Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Attestato soggiorno permanente

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ospite
5e8a





MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 9:07 am    Oggetto: Attestato soggiorno permanente Rispondi citando

Per il rilascio di un attestato di soggiorno permanente, se questo era lavoratore dipendente e se nell'arco degli anni ha avuto diversi datori di lavoro, bisogna calcolare e vedere se sommando i periodi lavorativi raggiunge i 5 anni ? o sbaglio ?
Top
toroo
1fc5





MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 9:11 am    Oggetto: Rispondi citando

anche se separati da intervalli di tempo più o meno lunghi Question
Un eventuale diniego al rilascio per mancanza dei requisiti sarebbe soggetto all'imposta di bollo Question
Top
Sereno.SCOLARO



Registrato: 27/09/02 08:22
Messaggi: 49529

MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 9:50 am    Oggetto: Rispondi citando

1) artt. 14 e 15 D. Lgs. 6/2/2007, n. 30.

2) art. 4 Tariffa, parte 1^ allegato A) al dPR 26/10/1972, n. 642.
_________________
Sereno SCOLARO
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ospite
5e8a





MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 10:02 am    Oggetto: Rispondi citando

Negli articoli 14 e 15 non ho trovato una risposta al mio quesito inziale
Top
Sereno.SCOLARO



Registrato: 27/09/02 08:22
Messaggi: 49529

MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 12:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Prova a pensare: oltre che un periodo continuativo, quando e' che questa continuativita' non ne viene pregiudicata ?
Meglio, se lo correli con l'art. 7, 3 .....
_________________
Sereno SCOLARO
Top
Profilo Invia messaggio privato
annamaria64



Registrato: 28/02/13 11:05
Messaggi: 31
Residenza: cagliari

MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 2:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

In questi giorni mi sto occupando proprio del rilascio della prima attestazione permanente per una cittadina rumena appena iscritta in questa anagrafe con provenienza da altro Comune.
Appena giunta l’istanza ho inviato la comunicazione di avvio del procedimento invitando la sig. a presentare tutta la documentazione idonea a verificare l’esistenza del soggiorno legale.
La richiedente, ha inviato tutta la documentazione relativa ai rapporti di lavoro subordinato stipulati negli anni oggetto di osservazione: ha compilato inoltre una scheda sintetica nella quale fa preciso riferimento a ulteriori periodi lavorativi (sempre in qualità di badante) per i quali non sono stati stipulati contratti di lavoro (lavorava in nero!).
Analizzando tutta la documentazione rilevo 2 periodi di disoccupazione; uno di 6 mesi nel 2008 e l’altro di 7 mesi a inizio 2009 (in quest’ultimo periodo lavorava senza contratto presso una famiglia).
In base all’art. 7 comma 3 lett. c) del D.lgs 30/2007 avrebbe conservato il diritto di soggiorno anche con i periodi di disoccupazione evidenziati. Mi domando tuttavia se posso ritenere validi anche i periodi lavorati senza contratto facendo rendere una dichiarazione sostitutiva di atto notorio nella quale vengano menzionati e circostanziati i periodi di lavoro, i nomi dei “datori di lavoro”, la sede di lavoro.
Il requisiti previsti dall’art. 14 commi 3 e 4 e dall’art. 18 comma 2 del D.lgs 30/2007, di difficile accertamento per l’ufficiale d’anagrafe, possono essere auto dichiarati dal cittadino comunitario?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tiziana5838



Registrato: 20/08/12 11:18
Messaggi: 1931
Residenza: Lazio

MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2013 - 4:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Beh no, non si può far mettere per iscritto il lavoro nero, che scherzi?
ti risulta che sia lecito lavorare in nero? .. ehm .. fai finta di non aver sentito nulla (straccia eventuali dichiarazioni già rese) e valutala come hai detto tenendo conto dell'art.7 c.3.
Top
Profilo Invia messaggio privato
annamaria64



Registrato: 28/02/13 11:05
Messaggi: 31
Residenza: cagliari

MessaggioInviato: Gio 17 Ott 2013 - 8:38 am    Oggetto: Rispondi citando

Tiziana5838 ha scritto:
Beh no, non si può far mettere per iscritto il lavoro nero, che scherzi?
ti risulta che sia lecito lavorare in nero? .. ehm .. fai finta di non aver sentito nulla (straccia eventuali dichiarazioni già rese) e valutala come hai detto tenendo conto dell'art.7 c.3.


.....in effetti ho detto una mezza fesseria....!!!! e faccio tesoro del tuo consiglio di valutare tento conto dell'art. 7 comma 3.
.....riguardo alla verifca/ accertamento ai sensi dell'art. 18 comma 2 siete/sei daccordo sulla mia intenzione di far rendere la dichiarazione alla signora: in caso contrario come posso verificare tale requisito?
Grazie mille
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tiziana5838



Registrato: 20/08/12 11:18
Messaggi: 1931
Residenza: Lazio

MessaggioInviato: Gio 17 Ott 2013 - 12:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

La sua dichiarazione è sufficiente. Se volessi fare controlli dovresti chiedere in Questura, ma in caso di esistenza di tale provvedimento gli uffici competenti ad emetterlo dovrebbero avvisare d'ufficio l' anagrafe di iscrizione APR. Cmq è proprio remota tale eventualità: se ha i requisiti del permanente è impossibile che ci sia stato tale provvedim. a meno di gravi (ma proprio gravi)motivi di P.S.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Wizard



Registrato: 19/04/07 12:40
Messaggi: 890
Residenza: Zogno (BG)-Brivio (LC)

MessaggioInviato: Mer 06 Nov 2013 - 10:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Mi e' stata richiesto il rilascio di una attestazione di soggiorno permanente.
Al fine del computo dei 5 anni posso considerare valida una dichiarazione
del comunitario dove si dice che per un determinato periodo (in cui era disoccupato e non era iscritto al centro per l'impiego) disponeva di risorse sufficienti per se stesso e per i propri familiari ed era iscritto presso l'ASL?
Cioe' non mi e' chiaro (anche se presumo proprio di sì) se l'iscrizione presso la nostra ASL puo'
essere considerata un'assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo comunque denominato che copra tutti i rischi nel territorio nazionale.

Praticamente farei dichiarare al cittadino che per:
- 4 anni è stato legalmente soggiornante in base all'art. 7 comma A (lavoro dipendente)
- 1 anno in base all'art. 7 comma B (risorse sufficienti + iscrizione ASL)
puo' andare "questa soluzione"?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sereno.SCOLARO



Registrato: 27/09/02 08:22
Messaggi: 49529

MessaggioInviato: Mer 06 Nov 2013 - 12:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Art. 15 D. Lgs. 6/2/2007, n. 30.
_________________
Sereno SCOLARO
Top
Profilo Invia messaggio privato
Wizard



Registrato: 19/04/07 12:40
Messaggi: 890
Residenza: Zogno (BG)-Brivio (LC)

MessaggioInviato: Mer 06 Nov 2013 - 2:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sereno.SCOLARO ha scritto:
Art. 15 D. Lgs. 6/2/2007, n. 30.


si pero' anche in considerazione di tale articolo, mi manca sempre un lasso di tempo
per coprirlo il cittadino potrebbe presentare una dichiarazione che aveva risorse economiche sufficienti per se stesso ed i suoi familiari mentre per l'assicurazione sanitaria potrei tenere valida una dichiarazione dell'ASL nella quale si attesta che il comunitario era iscritto al servizio sanitario nazionale?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ospite
c378





MessaggioInviato: Mer 06 Nov 2013 - 6:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

premetto che non ho molti casi di cittadini comunitari e quindi non ho mai approfondito la lettura del D.lgs 30/07, ma, alcuni di loro stanno per arrivare ai 5 anni di iscrizione nel mio comune, e quindi, mi sto documentando: leggendo l'art.14 al c.1 "il cittadino dell'unione che ha soggiornato legalmente ed in via continuativa per 5 anni nel territorio nazionale ha diritto al soggiorno permanente NON subordinato alle condizioni previste dagli artt. 7,11,12 e 13". Io il NON subordinato all'art.7 lo interpreto <tu cittadino comunitario mi dimostri di essere sempre stato residente ed in via continuativa in Italia.>, io verifico la veridicità di quanto dichiarato e posso rilasciare il permesso permanente .............. sbaglio? Embarassed [/i]
Top
Wizard



Registrato: 19/04/07 12:40
Messaggi: 890
Residenza: Zogno (BG)-Brivio (LC)

MessaggioInviato: Mer 06 Nov 2013 - 10:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anonymous ha scritto:
premetto che non ho molti casi di cittadini comunitari e quindi non ho mai approfondito la lettura del D.lgs 30/07, ma, alcuni di loro stanno per arrivare ai 5 anni di iscrizione nel mio comune, e quindi, mi sto documentando: leggendo l'art.14 al c.1 "il cittadino dell'unione che ha soggiornato legalmente ed in via continuativa per 5 anni nel territorio nazionale ha diritto al soggiorno permanente NON subordinato alle condizioni previste dagli artt. 7,11,12 e 13". Io il NON subordinato all'art.7 lo interpreto <tu cittadino comunitario mi dimostri di essere sempre stato residente ed in via continuativa in Italia.>, io verifico la veridicità di quanto dichiarato e posso rilasciare il permesso permanente .............. sbaglio? Embarassed [/i]


Si sbagli.....
Il NON subordinato significa, che una volta che il cittadino comunitario ha ottenuto l'attestato di soggiorno permanente il suo soggiorno NON sarà sottoposto ad alcun condizione
Top
Profilo Invia messaggio privato
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Gio 07 Nov 2013 - 7:28 am    Oggetto: Rispondi citando

5 anni di soggiorno legale non equivalgono a 5 anni di iscrizione anagrafica; ma di possesso continuativo dei requisiti art. 7 (e deroghe, 11, 12, 15 etc).
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it