Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Congedo straordinario biennale

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Marco168



Registrato: 11/03/12 15:48
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 11:29 am    Oggetto: Congedo straordinario biennale Rispondi citando

L'art. 4 lett. b) del D. Lgs. 18 luglio 2011, n. 119 stabilisce che:
"Il coniuge convivente di soggetto con handicap in
situazione di gravita' accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1,
della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ha diritto a fruire del congedo
di cui al comma 2 dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53,
entro sessanta giorni dalla richiesta. In caso di mancanza, decesso o
in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, ha
diritto a fruire del congedo il padre o la madre anche adottivi; in
caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del
padre e della madre, anche adottivi, ha diritto a fruire del congedo
uno dei figli conviventi;

Tenuto conto che il legislatore ha usato l'espressione "entro 60 giorni dalla richiesta", a mio avviso, la norma si riferisce solo al coniuge lavoratore dipendente.


Detto quanto sopra, espongo la mia situazione personale.

Sono figlio di un soggetto disabile grave riconosciuto tale dalla commissione di cui alla L.104/92. Usufruisco giÓ da anni dei permessi di cui all'art. 33 della medesima legge.

Mia madre (coniuge del disabile) Ŕ pensionata e ultrasessantacinquenne.

Essendo io convivente con il disabile e non potendo certo mia madre richiedere tale beneficio, mi spetterebbe il congedo straordinario previsto dal D.Lgs. 151/01 ?

Ringrazio in anticipo per l'eventuale ma per me importante risposta.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Prof. Maurizio



Registrato: 24/06/08 12:50
Messaggi: 3536

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 12:09 pm    Oggetto: Re: Congedo straordinario biennale Rispondi citando

Marco168 ha scritto:
L'art. 4 lett. b) del D. Lgs. 18 luglio 2011, n. 119 stabilisce che:
"Il coniuge convivente di soggetto con handicap in
situazione di gravita' accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1,
della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ha diritto a fruire del congedo
di cui al comma 2 dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53,
entro sessanta giorni dalla richiesta. In caso di mancanza, decesso o
in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, ha
diritto a fruire del congedo il padre o la madre anche adottivi; in
caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del
padre e della madre, anche adottivi, ha diritto a fruire del congedo
uno dei figli conviventi;

Tenuto conto che il legislatore ha usato l'espressione "entro 60 giorni dalla richiesta", a mio avviso, la norma si riferisce solo al coniuge lavoratore dipendente.


Detto quanto sopra, espongo la mia situazione personale.

Sono figlio di un soggetto disabile grave riconosciuto tale dalla commissione di cui alla L.104/92. Usufruisco giÓ da anni dei permessi di cui all'art. 33 della medesima legge.

Mia madre (coniuge del disabile) Ŕ pensionata e ultrasessantacinquenne.

Essendo io convivente con il disabile e non potendo certo mia madre richiedere tale beneficio, mi spetterebbe il congedo straordinario previsto dal D.Lgs. 151/01 ?

Ringrazio in anticipo per l'eventuale ma per me importante risposta.



La disposizione dei 60gg. dall'istanza Ŕ in vigore ed estesa anche ai familiari diversi dal coniuge (le Sentenze di Cassazione hanno esteso il diritto, ma anche i vincoli iniziali previsti per il solo coniuge ripresi in parte anche dal D.L. 119). Tale periodo di 2 mesi rappresenta comunque il periodo massimo che il datore di lavoro pu˛ pretendere per organizzare l'eventuale assenza del dipendente richiedente il congedo, ma Ŕ possibile ovviamente fruire del congedo anche a pochi giorni dall'istanza se il datore di lavoro non ha particolari problemi organizzativi.

In ogni caso deve dimostrare l'impossibilitÓ della prestazione assistenziale di sua madre nei confronti del coniuge disabile (obbligatoria ai sensi degli artt. 143, 433 ecc. del c.c.) come disposto dalla norma da lei citata con appositi certificati di patologie invalidanti in quanto l'etÓ anagrafica di sua madre ai fini della legge Ŕ irrilevante.

Altrettanto irrilevante Ŕ la condizione di sua madre "pensionata" e quindi impossibilitata alla fruizione del congedo stesso. In sostanza la norma non Ŕ destinata alla fruizione assoluta del congedo, ma a garantire l'assistenza al disabile, cioŔ se il coniuge non pu˛ fruire del congedo in quanto pensionato, ma pu˛ comunque fornire assistenza al marito disabile il congedo non spetta a nessuno perchŔ lo scopo della legge Ŕ quello di non far mancare l'assistenza e non quello di fornire la possibilitÓ ad ogni costo del congedo.


Salve.

Maurizio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi