Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Aggressioni alle divise. Quando un inasprimento delle pene?
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Dom 17 Ago 2008 - 4:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aggredisce il vigile che lo multa: arrestato
(17/08/08 - Porta di Mare)



fonte: www.portadimare.it


Porto Cesareo, minaccia e aggredisce vigile urbano stagionale. Arrestato dai carabinieri



PORTO CESAREO - Vede la multa e va su tutte le furie minacciando di morte il vigile stagionale. Questa notte, all'una circa, i carabinieri di Porto Cesareo hanno arrestato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, C. E., 39enne cesarino, gia conosciuto dallle forze dell'ordine.


L'uomo era solito parcheggiare la propria Fiat Punto nella zona del Piazzale Aldo Moro, gran parte delle volte senza rispettare le norme del nuovo Codice della Strada. All'ennesima sanzione ha perso il controllo e dalle parole si e passati subito ai fatti. Dopo aver aggredito il vigile stagionale reo di aver elevato giustamente la multa, il 39enne si e dileguato tra le vie del centro per sfuggire ai caribinieri intervenuti subito sul posto per ristabilire l'ordine.
Dopo poochi minuti i militari hanno bloccato l'uomo e lo hanno condotto presso la locale stazione. Qui l'uomo ha continuato a inveire contro il corpo dei vigili urbani e successivamente contro gli stessi carabinieri. Ai militari non e restato altro che arrestare E. C. per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale e trasportarlo presso il carcere di Borgo San Nicola a Lecce.
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Dom 17 Ago 2008 - 4:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Gela. aggressione ad un Vigile Urbano
tg10.it
diFranco Infurna - Pubblicato il 14 Agosto 2008 - 14:52

Ancora un inquietante episodio di violenza contro le istituzioni, ieri sera, a Gela. Un vigile urbano, Antonino Caluccio, di 28 anni, mentre rientrava a casa, è stato aggredito da due malviventi che hanno tentato di rapinarlo della pistola d’ordinanza. Teatro dell’episodio è stato il quartiere dell’ex ospizio marino, dove l’uomo abita e dove stava tornando, a mezzanotte e un quarto, appena dopo avere concluso il suo turno di servizio, ai margini dell’isola pedonale che ieri sera veniva inaugurata al lungomare.
In un primo momento gli sconosciuti aggressori erano riusciti a sottrargli l’arma e, col calcio della stessa rivoltella, avevano anche colpito la vittima alla testa. Mentre tentavano di dileguarsi, il vigile ha avuto però una decisa reazione, riuscendo, dopo una colluttazione, a tornare in possesso della pistola, con la quale ha intimato ai due di arrendersi, minacciando di sparare. Pare che per due volte abbia scarrellato l’arma, riuscendo a mantenere lucidità e un grande sangue freddo.
I malviventi comunque sono riusciti a fuggire. Grazie alla testimonianza di Caluccio, uno è stato identificato e arrestato in mattinata dalla polizia. Si tratta di Mirko Russello (nella foto), di 19 anni, di Gela, con precedenti penali. L’accusa è di rapina pluriaggravata e lesioni aggravate.
Il vigile urbano dal canto suo è stato ricoverato in ospedale e tenuto in osservazione per trauma cranico e ferita lacero contusa al cuoio capelluto. Guarirà in 15 giorni.
Il sindaco, Rosario Crocetta, ha diffuso un comunicato con il quale ricorda altri episodi criminosi e torna a denunciare l’esistenza di una gang di minorenni che stanno terrorizzando la città, con furti, scippi, rapine, aggressioni e danneggiamenti. Lo stesso Crocetta non esclude che l’attentato incendiario al pm Serafina Cannatà possa essere opera di questa banda. Ora il sindaco chiede al governo nazionale una deroga al “patto di stabilità” che autorizzi “le spese per l’assunzione di vigili urbani e quant’altro necessario per un reale controllo del territorio”.
A Caltanissetta, a mezzogiorno, si è riunito in prefettura il comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico, al quale ha partecipato anche il vice sindaco di Gela, Elisa Nuara.
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
Laguardia



Registrato: 30/08/03 18:27
Messaggi: 1412
Residenza: Alto Lazio

MessaggioInviato: Dom 17 Ago 2008 - 4:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

bisogna fare qualcosa
sindacati, oltre a prendere i soldi tutti i mesi, dove siete?
_________________
la legge italiana favorisce chi la vìola
Top
Profilo Invia messaggio privato
batmanroma



Registrato: 02/08/02 09:46
Messaggi: 19730
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven 22 Ago 2008 - 9:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Framura: picchia un vigile urbano e finisce in manette
Un 42enne di Riomaggiore
Ha picchiato un vigile urbano ed è stato arrestato.
E’ accaduto a Framura, dove un 42enne di Riomaggiore è finito in manette al termine di questo episodio: l’agente della Polizia Municipale, ha fatto notare ad F. A. (queste le iniziali dell’uomo), che il suo atteggiamento stava infastidendo, e non poco, i clienti di un bar.
Quando il vigile si è avvicinato per identificarlo, F. A. ha cercato di divincolarsi, e non ha esitato a colpire con calci e pugni l’uomo in divisa. Alla fine è scattato l’arresto anche grazie all’intervento dei carabinieri della locale stazione, e ieri ha avuto luogo l’udienza di convalida. Ed il PM Raffaella Concas ha convalidato in effetti l’arresto, rinviando il processo al prossimo 25 settembre. F. A. è stato comunque rimesso in libertà con l’obbligo di presentarsi tutti i giorni alla stazione dei carabinieri del luogo di residenza.


http://www.cittadellaspezia.com/leggi_articolo.asp?id=33339&sp=10
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Mar 26 Ago 2008 - 8:53 am    Oggetto: Rispondi citando

Rimini: manda al pronto soccorso quattro vigili, arrestato senegalese
25-8-08
RomagnaOggi.it
RIMINI - Ha aggredito quattro agenti della Polizia Municipale impegnati nei consueti controlli anti-abusivismo commerciale. Protagonista in negativo dell’episodio, accaduto domenica mattina intorno alle 11 all’altezza dello stabilimento balneare numero 67, un clandestino di nazionalità senegalese, per il quale sono scattate inevitabilmente le manette. Il Mike Tyson della situazione ha sferrato due pugni ad un vigile, mettendolo ko. Poi ha aggredito gli altri tre.
Questi erano intervenuti in soccorso al collega che, malgrado i colpi ricevuti, era riuscito a rialzarsi in piedi. Ma lo sfortunato agente è stato persino morso al fianco sinistro dall’individuo nella speranza di far perdere le proprie tracce. Una vigilessa è stata colpita con un calcio all’inguine, mentre un’altra è stata ferita ad una mano.
Una volta messe le manette tra le mani dell’extracomunitario, i vigili si sono recati al pronto soccorso per le cure del caso: l’agente preso a pugni e morsi è stato giudicato guaribile in sette giorni. Il senegalese, invece, ha continuato a dare in escandescenza in caserma. Qui si sono poi presentati due persone per rendere testimonianza di quanto accaduto.
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Mar 26 Ago 2008 - 8:56 am    Oggetto: Rispondi citando

martedì 26 agosto 2008, 07:00
Terracina, assalto al comando dei vigili urbani

da Terracina (Latina)

Ostaggio di decine di giovani teppisti solo per aver fatto il proprio dovere: vale a dire, una multa a un diciottenne che guidava il ciclomotore senza il casco. È l’assurda vicenda verificatasi venerdì a Terracina. Dove i vigili urbani locali hanno vissuto minuti di paura per l’assalto al comando da parte della «peggio gioventù» locale.
È una storia, questa, che fino a un certo punto è all’insegna della massima normalità. I vigili della polizia municipale terracinese venerdì sono impegnati in controlli di routine davanti al comando in piazza Garibaldi, al centro della località del Sud pontino. A un certo punto gli agenti fermano un diciottenne del luogo che viaggia sul ciclomotore senza indossare il casco e gli chiedono i documenti. Il giovane con atteggiamento strafottente si rifiuta di darli e lo stesso fa alla richiesta delle generalità. L’atteggiamento del balordo diventa sempre più aggressivo quando un gruppo di giovani, attratto dal tono sempre più concitato delle voci, si avvicina al gruppetto e prende a spalleggiare il diciottenne. Volano spintoni, insulti, minacce. I vigili annusano l’aria pesante e si rifugiano nel vicino comando, ma prima vengono colpiti: per il comandante Vincenzo Pecchia dieci giorni di prognosi, per un altro agente sette. Ma non finisce qui: i giovani, alcune decine, sono ormai scatenati, e premono sul portone minacciando di assaltare il comando. Per fortuna arrivano carabinieri e poliziotti, alla cui vista i coraggiosissimi e spavaldi ragazzi fuggono senza lasciare traccia.
Un episodio inquietante per sprezzo delle regole e arroganza. Che preoccupa il sindacato di categoria Sulpm. «Le moltissime morti sulla strada proprio dei nostri giovani - dice il segretario generale aggiunto del Sulpm Alessandro Marchetti - ci impongono la massima rigidità nel far applicare norme proprio per prevenirli. Ma la prima prevenzione devono farla le famiglie imponendo e facendo capire ai propri figli di salire sulle due ruote mettendosi il casco. Ora ci aspetteremo che i genitori di chi ha assaltato la sede della polizia municipale di Terracina o di chi si è ribellato con calci e pugni alla multa venga a dare la propria solidarietà ai due colleghi aggrediti come esempio per i propri figli. Purtroppo questo non avverrà, ma non vengano poi a dire che la municipale non fa i controlli quando si piangerà una vittima della strada. Sarebbe assurdo che il problema per dei genitori siano i soldi della multa - ha concluso Marchetti -e non la sicurezza che ne deriva per i loro figli dalla
necessitàdell’indossare il casco e quindi dal doveroso obbligo della Polizia Municipale di far rispettare questa fondamentale regola che può salvare una vita umana».
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
PoliBiker



Registrato: 13/08/08 16:39
Messaggi: 185
Residenza: Ischia

MessaggioInviato: Mar 26 Ago 2008 - 3:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non “digerisce” il verbale di contravvenzione e sferra uno schiaffo
Viola il traffico limitato e aggredisce il vigile


E’ accaduto nei pressi della Piazzetta San Girolamo ad Ischia. L’uomo, un napoletano che era in compagnia di un minore di Lacco Ameno,
è stato fermato dai colleghi del pubblico ufficiale e dagli agenti della Polizia di Stato. Condotto in ospedale, è stato accertato che aveva
un tasso alcolico quattro volte quello consentito. E’ stato denunciato alla procura della Repubblica per il reato di resistenza a pubblico ufficiale

| Ischia - Ha perso il controllo delle proprie azioni, ha avuto un atteggiamento irriguardoso prima nei confronti dei vigili urbani di Ischia
e poi anche verso gli agenti del commissariato di Ischia che sono intervenuti per ricondurlo alla ragione, alla calma.
E anche dinanzi a numerosi tutori dell’ordine, ha continuato ad avere una “strafottenza” pur sapendo di trovarsi
in una situazione illegale per aver violato il codice della strada. L’essere entrato a bordo di uno scooter fino a Piazzetta San Girolamo
portando con sé un minore. Ha aggredito il vigile, gli avrebbe dato uno schiaffo che non avrebbe toccato il volto dell’agente di
Polizia municipale, ma gli avrebbe fatto volare il cappello.

Costui è stato anche accompagnato all’ospedale “Anna Rizzoli” per essere sottoposto ad un controllo sullo stato di ebbrezza.
I medici hanno accertato che aveva un tasso alcolico quattro volte superiore a quello normale. Ha rischiato l’arresto, ma per lui la
vicenda si è chiusa con una denuncia in stato di libertà per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. E tutto questo per non voler
pagare l’importo della giusta contravvenzione che gli era stata contestata dal “vigilino” che si trovava in quel momento in servizio in zona.
Episodi che accadono con una certa frequenza e dimostrano la necessità che i meno esperti siano coadiuvati da quelli con maggiore
esperienza per fronteggiare proprio situazioni simili. Mai lo scooterista in questione si sarebbe azzardato a colpire, neanche di striscio,
il tenente Angelino o il sottufficiale Cricco. Per lui sarebbe stata la fine. La giusta fine con il conseguenziale arresto. Invece qualche automobilista,
e soprattutto guidatori di ciclomotori abusano più del dovuto della presenza di vigili di modesta esperienza (anche se da qualche anno
svolgono le stesse mansioni in un periodo definito dell’anno) che vengono alcune volte sopraffatti da determinati scalmanati.
Come accade molto spesso in quel tratto di strada che è ormai diventato una vera barzelletta di circa venti metri che è posta all’uscita
della chiesa di Portosalvo al porto. Veniamo al racconto di questo ennesimo episodio. Il guidatore è riuscito a svicolare i controlli
che sono posti a Piazza degli Eroi, ad entrare nella zona a traffico limitato con dietro un minore.
Con l’intento di arrivare in una zona forse non consentita. Motore acceso, quindi in grave violazione del codice della strada.
Ed è giusto che arrivato in prossimità della Piazzetta San Girolamo, poco più avanti della pizzeria Cecilia, sia stato fermato dal vigile urbano
che gli ha imposto di fermarsi per elevargli contravvenzione per aver violato una zona vietata al traffico.

Per tutta risposta lo scooterista napoletano ha iniziato ad alzare la voce, a ritenersi ingiustamente fermato, ad avere una reazione spropositata
ed ingiustificabile. Il vigile urbano per tutta risposta gli ha chiesto perentoriamente che gli venissero consegnati i documenti
e a quanto pare qualcosa di non regolare è stato riscontrato nella verifica. Oltre alla violazione del codice della strada per essere
entrato a motore acceso a Piazza San Girolamo, altre contestazioni sono giunte e riportate a verbale. Questo ha ulteriormente incrinato
a capacità di equilibrio del villeggiante che ha avuto una reazione spropositata e totalmente ingiustificabile.

Secondo alcuni testimoni avrebbe sferrato un colpo a mano aperta tanto da far saltare il berretto che teneva in testa il vigile,
che si è chinato per raccoglierlo. Questo ha creato una certa concitazione. Il vigile ha chiesto i rinforzi via radio e sono intervenuti altri
cinque/sei vigili. Nei paraggi anche il dirigente del commissariato di Ischia Antonio Vinciguerra, che notando la situazione un po’ sopra le righe,
ha cercato di far ragionare il guidatore del mezzo a due ruote. Ma non c’è stato nulla da fare. Ha sempre avuto un comportamento spavaldo,
irridente nei confronti degli agenti che cercavano di avere un colloquio con lui. Nessun “pentimento” per cosa avesse combinato.
Un’azione ingiustificabile, tant’è vero che il dirigente a questo punto ha chiesto l’intervento dell’auto della pattuglia della Polizia di Stato
che è prontamente intervenuta. Solo allora ha capito che la situazione per lui si metteva male, quando ha raggiunto gli uffici del commissariato
di via Delle Terme. Il suo atteggiamento, da espressioni irridenti nei confronti di coloro che svolgono il loro dovere, è diventato
più serio, più collaborativo, forse pensando che la situazione per lui si sarebbe messa male. I poliziotti sono voluti andare fino in fondo,
al punto in cui era arrivata la situazione, ed hanno deciso di condurlo in ospedale per accertamenti, soprattutto l’esame del sangue
per capire quale fosse il tasso alcolico attualmente presente.

Il risultato è stato significativo e che dimostra che al momento del confronto con il vigile urbano il suo tasso alcolico era ben
al di sopra della norma consentita. Oltre quattro volte il dato limite per essere definito sobrio. Un altro elemento a sua colpa.

Ricondotto in commissariato, a questo punto gli agenti hanno deciso di procedere nei suoi confronti denunciandolo alla procura
della Repubblica presso il tribunale di Napoli per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. L’altro che era con lui, che è un giovane
minore di Lacco Ameno, non ha avuto alcuna conseguenza di natura penale, anche se in qualche circostanza ha mostrato un
atteggiamento da “guascone”, ma comunque nei limiti consentiti. L’altro, il compare che guidava lo scooter, dovrà farsi una ragione e
prima o poi, quando le indagini preliminari saranno concluse, dovrà comparire dinanzi al giudice per difendersi dalle accuse che gli saranno contestate per quanto accaduto all’alba di ieri.


Fonte "Il Golfo"
www.ilgolfo.it
.......................................................................................................
Per la cronaca, al simpatico personaggio in questione, oltre alla denuncia
ho personalmente comminato 7 verbali tra cui 193 con conseguente
fermo del mezzo e 186 più 187 con conseguente ritiro della patente.

20 ore di servizio ininterrotto per portare a termine tutte le pratiche relative, ma lo rifarei 100 volte... Wink

Un grazie ai miei colleghi, compresi il dirigente della P.S. ed i suoi uomini
(Come avevo già scritto c'è un ottima e fattiva collaborazione)
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Gio 28 Ago 2008 - 11:14 am    Oggetto: Rispondi citando

Roma: Sesso per strada ed un agente in ospedale
28 agosto 2008
Seminudi, consumavano un rapporto sessuale a Roma, a due passi dalla stazione Termini, in pieno giorno. Sono stati sorpresi in via Marsala dagli agenti di polizia municipale del I gruppo. L'uomo, G.P., italiano, di 29 anni, è stato arrestato mentre la donna, e A.S., tunisina, di 35, è stata denunciata.

A sorprendere i due, entrambi con precedenti penali e senza documenti di identità, sono stati ieri, intorno alle 18.30, gli agenti di polizia municipale del I gruppo che hanno intimato loro di interrompere quello che stavano facendo. Oltre a minacciare ed insultare gli agenti l'uomo si è scagliato contro uno di loro e lo ha colpito con uno schiaffo al braccio. Allarmati della reazione i vigili hanno usato il key defender in dotazione, ovvero lo spray al peperoncino. L'uomo ha, inoltre, cercato di colpire con calci e pugni tutti coloro che cercavano di calmarlo. Sono intervenuti anche altri agenti dalla vicina postazione del nucleo della polizia municipale di Via Marsala 73, richiamati dalla confusione che si era creata sul posto.

L'uomo, inoltre, ha sbattuto contro un muro uno dei vigili che cercava di ammanettarlo. L'agente ha subito lesioni personali giudicate guaribili, in tre giorni, dai medici dell'ospedale «San Giacomo». L'uomo dovrà rispondere oltre che di atti osceni in luogo pubblico anche di resistenza, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale.

Fonte: Il Messaggero
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
Laguardia



Registrato: 30/08/03 18:27
Messaggi: 1412
Residenza: Alto Lazio

MessaggioInviato: Gio 28 Ago 2008 - 11:30 am    Oggetto: Rispondi citando

Mazzetta di segnalazione ... distanziometro ... bastone telescopico... CAZZATE Evil or Very Mad
Qui ci vuole il sacrosanto MANGANELLO, quello in dotazione alla Polizia di Stato, ma da utilizzare come fanno le Polizie di tanti paesi occidentali, anche con governi di sinistra (GB, Spagna, ecc.).
Tu cerchi di aggredirmi? Io ti manganello
Tu opponi resistena? Io ti maganello
Basta con le CAZZATE di chi campa di chiacchiere (giornalisti, politici soprattuto exta-parlamentari, sindacalisti metalmeccanici [che ***** c' entrano poi?]).
MANGANELLO a chi lo merita Twisted Evil e sicurezza alla stragrande maggioranza dei cittadini onesti italiani e stranieri che chiedono a gran voce sicurezza.
GOVERNO, dove sei? Se ci sei batti un colpo (anche di manganello)
_________________
la legge italiana favorisce chi la vìola
Top
Profilo Invia messaggio privato
pacotom



Registrato: 11/04/04 19:39
Messaggi: 9134
Residenza: Saint Rosaly Town

MessaggioInviato: Mar 02 Set 2008 - 5:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sempre più poliziotti aggrediti durante i contolli
L'Asaps lancia l'allarme: realtà sottovalutata, ma in rapido aumento
Il fenomeno della violenza nei confronti degli operatori di polizia durante i controlli sulla sicurezza stradale è semisconosciuto dall'opinione pubblica, eppure è in costante crescita. I dati elaborati dall'Osservatorio dell'Asaps parlano chiaro: nel corso del primo semestre di quest'anno gli episodi di aggressione fisica sono stati 499, contro i 372 del 2007. Con un bilancio del genere la preoccupazione che a fine anno il numero degli episodi totali superi i 868 dell'anno scorso è molto forte.
Analizzando la situazione per aree geografiche, emerge che la maggior parte degli episodi è avvenuta al nord, con 277 eventi (55.5%), mentre nel mezzogiorno e nel centro del Paese si sono osservati rispettivamente 113 e 109 episodi (22.6% e 21.8%). "È nostra opinione che questa particolare violenza registrata al nord sia legata al fatto che proprio al settentrione i controlli della circolazione stradale siano più intensi e severi, come dimostrano le rilevazioni per il prelievo dei punti dalla patente e siano più frequenti e consolidate le occasioni del bere", ha dettoil presidente Giordano Biserni.
Le vittime colpite più di frequente sono state registrate tra i Carabinieri, con 159 aggressioni (pari al 31,8%), seguiti dalle forze di Polizia di Stato (252 episodi, corrispondenti al 50.5%), Polizia Locale (91 episodi, il 18.2%) ed "altro", intendendo con quest’ultima voce le divise che in generale non effettuano controllo del territorio, i Pubblici Ufficiali o gli Incaricati di Pubblico Servizio, comprendendo anche conducenti di autobus (o ferrovieri), guardie private e sanitari (40 eventi corrispondenti all’8% dei casi violenti).
L’uso di alcol e di armi proprie o improprie è stata collegata molto spesso all'aggressione, facendo rilevare che il 61,1% della violenza è alcol-correlata: in pratica più di un episodio su due (305 aggressioni su 499). Il 17,6% degli attacchi (8Cool è stato invece sferrato mediante l’uso di un’arma propria o impropria.
"In ogni caso non si tratta certo di semplici infortuni sul lavoro, ma il risultato di una degenerazione dei valori e di un crescente e preoccupante rancore verso chi interviene in difesa dei più deboli e della legalità”, ha commentato Biserni. Alcol come espressione di disagio sociale, sofferto in buona parte dalla popolazione straniera residente in Italia: 203 eventi (40.7%) hanno come protagonista “i forestieri”, la gran parte dei quali in stato di ebbrezza.
Autore: Eleonora Lilli
Data: 21 Agosto 2008
omniauto

In ospedale dà in escandescenze e prende a calci un agente
Protagonista della singolare vicenda una 45enne brasiliana che al pronto soccorso ha creato problemi al personale medico. Ha aggredito anche uno degli agenti intervenuti, provando a sferrargli un calcio ai genitali: arrestata
Pesaro, 27 agosto 2008 - E' stata soccorsa ieri notte in un bar di Pesaro, in evidente stato di ubriachezza, e portata al pronto soccorso. Ma dopo le prime cure ha lasciato l'ospedale di sua volontà. Poco dopo, quando si è accorta di aver dimenticato la borsa, è tornata indietro a riprenderla e ha creato alcuni problemi ai sanitari.
All'arrivo di una pattuglia, allertata dal personale ospedaliero, la donna, una brasiliana di 45 anni, regolarmente residente a Pesaro, si è rifiutata di dare le proprie generalità agli agenti e ha aggredito uno di loro dopo aver provato a sferrargli un calcio ai genitali. Il poliziotto ha riportato lesioni guaribili in 10 giorni, mentre lei è stata arrestata per resistenza e lesioni aggravvate a pubblico ufficiale.

Ubriaco finisce contro un albero poi aggredisce gli agenti
del 29/08/2008 di Alessandro Lazzarini
VIAREGGIO (Lucca) - Ubriaco alla guida di un furgone sulla via Aurelia sbanda e finisce contro un albero. Raggiunto dalla Polizia minaccia ed aggredisce gli agenti, poi per il trentottenne tunisino protagonista della vicenda sono arrivate le manette.
Erano le 6,30 del mattino quando un furgone in transito sulla via Aurelia Nord in prossimità di via della Gronda è sbandato finendo fuori strada contro dei cartelloni pubblicitari per poi arrestare la sua corsa contro un albero. Segnalato l'episodio alla Polizia gli agenti giunti sul posto si sono imbattuti in Amara Hassine Ben Mabrour, tunisino classe 1970 regolarmente residente a Viareggio. L'uomo però era in evidente stato di ebbrezza tanto che il suo linguaggio era decisamente sconnesso e alla vista delle forze dell'ordine ha dato in escandescenze diventando minaccioso prima a parole, poi passando alla vie di fatto quando ha opposto resistenza al punto di procurare qualche lieve lesione ad uno degli operatori. Come se non bastasse Amara ha poi rifiutato di sottoporsi all'alcool test.
Agli agenti non è rimasto che procedere al sequestro preventivo del furgone in attesa della successiva eventuale confisca, poi per il tunisino sono scattate le manette per i reati di minaccia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza. Sarà giudicato per direttissima dal Tribunale di Lucca sezione distaccata di Viareggio.
lo schermo

Siracusa: morde i poliziotti
Un egiziano di 37 anni Abdul Ahmed El Sayed Awed è stato arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. L'uomo era stato fermato per un controllo da un pattuglia della polizia di Stato e dopo aver mostrato la fotocopia di un passaporto alle domande degli agenti ha reagito mordendoli e prendendoli a calci. L'extracomunitario è stato ammanettato e portato nel carcere di Cavadonna. I due agenti feriti sono stati medicati nel pronto soccorso: hanno una prognosi di 8 giorni
31/08/2008 20:55
unione sarda

Con la moto investe poliziotto e sfonda la sbarra del casello a Battifolle
Un motociclista è stato arrestato dagli agenti della Polstrada aretina dopo che con la sua moto ha travolto un agente sfondando a Battifolle il casello autostradale.
Il pirata della strada non si è poi fermato e si è dato alla fuga; infatti fermato per un controllo è diventato impaziente durante il controllo dei documenti e a tutto gas è partito in sella llla moto investendo l'agente e sfondando la sbarra del casello autostradale.
Mentre alcuni agenti soccorrevano il collega altri si sono messi all'inseguimento della moto fermandola e arrestando il conducente, un albanese di 22 anni.
DOMENICA 31 AGOSTO 2008
arezzonews

Cinese senza biglietto picchia poliziotto
FORMIA Il suo viaggio in treno si è interrotto a Formia, dopo che il controllore ha verificato che era sprovvisto di biglietto. Il viaggiatore, un cinese, non contento, ha aggredito due agenti della polfer, intervenuti solo per controllare che lo straniero lasciasse il treno senza conseguenza alcuna. Invece uno dei due poliziotti è finito in ospedale con una prognosi di sette giorni. E' successo sabato sera alla stazione di Formia, dove sono volate botte, tante da rendere necessaria la corsa all'ospedale di Formia per uno dei due poliziotti.
01/09/2008
il Tempo

Roma, 10:29
FUGGE DA POLIZIA, PERDE IL CONTROLLO DELLA MOTO E MUORE
Per sfuggire a un controllo della polizia in sella a una moto di grossa cilindrata un giovane ha perso il controllo del mezzo e' caduto ed e' morto. E' successo la notte scorsa a Roma, in via Mura latine, nel quartiere di San Giovanni. Un brasiliano di 22 anni e' deceduto poco dopo essere giunto al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni. L'inseguimento e' iniziato in via Paruta, sempre nella zona di San Giovanni, dove la volante della polizia era giunta dopo alcune segnalazioni fatte al 113 per un uomo che rubava nelle autovetture parcheggiate nella strada. Quando gli agenti hanno tentato di fermare il brasiliano, che si trovava in sella ad una moto Yamaha, quest'ultimo si e' sottratto al controllo ed e' fuggito a tutta velocita'. In via delle Mura latine la moto ha sbandato e il giovane e' caduto a terra. Gli agenti lo hanno soccorso e hanno poi chiamato un'ambulanza del 118. Inutile la corsa al vicino ospedale San Giovanni.
la repubblica 02-09-2008

^ ^ ^
A parte l'ultimo caso, dove aggressione non c'è stata, ma solo una fuga finita male, questi sono solo una piccola parte dei casi dell'ultima settimana! Significativa poi la netta prevalenza di aggressori stranieri, non ci bastava la marmaglia locale!!!
Mi piacerebbe sapere quando saremo tutti in infortunio chi cavolo andràa lavorare per strada! Faranno uscire anziani, semidonei e sciancati? bene, ne avremo per un altro mese e poi? Ah, saranno rientrati quelli frattanto guariti! Ma trovare una soluzione prima, no? Evil or Very Mad
_________________

Ho visto cose che voi astemi non potete neanche immaginare...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
batmanroma



Registrato: 02/08/02 09:46
Messaggi: 19730
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Mer 03 Set 2008 - 7:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Rom aggredisce vigile urbano
Lorenza Di Brango
Un'accesa lite in Comune e un vigile urbano finito in ospedale, con un dente rotto e un occhio nero. Attimi di concitazione ieri mattina nel municipio di Cassino. Un uomo di 29 anni, Antonio Spada, originario di Minturno ma residente nella città martire, insieme alla moglie e al figlio di 7 anni, ha fatto irruzione all'interno dell'ufficio del sindaco Bruno Scittarelli.


Pretendeva una casa popolare. Già altre volte avrebbe avanzato questa richiesta, chiedendo incontri anche all'assessore ai servizi sociali, ma ieri mattina ha perso le staffe.
Momenti di tensione, urla e parole grosse: anche gli altri impiegati comunali sono stati richiamati dalle grida e sono intervenuti per cercare di placare gli animi, chiedendo anche l'intervento della polizia municipale. Gli agenti hanno tentato di far uscire l'uomo dalla stanza del sindaco, ma non c'è stato verso. Dalle parole presto si è passati ai fatti.
Alla fine uno dei tre vigili, per tutta risposta, è stato preso a pugni. Ha incassato due colpi al volto, che gli hanno procurato un trauma all'occhio e la rottura del dente. È stato medicato al pronto soccorso dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino: ne avrà per sette giorni. L'agente ferito è il maresciallo Antimo Panarella. Dopo la lite sono stati chiamati i carabinieri che, coordinati dal capitano Adolfo Grimaldi, sono arrivati in Comune ed hanno sentito diversi testimoni.
Spada è stato portato in caserma ed interrogato. Dopo alcune ore i militari lo hanno denunciato per «resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale».
La vicenda di ieri riporta con prepotenza l'attenzione sulla questione dell'emergenza abitativa: la casa rimane un sogno per molti, ma soprattutto un'esigenza. Le liste d'attesa per gli alloggi popolari dell'Ater sono sempre lunghissime e capita che qualcuno possa scegliere strade alternative.
C'è chi occupa abusivamente gli appartamenti, chi invece avanza pretese, a volte in malo modo.
Alla base di questi gesti, sicuramente condannabili, c'è però una necessità: quella di una casa.


http://iltempo.ilsole24ore.com/frosinone/2008/09/02/921138-aggredisce_vigile_urbano.shtml
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samurai



Registrato: 17/03/04 12:09
Messaggi: 10124
Residenza: P.M. a Bologna

MessaggioInviato: Mer 01 Ott 2008 - 5:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

COMUNICATO STAMPA SULPM

Bologna, 29 settembre 2008

Aggressione ad ispettrice di Polizia Municipale.

Sabato pomeriggio, in piazza dell' Unità, un' ispettrice di polizia municipale è stata ferita al volto col casco da un siciliano quarantenne che, a bordo di un motorino, era stato fermato in quanto non aveva rispettato il semaforo rosso.
Costui, alla richiesta dei documenti, prima ha tentato di allontanarsi poi, con fredda determinazione, con una testata ha colpito il viso dell' ispettrice che, a causa del casco che l' aggressore ancora indossava, ha riportato lesioni tali da dover ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso.
L' aggressore, con precedenti penali legati ad atti di violenza e rapina, è stato immediatamente arrestato e rinchiuso in cella in attesa di essere giudicato stamane per direttissima, mentre il ciclomotore, privo di assicurazione, è stato sequestrato.
E così sono già 4 i poliziotti municipali feriti a seguito di aggressioni subiti dagli appartenenti al Corpo nel corso del servizio prestato per la tutela della sicurezza della nostra città, e questo in poco più di una settimana: questo deve far riflettere un' Amministrazione che, a parole, si lancia in grandi pronunciamenti sulla sicurezza e, nei fatti, lascia ancora oggi i suoi dipendenti più esposti senza quelle minime dotazioni di difesa personale indispensabili.
I nostri segretari provinciali, Elisa Fancinelli, e regionale, Paolo Sarasini, si uniscono a questa segreteria nell' augurare una pronta e totale guarigione alla nostra ispettrice.
La Segreteria Aziendale SULPM di Bologna
_________________
C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
Alessandro Baricco:CASTELLI DI RABBIA
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sergio L.



Registrato: 02/01/09 11:52
Messaggi: 1
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Ven 02 Gen 2009 - 11:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Inasprire le pene?
A cosa serve?

In Italia non le applicano, c'è poco da fare.
A chi prende a calci e pugni un agente o una persona qualunque io darei almeno un anno di galera.

Qui prima di finire in galera (se ci finisci) devono passare mesi o anni.

Repubblica delle banane Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
paul x



Registrato: 10/11/08 08:17
Messaggi: 707

MessaggioInviato: Lun 20 Apr 2009 - 4:17 pm    Oggetto: aggressioni Rispondi citando

Purtroppo anche nella mia citta' sono avvenuti fatti di questo tipo , cose che in passato non accadevano. Il motivo principale di questi fatti è il proibizionismo . Cioe' paradossalmente è proprio il continuo sorgere di nuovi divieti, di nuovi obblighi , nuovi reati ridicoli che prima non esistevano che esasperano la gente e poi succedono fatti spiacevoli. Ovviamente non è colpa vostra che dovete mantenere l'ordine e far rispettare le leggi , ma dei politici che continuano ogni giorno a inventare nuovi reati e nuovi divieti. Ad esempio provate a pensare quanta gente litiga per il parcheggio in modo anche violento . Basterebbe smettere di inventare ztl , parcheggi blu , aree riservate ecc. ecc. che tutto finirebbe in un giorno. In italia si dovrebbe tornare al concetto stile anni 80 , cioe' è vietato solo quello che rompe i OO al prossimo . Il resto è ammesso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
trilussa



Registrato: 28/08/07 20:39
Messaggi: 1023
Residenza: capitale

MessaggioInviato: Mer 06 Mag 2009 - 4:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

ROMA: ENNESIMA AGGRESSIONE A UN VIGILE URBANO

Roma, 6 mag. - (Adnkronos) - "Ancora un'ennesima aggressione ai danni di un agente della Polizia Municipale di Roma stavolta del Gruppo 19, e' una spirale senza fine. Un uomo, di 32 anni, gia' sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio ieri sera, perche' se l'era presa con due agenti ed un auto del Gruppo 18, intorno alle 11 di oggi si e' ripetuto assalendo un altro agente, in via della Pineta Sacchetti altezza via S. Cleto Papa". Lo riferisce Alessandro Marchetti, Segretario Generale Aggiunto del Sulpm.
"L'agente, mentre parlava con un altro cittadino, e' stato improvvisamente colpito alle spalle con dei pugni in testa e sulla schiena dall'energumeno e, una volta a terra - continua - l'uomo ha continuato a colpirlo. Sono intervenuti due poliziotti statali di passaggio che l'hanno bloccato ed infine, un'altra pattuglia della municipale anch'essa di passaggio, l'ha ammanettato, fermato ed identificato. All'aggressore la guardia medica ha disposto il trattamento sanitario obbligatorio ed attualmente e' in ospedale mentre l'agente aggredito e' anche lui in ospedale per gli accertamenti".
"Siamo profondamente preoccupati perche' essendo considerati impiegati in divisa e non poliziotti - ha aggiunto Marchetti - ogni volta che ci aggrediscono ci rimettiamo pure parte dello stipendio. Peraltro l'agente aggreddito e' a tempo determinato e quindi senza neanche manette e lo spray anti-aggressione, oltre naturalmente a non sapere se sara' stabilizzato dal Comune. I vigili urbani sono continuamente oggetto di infortuni sul lavoro di tipo violento, ci dispiace che non se ne preoccupi mai nessuno e che ci considerino lavoratori di serie b o peggio carne da macello". "Il 7 maggio al tavolo sulla sicurezza - ha concluso - chiederemo al sindaco Alemanno di intervenire al fine di garantire almeno che in caso di infortuni non sia detratto il salario accessorio dei lavoratori e di fornire inoltre spray e manette a questi agenti e a quelli assunti un anno fa che ne sono tutti sprovvisti".
_________________
La Dipromazzia è una cosa che serve a la nazzione pe' conservà le bone relazione, co' quarche imbrojo e quarche furberia
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11  Successivo
Pagina 9 di 11

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it