Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Negazione legge 104

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Sergi_9987
89cc





MessaggioInviato: Mer 19 Set 2012 - 3:07 pm    Oggetto: Negazione legge 104 Rispondi citando

Gentile dott. Maurizio,
è possibile che il responsabile di un ufficio/struttura pubblica possa negare ad un dipendente la fruizione dei 3 gg. di legge 104 per assistenza ad un genitore?

Nella nostra struttura utilizziamo un modulo di richiesta permesso L.104 che il responsabile vista e invia all'ufficio del personale.

Mi chiedo se tale visto da parte del responsabile sia legittimo e se può negare la richiesta con la motivazione della esigenza di servizio.

La ringrazio per l'attenzione.
Top
Prof. Maurizio



Registrato: 24/06/08 12:50
Messaggi: 3511

MessaggioInviato: Mer 19 Set 2012 - 9:05 pm    Oggetto: Re: Negazione legge 104 Rispondi citando

Sergi_9987 ha scritto:
Gentile dott. Maurizio,
è possibile che il responsabile di un ufficio/struttura pubblica possa negare ad un dipendente la fruizione dei 3 gg. di legge 104 per assistenza ad un genitore?

Nella nostra struttura utilizziamo un modulo di richiesta permesso L.104 che il responsabile vista e invia all'ufficio del personale.

Mi chiedo se tale visto da parte del responsabile sia legittimo e se può negare la richiesta con la motivazione della esigenza di servizio.

La ringrazio per l'attenzione.


No, non si può impedire la fruizione in quanto diritto legislativo.

L'amministrazione ha solo il compito del controllo documentale iniziale (annuale).

Solo in presenza di documentazione inidonea al rientro in diritto (es: ricovero del disabile, verbale di handicap grave scaduto, ecc.) è possibile impedire la fruizione, in caso contrario si configura un reato penale perseguibile per abuso d'ufficio (cfr. Sentenza della Cassazione Sezione Penale VI, n. 36597, del 7 luglio 2005 per mancata concessione di permessi - Condanna penale di un Dirigente). Per ripetuti impedimenti alla fruizione si rischia anche una condanna di risarcimento danni (danno esistenziale cfr. Tribunale di Lecce - Sezione Lavoro Sent. n. 6905 del 02.03.2004 con una definitiva condanna di un D.S. per aver negato un permesso L.104/92) ed eventuale danno biologico verso terzi (se ad esempio il disabile subisce un danno diretto o indiretto documentato derivante dalla mancata assistenza dovuta).

Salve.

Maurizio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Sergi_9987
89cc





MessaggioInviato: Gio 20 Set 2012 - 7:28 am    Oggetto: Re: Negazione legge 104 Rispondi citando

La ringrazio molto per l'esauriente risposta.
Top
arpita



Registrato: 27/09/12 07:23
Messaggi: 11
Residenza: delhi

MessaggioInviato: Gio 27 Set 2012 - 7:27 am    Oggetto: Rispondi citando

Nice Sharing..
Top
Profilo Invia messaggio privato
exsissina
6d36





MessaggioInviato: Dom 07 Ott 2012 - 8:38 pm    Oggetto: Contestazione richiesta 3 giorni permesso mensile legge 104. Rispondi citando

Salve, sono una docente ed ho inoltrato la richiesta dei 3 giorni nella mia scuola.
La segreteria mi ha chiesto di consegnare un documento in cui la disabile dichiara e richiede in prima persona di voler essere assistita soltanto da me. A chiusura del documento è richiesta la firma in calce della disabile. Io ho fatto firmare la persona in questione (ultra-ottantenne con, tra le altre cose, ischemie e infarto pregressi,oltre ad un inizio di parkinson) ma la firma non è stata ritenuta graficamente identica a quella apposta sulla fotocopia della carta d'identità della stessa. La segreteria mi ha contestato la richiesta dei 3 giorni inviandomi una richiesta scritta (protocollata) di regolarizzazione della firma. Mi chiedo: la segreteria può richiedere una dichiarazione del genere firmata dal disabile?
Poichè la disabile è mia nonna, mi è stata inviata una richiesta scritta di consegnare la dichiarazione di rinuncia di ogni parente firmata, con allegati la carta d'identità del singolo. Ma se io ho già consegnato una dichiarazione di non fruizione da parte di altri parenti dei benefici della 104, non spetta poi alla scuola controllare la veridicità delle mie dichiarazioni? Ho un parente fuori città che non riesco a rintracciare da giorni....e non so come fare.
Top
Prof. Maurizio



Registrato: 24/06/08 12:50
Messaggi: 3511

MessaggioInviato: Dom 07 Ott 2012 - 9:11 pm    Oggetto: Re: Contestazione richiesta 3 giorni permesso mensile legge Rispondi citando

exsissina ha scritto:
Salve, sono una docente ed ho inoltrato la richiesta dei 3 giorni nella mia scuola.
La segreteria mi ha chiesto di consegnare un documento in cui la disabile dichiara e richiede in prima persona di voler essere assistita soltanto da me. A chiusura del documento è richiesta la firma in calce della disabile. Io ho fatto firmare la persona in questione (ultra-ottantenne con, tra le altre cose, ischemie e infarto pregressi,oltre ad un inizio di parkinson) ma la firma non è stata ritenuta graficamente identica a quella apposta sulla fotocopia della carta d'identità della stessa. La segreteria mi ha contestato la richiesta dei 3 giorni inviandomi una richiesta scritta (protocollata) di regolarizzazione della firma. Mi chiedo: la segreteria può richiedere una dichiarazione del genere firmata dal disabile? .


No, è un abuso.

La dichiarazione di assistenza la deve solo depositare lei, non certo il disabile. A parte la condizione di abuso nella maggior parte dei casi di disabilità mentale non sarebbe possibile.

exsissina ha scritto:
Poichè la disabile è mia nonna, mi è stata inviata una richiesta scritta di consegnare la dichiarazione di rinuncia di ogni parente firmata, con allegati la carta d'identità del singolo. Ma se io ho già consegnato una dichiarazione di non fruizione da parte di altri parenti dei benefici della 104, non spetta poi alla scuola controllare la veridicità delle mie dichiarazioni? Ho un parente fuori città che non riesco a rintracciare da giorni....e non so come fare.


E' un altro abuso. Si tratta di terzi che con l'amministrazione non hanno nulla a che vedere.

Chieda il giorno dopo la consegna della "lecita" documentazione e dopo 10-15 giorni richieda direttamente i giorni di permesso facendo riferimento a tale documentazione depositata. In caso di diniego del giorno di permesso si profila un reato penale da parte del D.S. oltre ad eventuali danni risarcibili.

Occorre però essere sicuri del deposito documentale valido e completo, in linea con le direttive di legge e circolari applicative.
in tal senso, se lo ritiene necessario, mi contatti in privato (nell'assoluta gratuità) per verificare la completezza della documentazione prodotta.

Salve.

Maurizio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Ospite
6d36





MessaggioInviato: Dom 07 Ott 2012 - 9:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Cosa intende quando dice "Chieda il giorno dopo la consegna della "lecita" documentazione"?

Fino a questo momento la segreteria possiede copia del verbale Asl di accertamento di condizione di grave disabilità, copia carta d'identità del disabile, domanda di richiesta permessi art. 33 comma 3 legge 104 (quella in cui mi è stata contestata la firma del disabile) e riepilogo situazione lavorativa dei figli della disabile (in caso l'amministrazione voglia procedere alla verifica della non fruizione dei benefici della legge 104 da parte di questi ultimi).
Il deposito documentale può considerarsi valido e completo, in linea con le direttive di legge e circolari applicative? O manca qualcosa?
Top
Prof. Maurizio



Registrato: 24/06/08 12:50
Messaggi: 3511

MessaggioInviato: Dom 07 Ott 2012 - 9:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anonymous ha scritto:
Cosa intende quando dice "Chieda il giorno dopo la consegna della "lecita" documentazione"?

Fino a questo momento la segreteria possiede copia del verbale Asl di accertamento di condizione di grave disabilità, copia carta d'identità del disabile, domanda di richiesta permessi art. 33 comma 3 legge 104 (quella in cui mi è stata contestata la firma del disabile) e riepilogo situazione lavorativa dei figli della disabile (in caso l'amministrazione voglia procedere alla verifica della non fruizione dei benefici della legge 104 da parte di questi ultimi).
Il deposito documentale può considerarsi valido e completo, in linea con le direttive di legge e circolari applicative? O manca qualcosa?


Secondo le direttive del Min. della Funz. Pubblica lei, come qualsiasi altro dipendente pubblico, deve depositare agli atti tutta la documentazione utile alla maturazione in diritto dei permessi (Verbale ASL, dichiarazioni personali, ...non necessita alcun documento di identità del disabile ne la condizione di altri familiari del disabile in quanto lei è parente entro il 2° grado). Dopo un tempo utile al controllo documentale (7-15 gg.) lei puo richiedere con semplici istanze o modelli in uso alla sua amministrazione i giorni di permesso facendo espresso riferimento per tutto l'a.s. al deposito documentale già protocollato.

Salve.

Maurizio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it