Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
permesso cure termali
Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
gabriella






MessaggioInviato: Mar 29 Giu 2004 - 1:50 pm    Oggetto: permesso cure termali Rispondi citando

Vorrei sapere se sia possibile ed in quali casi, usufruire di permessi per cure termali anziché di congedo ordinario.
ringrazio per l'attenzione.
Top
Cristina L.






MessaggioInviato: Mer 30 Giu 2004 - 6:45 am    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Non posso esserti molto d'aiuto, ma ho trovato questo su un volume della CEL sulle assenze del personale:

"L'assenza per cure termali è possibile, ma essa viene inserita dentro la normativa regolante l'assenza per malattia quando esista un effettivo stato morboso in atto, per cui si possa trarre giovamento dall'effettuazione delle cure, quindi rilevanza terapeutica, con motivata prescrizione medica che evidenzi conseguentemente uno stato di malattia".
Top
Angela






MessaggioInviato: Mer 30 Giu 2004 - 1:47 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Ciao a tutti

ho letto la risposta: vuole dire che se c'è una patologia per cui il medico prescrive la necessità di cure termali, i giorni rientrano come malattia?

Sarebbe possibile avere qualche riferimento normativo perchè il nostro comune dice che non è più possibile usufruire di malattia ma di ferie.
Top
Cristina L.






MessaggioInviato: Mer 30 Giu 2004 - 3:19 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Ho trovato questo quesito:
http://db.formez.it/Ric_on_line.nsf/0/aaf8efa187499769c1256c3d00315a5f?OpenDocument

La legge n. 412/1992, all'art. 16, comma 5, prevede che i periodi di cure termali possono essere fruiti dai lavoratori dipendenti pubblici e privati.
I periodi di cure termali possono essere fruiti anche al di fuori dei congedi ordinari e delle ferie annuali quando sia giudicato determinante un tempestivo trattamento termale, anche in associazione ad altri mezzi di cura, prescritto da un medico specialista della ASL.
Possono essere prescritte solo per le malattie individuate con apposito decreto del Ministro del lavoro. Attualmente le malattie per cui è consentita la prescrizione sono indicate nei DM 15/12/1994, 20/03/1998 e 22/03/2001.
I periodi di cure termali non possono superare i quindici giorni l'anno (art. 13 legge n. 638/1983) e tra i periodo concessi a qualsiasi titolo per le cure termali e le ferie annuali deve trascorrere un intervallo di almeno quindici giorni.
Il diritto al trattamento economico di malattia spettante durante il periodo di assenza dal lavoro per fruire di cure termali, compete solo quando quelle cure risultano in concreto incompatibili con le ferie oppure quando (pur essendo compatibili) non possano essere differite al periodo feriale prestabilito dal datore di lavoro senza pregiudicarne il conseguimento degli obbiettivi terapeutici. L'anticipazione della cura rispetto alle ferie deve essere motivata dallo specialista e deve incidere sui risultati del trattamento. (Cass. 9/11/2001 13902; Cass. 14/06/1999 n.5898; TAR Valle d'Aosta 22/7/1992 n.9Cool
L'onere della prova della indifferibilità del trattamento incombe a carico del lavoratore.
Deve, pertanto, ritenersi che non possono fruirsi congedi per cure termali quando il datore di lavoro attesta la possibilità per il lavoratore interessato di fruire di ferie o di congedi ordinari.
L'art. 13 legge citata prevede altresì che i permessi in questione non possono essere concessi per cure elioterapiche, climatiche e psammoterapiche ad eccezione di quelli spettanti agli invalidi per causa di guerra, di servizio e del lavoro e ai ciechi, ai sordomuti e agli invalidi civili con una percentuale superiore ai due terzi.
La giurisprudenza ha precisato che i congedi straordinari per cure elioterapiche, climatiche e psammoterapiche (dei quali è in via generale vietata la concessione) possono essere concessi agli invalidi civili (con una percentuale superiore ai due terzi), ed agli appartenenti alle altre categorie sopra indicate, per effettive esigenze terapeutiche e riabilitative (e non quindi in funzione meramente preventiva) ed in presenza degli stessi requisiti sostanziali e formali prescritti, in tema di cure idrotermali, per la generalità dei lavoratori dipendenti. (Cass. civ., Sez.lav., 29/03/1994, n.3028) In particolare si è affermato che anche i dipendenti appartenenti alle categorie protette (invalidi per causa di guerra, di servizio e del lavoro, ciechi, sordomuti ed invalidi civili con una percentuale superiore a due terzi) sono tenuti a presentare, a corredo delle istanze dirette ad ottenere la concessione del congedo straordinario per l'effettuazione delle cure elioterapiche, climatiche e psammoterapiche, la certificazione rilasciata da un medico specialista della usl da cui risulti che la cura prescritta è rispondente ad effettive esigenze terapeutiche o riabilitative ed è strettamente correlata all'attuale stato d'infermità da cui deriva l'invalidità; sulla base di una interpretazione sistematica delle disposizioni legislative vigenti è, infatti, illogico ritenere che il legislatore abbia subordinato la concessione di congedi per cure idrotermali, attribuite a tutti i lavoratori ivi compresi gli invalidi, perché ritenute di particolare utilità sociale, al vaglio dello specialista della usl e abbia, invece sottratto a tale vaglio le cure elioterapiche, climatiche etc. attribuite soltanto alle categorie protette siccome ritenute di minore utilità sociale e, comunque, allo scopo di accordare ad esse categorie una più estesa tutela sanitaria. (T.A.R. Lazio, Sez.III, 18/05/1990, n.951).
Autore della risposta
Avv. Giampiero Profeta
Top
arcangela






MessaggioInviato: Mar 06 Set 2005 - 8:28 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

sono dipendente comunale. ho ettettuato ciclo di 12 gg. di cure termali inalatorie poichè affetta da "sinusopatia cronica frontale" .
Il medico Asl sul certificato rilasciatomi ha dichiarato: ".....pertanto la paziente necessita di un ciclo di cure aerosol e inalazioni per effettive necessità terapeutiche".
ll capo del personale mi contesta il permesso di malattia. poichè stando all'interpretazione dello stesso, dal certificato non si evince la tempestiva urgenza del trattamento, da poterlo differire dal congedo ordinario.
Pertanto non il ciclo di cure non è stato considerato malattia, ma congedo da sottrarsi al periodo feriale.
Vorrei sapere se la lettura del certificato dà luogo a diverse interpretazioni.
Grazie per l'attenzione.
Top
brunella






MessaggioInviato: Lun 12 Set 2005 - 1:43 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Salve a tutti,
nel mese scorso mi è occorso un infortunio sul lavoro che mi ha provocato una brutta contusione al dito della mano sinistra.
Sono rientrata da poco in servizio, ma ahimè, i postumi della botta si fanno ancora sentire. Dolori articolari ed ematoma.
Pensavo di richiedere all'azienda (privata) presso cui lavoro la possibilità di usufruire di permessi retribuiti per l'erogazione di un ciclo di cure termali.
Poichè il mio caso rientra nell'ambito di causa di servizio (infortunio sul lavoro), pensate abbia diritto ad ottenere dei permessi retribuiti?
Grazie per l'attenzione.
Top
rosa






MessaggioInviato: Gio 13 Ott 2005 - 4:33 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Dalla lettura del certificato medico da te presentato non si evince "l'indefferibilità del trattamento prescritto", ma solo la specifica idoneità terapeutica.
Anche alla luce di recenti pronuncie della corte di cassazione, appare corretto considerare il periodo di cure richiesto come congedo ordinario, cosi come disposto dal suo comune.
Cordialità.
Rosa.
Top
giovanni






MessaggioInviato: Sab 15 Ott 2005 - 3:04 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

sono insegnante di ruolo, di anni 57 operato di polipi alle corde vocali già da diversi anni, vorrei sapere se posso usufruire di congedo per malattia nel periodo scolastico per sottopormi a cure termali di aerosol-terapia,
grazie
Top
lia






MessaggioInviato: Lun 17 Ott 2005 - 8:21 am    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

mi sono stati concessi 15 gg di cure climatiche marine,elioterapiche,ma nella prima settimana il tempo inclemente ,non mi ha permesso di usufruire del trattamento................come posso giustificare questa incresciosa situazione? attendo risposta ..........domani rientro a lavorare...grazie
Top
SILVIA






MessaggioInviato: Gio 03 Nov 2005 - 12:39 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

vorrei sapere se le cure termali così come descritte dal certificato medico "luteoterapia per poliartrosi, presso terme di abano" spettano ad un dipendente della scuola e se si rientrano nella malattia? La normativa è vaga.
Top
gigi






MessaggioInviato: Lun 07 Nov 2005 - 12:12 am    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Sono un dipendente della scuola e leggendo i quesiti rivolti alle cure termali noto che ogni ente è un caso a se. Se voglio chiedere un permesso per cure termali, la domanda a chi va indirizzata oltre all'INPS. Non mi interessa se rientra nelle festività o nelle malattiva, l'importante è sapere la procedura e la lista delle malattie riconosciute per le quali le cure termali trovino effettivo riscontro di guarire. Spero di leggere al più presto una vostra risposta. Dimenticavo, tra l'altro a me interessa sapere della psoriasi per la quale ho esenzione in tutte le cure possibili. Grazie
Top
silvia






MessaggioInviato: Lun 14 Nov 2005 - 4:33 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

non ho ancora ricevuto una risposta a proposito della fruizione di cure termali.
vorrei sapere se le cure termali così come descritte dal certificato medico "luteoterapia per poliartrosi, presso terme di abano" spettano ad un dipendente della scuola a tempo determinato e se si rientrano nella malattia?
Top
marcello






MessaggioInviato: Dom 19 Feb 2006 - 12:32 am    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Mia moglie insegnante di ruolo, dopo un incidente , gli sono state riconosciute nr2 cause di servizio. Ha diritto alle cure termali? come ottenere i 15 giorni per la fruizione delle stesse???Premetto che anche io ho una causa di servizio e diritto alle cure termali, sono un militare, e non ho mai trovato difficolta' a fruire la mie cure.
Top
Cinzia






MessaggioInviato: Gio 02 Mar 2006 - 7:51 am    Oggetto: permesso cure termali Rispondi citando

Sono un'infermiera professionale dal 1979, nel 2004 mi è stata riconosciuta una causa di servizio ascrivibile alla 8^ categoria tabella A.
Visto che anche dopo l'operazione (ernia al disco) ho ancora grossi problemi, sia l'ortopedico che il fisiatra mi hanno consigliato cicli annuali di fango-balneoterapia presso le terme di Bibione.
Ora vorrei chiedere se posso fruire di malattia in questi periodi.
Ringrazio fin d'ora.
Top
Nicolò






MessaggioInviato: Lun 27 Mar 2006 - 7:57 pm    Oggetto: Re: permesso cure termali Rispondi citando

Sono un dipendente del ministero dell'interno e ho fruito di un ciclo di 12 sedute (14 giorni) di cure termali (aerosolterapia) per faringite cronica, che mi è stata considerata come malattia. Ho iniziato di sabato e ho concluso il venerdì di due settimane successive. Il giorno subito dopo la fine del ciclo termale (il sabato) mi sono ammalato per 7 giorni, raggiungendo così un periodo ininterrotto di malattia di 21 giorni. L'unica interruzione che c'è stata fra le due malattie, è quella delle domeniche perché l'istituto termale è chiuso. Considerato che il mio contratto prevede che per un periodo uguale o superiore a 15 giorni di malattia non deve essere decurtata l'indennità di amministrazione. La mia amministrazione ha considerato la malattia per cure termali diversa da quella prescrittami dal mio medico curante, decurtandomi così l'indennità di amministrazione, infatti ha considerato tale periodo non come unico ma come tre periodi diversi (dal lunedì al venerdi/dal lunedì al venerdì e dal sabato al venerdi). E' giusto così?
grazie per la cortese risposta.
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 1 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it