potesse fare una cosa del genere.
Mi stupisco però che uno possa avere "certi problemi nella PL" e rientrare tranquillamente nei CC a fare servizio. Vero anche che si è innocenti fino a prova contraria ma uno che è pure finito in custodia cautelare minimo da noi lo sospendono subito.


Sul ritorno non so dirti. Di sicuro il viaggio di andata è legalissimo.

OT: Scusa la domanda diretta: sei della Polpen.? Ho scoperto, di recente, che siete anche impiegati in OP. Non vi avevo mai visto in questi ruoli. Ciao. Smile
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato
altairV



Registrato: 29/06/12 20:04
Messaggi: 861
Residenza: Friuli...

MessaggioInviato: Ven 06 Lug 2012 - 10:14 am    Oggetto: Rispondi citando

FALCO 73 ha scritto:
...Di sicuro il viaggio di andata è legalissimo.


Ovvio, mi sono solo stupito.

FALCO 73 ha scritto:
..sei della Polpen.? Ho scoperto, di recente, che siete anche impiegati in OP. Non vi avevo mai visto in questi ruoli. Ciao. Smile


Si e confermo l'O.P., e anche nella mia cittadina, per partite di UEFA e in occasione del referendum, ai seggi. Personalmente ho declinato l'invito.
Anche se l'O.P. negli stadi l'ho visto già 20 anni fa in altre località e ad un festival di Sanremo. Shocked
Top
Profilo Invia messaggio privato
miky85



Registrato: 19/10/10 16:47
Messaggi: 217
Residenza: Emilia/Toscana

MessaggioInviato: Mer 16 Gen 2013 - 8:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Oggi il seguito delle indagini ha portato a questo :

_____________________________________________________________

Parma, arrestati ex sindaco e leader Pdl "Sistema di potere con i soldi pubblici"
La Finanza arresta il capogruppo Pdl in Regione Emilia Romagna Villani, l'ex sindaco di centrodestra Vignali, il manager Costa e l'editore Angelo Buzzi con le accuse di corruzione e peculato. Per ostacolare le indagini si è cercato di contattare Berlusconi tramite la escort Nadia Macrì

L'arresto dell'ex sindaco Pietro Vignali
Dopo Green Money ed Easy Money ecco Public Money, l'ennesima inchiesta giudiziaria sul giro di tangenti tra i vertici di potere di Parma. L'ultima operazione, scattata stamattina all'alba, ha portato a quattro arresti illustri con le accuse di corruzione e peculato: sono finiti in manette il capogruppo del Pdl in consiglio regionale e vicepresidente della multiutility Iren Luigi Giuseppe Villani, l'ex sindaco di centrodestra Pietro Vignali, il manager ed ex presidente della società comunale Stt Andrea Costa e l'imprenditore ed editore del quotidiano locale Polis Angelo Buzzi.

La conferenza stampa al comando della Guardia di Finanza, tenuta dal capo procuratore di Parma Gerardo Laguardia e dal colonnello Guido Mario Geremia, ha rivelato l'esistenza di un sistema di potere "pernicioso e incancrenito nella cosa pubblica" con "la collaborazione di numerosi dirigenti pubblici". Ravvisate "interferenze nelle nomine di prefetto, commissario prefettizio, questore e dirigenti della società partecipata Stt".

Tra i fogli dell'inchiesta spuntano tanti nomi illustri tra cui quello di Silvio Berlusconi: per ostacolare le indagini della Procura Pietro Vignali avrebbe cercato di contattare l'ex premier attraverso la escort Nadia Macrì. La ragazza, coinvolta nell'indagine sull'ex esponente del Pdl e narcotrafficante Perla Genovesi, aveva dichiarato ai magistrati di Palermo di aver fatto sesso per soldi con l'ex sindaco, il quale aveva negato: "L'ho conosciuta davanti a un hotel, ma non ci ho mai fatto sesso. Ho scambiato soltanto poche chiacchiere con lei".

Per cercare di interrompere il lavoro della magistratura si sarebbero cercati contatti anche con Angelino Alfano, Gianfranco Fini, Gianni Letta, Niccolò Ghedini e Filippo Berselli, coordinatore regionale del Pdl. Le sue interrogazioni parlamentari contro la Procura di Parma e le conseguenti ispezioni sarebbero state "studiate a tavolino", dicono gli inquirenti.

GLI INDAGATI - Oltre agli arrestati, sono indagate altre 20 persone, molte delle quali coinvolte nelle precedenti inchieste sulla corruzione della Procura, altre pagate dal Comune o dalle società partecipate: Emanuele Moruzzi, Mauro Bertoli, Ernasto Balisciano, Carlo Iacovini, Alessandro Forni, Gian Vittorio Andreaus, Tommaso Mori, Norberto Mangiarotti, Alfonso Bove, Marco Rosi, Tommaso Ghirardi, Alberto Monguidi, Aldo Torchiaro, Lara Ampollini, Riccardo Ragni, Antonio Cenini, Danilo Cucchi, Tiziano Mauro, Emanuela Iacazzi e Mirko Dolfen. (TUTTI GLI IDENTIKIT)

I SEQUESTRI - Confiscati dalla Guardia di Finanza beni mobili e immobili per 3,5 milioni di euro, tra cui anche automobili, terreni, appartamenti, conti correnti. A Vignali sequestrati beni per 1,9 milioni di euro, a Costa per 1,3 milioni, 163mila euro a Buzzi e 98mila euro a Villani. Ancora da verificare l'esistenza di possibili "beni occultati".

IL SISTEMA - Gli arrestati avrebbero goduto per anni di un sistema di potere finanziato da soldi pubblici. Dalle intercettazioni è stato scoperto che la prima campagna elettorale di Vignali e il mantenimento del consenso elettorale nel corso del suo mandato sono stati finanziati con denaro che veniva prima "riciclato" attraverso appalti pilotati per alcune società partecipate del Comune (l'ex Enia - poi confluita in Iren - Alfa e Infomobility) e poi fatto confluire in una cooperativa che fungeva da "bancomat", la Sws, decapitata dall'inchiesta Green Money 2 con l'arresto dell'ex presidente Gian Vittorio Andreaus e del suo vice Tommaso Mori. (LA LONGA MANUS DI VILLANI-VIGNALI)

"IL PAPA" VIGNALI - Vignali, primo cittadino di Parma dal 2007 al 2011 - quando fu costretto a lasciare l'incarico prima della fine del mandato abbandonato da tutti, a causa delle inchieste giudiziare che hanno travolto la sua Giunta di centrodestra - ha di recente raccontato di essere tornato a fare il commercialista per 500 euro al mese. Ma nelle intercettazioni veniva chiamato "il papa", colui che era a capo dei traffici tra Sws e società partecipate.

La sua prima campagna elettorale e la preparaziona a quella successiva era stata sovvenzionata da Enia per un ammontare di oltre 600mila euro, sempre tramite la cooperativa Sws. "Tutte le spese elettorali - ha dichiarato il colonnello Geremia - sono state pagate da società operanti nel verde pubblico. Enia dal 2007 al 2011 ha fatturato 4,5 milioni per prestazioni inesistenti. Si potava per pagare i manifesti elettorali". Sempre con soldi pubblici fu pagato Klaus Davi, incaricato di promuovere l'immagine dell'aspirante sindaco. (CAMPAGNA ELETTORALE "A SBAFO")

CAMPAGNA ELETTORALE CON LA DIFFERENZIATA - La consegna a domicilio dei bidoncini per la raccolta differenziata nel 2007, quando Vignali correva per la poltrona di sindaco ed era assessore all'Ambiente, è stata organizzata da Sws e pagata sempre con i soldi dei parmigiani. Le dipendenti della cooperativa che li consegnavano erano state "addestrate" da impiegati pubblici a nominare tre volte il nome di Vignali per raccogliere consenso e tastare le preferenze dei cittadini.

PROFILI FALSI SU FACEBOOK - Il sistema diede i suoi frutti, Vignali venne eletto, ma dopo quattro anni di mandato il suo obiettivo era quello di candidarsi di nuovo per rimanere ai vertici della città. Dalle indagini risulta che anche la campagna elettorale di Vignali sui social networkè stata pagata con i soldi pubblici. Una persona - comunicano gli inquirenti - era pagata appositamente dal Comune per curare la pagina Facebook del sindaco e creare profili fittizi per lasciare commenti positivi e creare consenso.

Dalle intercettazioni risulta che anche il tentativo di fermare il cantiere dell'inceneritore fu una trovata per cercare il consenso elettorale.

L'ASSALTO ALL'INFORMAZIONE - Il quotidiano Polis era considerato "una spina nel fianco", ma viene trovato un accordo con Angelo Buzzi, il quarto arrestato. Imprenditore immobiliare, "boss" della squadra di calcio locale Crociati Noceto, Buzzi viene convinto a cambiare il direttore del suo giornale. Il denaro per l'operazione - 98mila euro - viene erogato da Andrea Costa, attraverso la partecipata Stt, di cui al tempo era presidente. La cifra comprendeva anche gli stipendi dei giornalisti, pagati direttamente dalla società.

Buzzi, successivamente, è stato anche nominato consigliere di Iren Emilia. Ci fu poi un tentativo di raggiungere un altro quotidiano locale, L'Informazione, che però nel 2012 ha chiuso i battenti.

ANALISI DEL VINO? CON SOLDI PUBBLICI - Attraverso i soldi pubblici di Stt Andrea Costa, proprietario di tenute vinicole in Piemonte e in Toscana, si faceva anche fare analisi sul vino, per una cifra di 19mila euro. Avrebbe anche distratto fondi da un'altra partecipata di cui era presidente, Alfa, in favore dell'ex presidente della società comunale di trasporti pubblici Tep Tiziano Mauro.

Costa ha lasciato la guida di Stt nel 2010 dopo un avviso di garanzia per abuso di ufficio: era stato anche presidente della Tep, l'azienda di trasporti pubblica di Parma, che aveva investito circa otto milioni di euro nella banca Mb, commissariata dalla Banca d'Italia, e nel cui cda sedeva lo stesso Costa.

DISTRATTI FONDI DA METRO PARMA - Vignali e Costa sono accusati anche di aver distratto una somma complessiva di 900mila euro dalle partecipate Metro Parma e Alfa per pagare una penale per la rescissione anticipata di un contratto di concessione tra il Comune e la società Macello di Parma. Mezzo milione è stato preso da Metro Parma per rifornire Stt, ma la somma non è poi stata utilizzata per quello scopo perché trattenuta da un istituto di credito a copertura dello scoperto di conto corrente. Quattrocentomila euro sono invece transitati da Alfa a Stt per poi essere erogati al legale rappresentante di Macello di Parma, nel maggio 2010.

"COMANDAVA VILLANI" - A dirigere il sistema e "decidere tutto" secondo la Procura era Villani, finito in manette. Vignali - è stato scoperto tramite le intercettazioni - si incontrava con lui di continuo e lo informava su ogni dettaglio della gestione comunale. Le riunioni non si svolgevano solo in Comune ma anche in locali pubblici.

Indiscusso "ras" del centrodestra di Parma e provincia, capogruppo del Pdl in consiglio regionale da anni, coordinatore del Pdl provinciale fino al febbraio 2012 (quando venne nominato il suo successore Paolo Buzzi, numero due dell'ex sindaco Vignali ora tra i banchi dell'opposizione in Giunta comunale) Villani fu poi anche nominato in quota comunale vicepresidente di Iren, la multiutility dell'energia contestata per la costruzione del famigerato inceneritore.

Oggi in Regione il suo arresto ha portato sconcerto, sorpresa e qualche imbarazzo tra le fila del Pdl. I consiglieri hanno tenuto un summit sul caso Villani, ma pare che non verrà eletto subito un nuovo capogruppo. "Finora risultano fatti riferiti a vicende parmensi già note, Villani in tanti anni non ha mai dato adito a dubbi, sorprende che capiti proprio in questo momento politico particolare, quando siamo già in piena campagna elettorale", ha commentato il vice capogruppo Pdl Galeazzo Bignami, a margine dei lavori dell'aula. "Ci auguriamoche il particolare momento sia del tutto ininfluente, attendiamo come tutti i chiarimenti della Procura".

INDAGATO IL PRESIDENTE DEL PARMA CALCIO - Tommaso Ghirardi è indagato per peculato in concorso con l'ex addetto stampa del Comune Alberto Monguidi e con l'ex sindaco Vignali. Sono accusati di aver distratto dalle casse del Comune di Parma una somma di 21.293 euro per mandare a buon fine il passaggio di Monguidi dalla società calcistica al Comune di Parma quale responsabile dell'ufficio stampa.

Monguidi infatti per l'incarico aveva chiesto una retribuzione dirigenziale, pari o superiore a 85mila euro. Non potendolo nominare dirigente per non violare la normativa in materia, Vignali si sarebbe accordato con Ghirardi perché una parte della somma che il Parma calcio doveva al Comune andasse direttamente a Monguidi, di fatto rinunciando a un diritto di credito dell'amministrazione pubblica.

"Il Parma Fc - comunica la società tramite una nota stampa - intende sottolineare l’assoluta estraneità del suo legale rappresentante e della società a qualsivoglia attività illecita. I rapporti con il Comune di Parma si sono limitati alla gestione delle attività istituzionali che legano i due enti per l’utilizzo dello stadio Ennio Tardini. Si ribadisce comunque che il Presidente non ha ricevuto alcun avviso di garanzia e quindi non è al momento in grado di entrare nel merito di accuse che non si conoscono".

INDAGATO PER UN DEHORS - Tra gli indagati per corruzione anche Marco Rosi, imprenditore proprietario del marchio Parmacotto, che negli anni passati ha avuto problemi con l'Amministrazione per la realizzazione di un dehors fuori da un suo locale. La struttura era risultata poi abusiva, perché non conforme alle normative comunali in materia. Per far cambiare il regolamento al sindaco, Rosi avrebbe fatto regali a Vignali pagandogli il soggiorno in un hotel di lusso a Forte dei Marmi.

Il Gruppo Parmacotto in una nota stampa precisa che "Marco Rosi non ha ancora ricevuto alcun avviso di garanzia, e l'enfasi data alla notizia da parte del Procuratore della Repubblica" del suo coinvolgimento "in ipotesi criminose, non preceduta peraltro dall'invio di alcuna informazione di garanzia", è "oltremodo lesiva dell'immagine della sua persona e della società stessa".

LE ALTRE INCHIESTE - Questa nuova indagine arriva dopo la bufera di Green Money 2, l'inchiesta anti-corruzione della Procura, datata giungo 2011: arrestati diversi dirigenti comunali molto vicini all'allora sindaco Vignali, tra cui il capo della polizia municipale Giovanni Maria Jacobazzi. A settembre era stata la volta dell'operazione Easy Money e in manette era finito l'assessore alla Scuola Giovanni Paolo Bernini, per tangenti legate alle mense scolastiche. Gli arresti avevano scatenato una rivolta popolare tra i parmigiani, che in centinaia erano andati a manifestare indignati sotto il municipio, facendo dimettere Vignali e spianando la strada al trionfo del Movimento 5stelle.

IL COMMENTO DI PIZZAROTTI - E proprio il sindaco grillino di Parma, Federico Pizzarotti, ha lasciato oggi il suo commento alla nuova ferita della città, scrivendo un post sul suo blog sull'Huffington Post: "A Parma è finita un'epoca. Di quando la politica faceva quello che voleva al servizio di interessi particolari e non si pensava al bene comune. Non siamo preoccupati, ma noi tutti, i cittadini, la città, è frastornata. Non ci aspettavamo che l'incubo che gravava su di noi fosse di queste proporzioni. Ora non abbiamo altra strada che rifondare l'etica pubblica". (TUTTE LE ALTRE REAZIONI)

(16 gennaio 2013)

http://parma.repubblica.it/cronaca/2013/01/16/news/operazione_public_money_conferenza_stampa_la_diretta-50644066/ Shocked
Top
Profilo Invia messaggio privato
FALCO 73



Registrato: 06/02/04 21:09
Messaggi: 7837

MessaggioInviato: Mer 30 Ott 2013 - 12:02 am    Oggetto: Rispondi citando

max67 ha scritto:
mmmhhh.. posto scottante quello...


Ci hai preso!!


Citazione:
Maggioli Editore

MARTEDÌ 29 OTTOBRE 2013 Polizia Locale


Parma, Polizia Municipale senza pace: Patrizia Verrusio si è dimessa
28/10/2013
Patrizia Verrusio, Comandante della Polizia Municipale, si è dimessa. La conferma è arrivata in serata da una nota del Comune di Parma. Dopo le polemiche e le indagini seguite al caso ’Verrusio’ delle auto civetta della Municipale utilizzate per il trasporto dalla stazione ferroviaria alla sede dei Vigili Urbani in via del Taglio.
La visita della Guardia di Finanza in Municipio, ufficialmente per acquisire documenti, risale a ieri. Oggi il passo indietro della Comandante, scelta da Pizzarotti. Patrizia Verrusio era stata indagata per peculato, in seguito alla vicenda dei passaggi in stazione. Lo scandalo Verrusio era venuto a galla grazie alla denuncia e al reportage fotografico del Partito Comunista dei Lavoratori. Entrata in servizio nel mese di marzo Patrizia Verrusio era stata scelta dall’amministrazione a 5 Stelle che aveva deciso di non ‘utilizzare’ il Comandante Cimino, scelto dal Commissario Mario Ciclosi e che, tra l’altro, ha fatto causa al Comune di Parma.
LA NOTA DEL COMUNE. In data odierna la comandante della polizia municipale Patrizia Verrusio ha annunciato le dimissioni dalla incarico per motivi personali. In proposito si terrà una conferenza stampa lunedì dalle 10.30 presso il municipio con il sindaco l’assessore Casa e la stessa Verrusio per informare su modalità e motivazioni.



http://www.polizialocale.com/2013/10/28/parma-polizia-municipale-senza-pace-patrizia-verrusio-si-e-dimessa/
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
Pagina 7 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it