Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
193?

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
didofido



Registrato: 06/10/02 22:36
Messaggi: 621

MessaggioInviato: Lun 14 Ott 2002 - 8:57 pm    Oggetto: 193? Rispondi citando

ciao colleghi
un mio parente è stato fermato dalla PS con un furgone immatricolato in Germania, (anche lui residente in Germania ma circolava in Italia). L'agente ha preteso il contrassegno assicurativo, ma in Germania non esiste inquanto il possesso della targa include l'assicurazione obbligatoria, ma siccome il codice italiano prevede il contrassegno e, non avendo altri documenti per dimostrare la copertura assicurativa, gli contesta il 193 con il fermo del veicolo. Non concilia subito e viene invitato in questura per dimostrare un documento assicurativo e riprendersi in furgone. Intanto si fa spedire la carta verde dalla Germania. Presentatosi all'ufficio verbali con la carta verde in regola viene invitato a conciliare subito il verbale di 655 euro altrimenti non gli avrebbero reso il veicolo. Nell'ignoranza ha pagato, ma è evidente l'errore dell'ufficio verbali che doveva annullare quel verbale e al limite contestargli il 180.
A questo punto non mi sembra possibile fare ricorso inquanto è stato effettuato il pagamento in misura ridotta.
Potete consigliarmi l'eventuale via da seguire?
Grazie
Top
Profilo Invia messaggio privato
Luca Tassoni



Registrato: 02/08/02 10:19
Messaggi: 1295
Residenza: Bologna

MessaggioInviato: Lun 14 Ott 2002 - 9:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per effetto della direttiva 72/166/CEE (riguardante gli stati membri) e l'accordo internazionale denominato "convenzione multilaterale di garanzia" (per gli stati terzi), l'obbligo d'assicurazione della responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione nel territorio italiano si considera assolto (non essendo necessario alcun contratto assicurativo, nemmeno la cosiddetta "carta verde"), per i veicoli muniti di targa d'immatricolazione rilasciata da uno dei seguenti stati esteri:

- Austria
- Belgio
- Ceuta e Melilla
- Cipro
- Croazia
- Danimarca
- Isole Faroer
- Finlandia
- Francia
- Germania
- Grecia
- Principato di Monaco
- Regno Unito
- Gibilterra
- Isola di Man
- Isole della Manica
- Irlanda
- Islanda
- Liechtenstein
- Lussemburgo
- Norvegia
- Paesi Bassi
- Repubblica ceca
- Repubblica slovacca
- Portogallo
- Spagna
- Slovenia
- Svezia
- Svizzera
- Ungheria

Quindi direi che, se il furgone non era ad immatricolazione temporanea e scaduta (fattispecie esclusa dalle convenzioni suddette), non capisco perché il veicolo sia stato considerato senza copertura assicurativa.

Ciao, Luca Tassoni PM Bologna.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
didofido



Registrato: 06/10/02 22:36
Messaggi: 621

MessaggioInviato: Mar 15 Ott 2002 - 8:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

grazie Luca per questa delucidazione molto utile.
E' evidente che la PS ha commesso un errore, ma come faccio adesso a far recuperare i soldi a mio zio visto che il pagamento in misura ridotta annulla la possibilita di fare ricorso?
Top
Profilo Invia messaggio privato
RuPi98



Registrato: 15/09/02 14:41
Messaggi: 161
Residenza: Prov. di Napoli

MessaggioInviato: Mer 16 Ott 2002 - 1:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

In merito desidererei un chiarimento.
Può l'agente di Polizia Stradale contestare una violazione all'art. 181 (mancata esposizione del contrassegno di assicurazione) quando questi non è previsto in alcuni paesi della CEE.
Deve forse esporre il certificato di assicurazione metendo in evidenza il nominatico della compagnia assicuratrice?

______________
Saluti da Rupi98.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Luca Tassoni



Registrato: 02/08/02 10:19
Messaggi: 1295
Residenza: Bologna

MessaggioInviato: Mer 16 Ott 2002 - 4:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

RuPi98 ha scritto:
In merito desidererei un chiarimento.
Può l'agente di Polizia Stradale contestare una violazione all'art. 181 (mancata esposizione del contrassegno di assicurazione) quando questi non è previsto in alcuni paesi della CEE.
Deve forse esporre il certificato di assicurazione metendo in evidenza il nominatico della compagnia assicuratrice?


Io direi di no perché se un veicolo è immatricolato in uno stato dove non esiste una norma che imponga l'esposizione del contrassegno, alla stregua del nostro art. 181, ritengo che le compagnie assicuratrici non lo forniscano nemmeno.

Ciao, Luca Tassoni PM Bologna.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Luca Tassoni



Registrato: 02/08/02 10:19
Messaggi: 1295
Residenza: Bologna

MessaggioInviato: Mer 16 Ott 2002 - 5:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

didofido ha scritto:
... ma come faccio adesso a far recuperare i soldi a mio zio visto che il pagamento in misura ridotta annulla la possibilita di fare ricorso?


È vero che il pagamento della sanzione in misura ridotta esclude la possibilità di fare ricorso.
Tuttavia, per quanto riguarda i veicoli immatricolati in uno stato estero, la materia è disciplinata anche dall'art. 207 del CdS: il conducente alla guida di tali veicoli deve pagare immediatamente nelle mani dell'agente accertatore o fornire un documento fideiussorio, pena il ritiro della patente o il fermo amministrativo del veicolo. Semplificando, o paga il minimo oppure, se intende fare ricorso, paga la metà del massimo (che per il CdS corrisponde quasi sempre al doppio del minimo) come cauzione. Da ciò si potrebbe dedurre che, siccome tuo zio ha versato il minimo e non la metà del massimo, non possa più fare ricorso.
Tuttavia, la Corte di Giustizia UE sez. VI, con sentenza n° C-224/00 del 19/03/2002, ha statuito che "La Repubblica Italiana, mantenendo in vigore, nell'art. 207 del codice della strada, un trattamento differenziato e non proporzionato dei trasgressori in base al luogo di immatricolazione dei veicoli, è venuta meno agli obblighi che le incombono in forza dell'art. 6 del Trattato CE (divenuto, in seguito a modifica, art. 12 CE).". Nello stesso modo si era espressa anche la Commissione delle Comunità Europee con il parere Prot. n. C(1998)2757 def. del 2 ottobre 1998.
Secondo la suddetta sentenza, la Corte di Giustizia UE non ha contestato l'obbligo imposto dalla legislazione italiana del pagamento del minimo (considerata soprattutto l'assenza di convenzioni bilaterali con gli stati membri per la riscossione delle somme dovute), bensì la necessità di versare una cifra doppia nel caso si voglia proporre ricorso.
Per questo motivo, ritengo che possa essere possibile proporre ricorso nonostante sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta.

Questo secondo la mia opinione.
In attesa di altri contributi...

Ciao, Luca Tassoni PM Bologna.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi