Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
CITTADINANZA ITALIANA VIA MATERNA
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 133, 134, 135
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Sab 19 Nov 2011 - 7:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tutto quello scritto dal Professor Horacio Guillén dimostra la gran provvista di dati che può fare, degno ed Eccellente Professore di diritto, ma la cosa deplorevole è che agisca, sviluppando tesi, e trattati, come si sviluppavano tesi e trattati giustificando la quadratura della terra, la non evoluzione, il credere che la terra fosse il centro del mondo che si arrivava con una scala alla luna, che l'uomo mettendosi ali nella schiena poteva volare, che tutti gli umani nascemmo di Adamo ed Eva-

Scienziati notevoli, dottori, professori universitari, e fino la Chiesa disse che quegli erano verità incontestabili, che solo se si era matto si potevano dire un'altra cosa, e, il peggio, alcuni, per essere contrari alla prepotenza che imponeva menzogne come verità, finirono in falò per eretici, per avere diritto a bruciarli, esposero, davanti al paese, i suoi titoli universitari, di nobiltà e quello che Dio aveva dato al Papa, per giudicare come sacrileghi a chi pretendeva dire che la Creazione di Dio, non era come questi dotti dicevano che era o mostravano, con sue parole, scrivendo profusi trattati, tesi, libri, vanagloriandosi di appartenere a tale o quale confraternita, infine, un mondo di oscurantismo, ben montato per mantenere alla plebe arretratezza culturale.

Questo, è quanto ha cercato di fare il Professore Horacio Guillén con la gente che ignora quale sono davvero suoi diritti, io questo, io quest'altra cosa, che questo titolo che questo altro, che collaborai qua, che collaborai là, che non mi amo fare propaganda, tutto può leggersi nei post che mi precedono, ma, parlando in buona sostanza, aggiunge sempre l'io davanti, il discredito di chi cerca di conversare con lui, squalifica l'avversario, non con argomenti legali bensì con qualificativi nettamente personali, e la cosa peggiore, la cosa più triste, è che non è capace di interpretare, o esporre da se, una tesi personale, basata in leggi e diritto, sull'articolo 1 item 2 della legge n. 555 del 1912, come neanche sa rispondere sull'inapplicabilità del 10 terzi item, per l'applicazione del 8 secondo item, alla sola lettura c'è tra tutti due una contrapposizione.

Vediamo se posso essere chiaro: nessuno nega quanto, ma a cosa servì alla causa per i discendenti di italiana e straniero, non trasmittente della propria cittadinanza, fossero riconosciti italiani come si imporsi nell'articolo 1 comma 2 della legge 555/1912? DI ASSOLUTAMENTE NIENTE. Vergognosamente il Dipartimento a capo dalla Prefetto Giovanna MENGHINI, pure essendo Lei una donna, continua a negare quanto Imposto Per Legge, innegabilmente, tra buoi italiani, sì ci sono delle cornate.

Fortunatamente non stiamo più nell'epoca dell'oscurantismo, fortunatamente esiste Internet, fortunatamente oggi sì possiamo affrontare allo Stato italiano che, a emigrati e discendenti, cerca, di mantenerci nell'oscurantismo, facendoci credere che non abbiamo diritti, che perché nascemmo fuori dall'Italia siamo stranieri, trasformati in italiani solo e unicamente mediante l’applicazione della circolare k.28 8 aprile 1991, non applicazione dell'articolo 1 comma 2, legge n. 555 del 1912, perdita della cittadinanza italiana, da parte della donna che si sposava con straniero, nonostante senza l'iure matrimoni, cioè trasmissione della cittadinanza per matrimonio, nonostante se quella circostanza non è contemplata nella legge del marito straniero, come malgrado che lo segue sostenendo la Corte suprema di Cassazione nel suo ridicola e stupida sentenza 4466, la corte si defecò nella legge argentina di cittadinanza che non contempla l'Iuris Matrimonii , dicendo che sì lo faceva e che essi riconoscevano la cittadinanza italiana, senza tener conto se persa per matrimonio con argentino, senno per l'uguaglianza dei sessi, cioè una cojionata degna della corte suprema italiana di cassazione, che La Donna Italiana Prima di 1948 Mai, in nessun modo Ed in nessun modo, nonostante se così la legge non lo dice, Trasmise La Cittadinanza Italiana Ai Suoi Figli, Ostacolarci, illegalmente, trascrivere le nostre dichiarazioni di mutamento nel nostro status civile, (nascite, matrimoni, divorzi, adozioni, morti, a partire dal nostro antenato emigrato che dà motivo alla nostra cittadinanza italiana), effettuate all'esterno, direttamente nei comuni italiani, come l'ordina l'articolo 12 item 11 del DPR n. 396 del 2000, tutti questo tesi di negazionismo di nostri dirittim difesi Ad Oltranza per il Dottor Sereno Scolaro e anche per il Professore Horacio GUILLÉN,

Noi, per avere detto a tutti, quali sono nostri diritti e come difenderli, gratis, ci si trattò come materia fecale, mah… anche la vendetta di DIO viene servita in piatto, fredda, Horacio Guillen per vendere specchi di colori, fu premiato con la migliore sentenza del mondo, quella che sempre ottiene l'argentino "piola", che, alla fine, finisce mostrando a tutti che è un povero "CHE BOLUDO", vendendo i suoi specchi di colori cercando di convincere a tutti i costi, che legalmente voi, non avete nessun diritto, e che se volete essere italiani, solo potete esserlo pagando, Dovete Fare causa e che Lui vi rappresenti nel giudizio contro lo Stato italiano, però a lui, il proprio giudizio, il giudizio che instaurò contro lo stato italiano, affinché lo riconoscessero la cittadinanza, per sentenza e non per l'articolo 1 comma 2 della ley555/1912, per la propria imperizia e l'imperizia dei suoi avvocati fu un tiro uscito per il sedere, un tiro di grazia, dove il Giudice rispettando i codici di Onore Di "I Veri Siciliani", pontificò riconoscere la cittadinanza italiana, per sentenza, una volta che prestasse il Giuramento Di Legge, come se gli concedessero la cittadinanza per naturalizzazione ad un straniero, nonostante se il Consolato di Cordova si è fatto il "cojione" sappiamo che né Guillén né i suoi figli potranno esercitare mai la cittadinanza italiana per non potere prestare mai un giuramento Inesistente, il tiro di grazia Giustizia si È fatta


Y ahora, leguleyo de cuarta, que tenés que decir al respecto? :wink
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA


L'ultima modifica di F.A.S. il Lun 28 Mag 2012 - 11:53 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
cidadania italiana
3af9





MessaggioInviato: Dom 08 Apr 2012 - 4:17 pm    Oggetto: cittadinanza italiana Rispondi citando

In Brasile ci sono più di 500 mila persone alla ricerca dell'acquisto della cittadinanza italiana.
Sulla rete ho trovato perfino una rete sociale creata per i discendenti d'italiani in cui si parla di questo tema http://www.polentona.com Chissà se un giorno tutta questa gente verrà a vivere in Italia... Shocked
Top
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Lun 09 Apr 2012 - 8:31 pm    Oggetto: Re: cittadinanza italiana Rispondi citando

cidadania italiana ha scritto:
In Brasile ci sono più di 500 mila persone alla ricerca dell'acquisto della cittadinanza italiana.
Sulla rete ho trovato perfino una rete sociale creata per i discendenti d'italiani in cui si parla di questo tema http://www.polentona.com Chissà se un giorno tutta questa gente verrà a vivere in Italia... Shocked
Normalmente questo tipo di PROPAGANDA viene messa per congregazioni crisitiane brasiliani, che utilizzano la fede per fare soldi usando qualsiasi mezzo.
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Dom 27 Mag 2012 - 11:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

La domanda del milione, dopo la ridicola sentenza, passata in giudicato, mediante la quale il giudice, concedeva al avvocato sud americano, Guillen, spagnolo per ius sanguini, il padre era di ascendenza spagnola, e sua prole discendenza, la cittadinanza italiana, dopo il giuramento di legge Laughing , scusate mah..., e la complicità, silenzio quasi omertoso, mai ha risposto cosa a fatto con la sentenza siciliana, del ex Console Generale, a Buenos Aires, GIANCARLO MARIA CURCIO, qualcuno potrebbe informarci, dopo tutto il danno che ha fatto, con le sue tesi sbagliate e fuori luogo, cosa è della vita del leguleio, della famosa frase "pur se nati primo del 1948"?
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Sab 30 Giu 2012 - 9:12 pm    Oggetto: Scolaro e suo amico, che sa tanto quanto sa Scolaro Rispondi citando

Armagedón ha scritto:
Anonymous ha scritto:


Nooo, si está claro!!!
El Francisquito no es que quiera luchar porque los descendientes de italiana antes del 48 logren su ciudadanía... nooooo!
Lo único que quiere es que se haga como él dice, por el art. 1,2, jejejjejej
no, si está mas claro todavía, si alguien dice que hay que aplicar la ley, es francisquito, si alguien dice que hay que cagarse en la ley es un hijoeputa que intenta por todos los medios que los derechos de los italianos nacidos en el exterior sean pisoteados, más claro echale agua, si estás del lado de la ley, e insistes que la ley se aplique sos un francisquito, si en cambio decís que la ley no existe, que hay que modificarla, que no hay que interpretarla en la aplicación literal del texto, y siguiendo la normativa, en el tiempo de vigencia, si querés que los derechos adquiridos sean negados, sos un hijoeputa, ergo, yo estoy del lado de los francisquitos, vos quedate del lado de los hijoeputas, evidentemente francisquitos e hijoeputas no pueden estar nunca de acuerdo, los francisquitos ayudan a nuestros compatriotas mostrándoles como son las cosas, los hijoeputas hacen lo que vos haces, sin argumentos solo enchastrar las cosas, pero quedate tranquila, aun si la gente no toma partido, porque están aterrados con la sola idea que los hijoeputas los difamen, acá estamos nosotros, los francisquitos pa meterles los Montecristo Clase A, en el agujerito della comprensione Wink Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing No te calentes hermano, no valen la pena, ellos son los que falsificaron atestados, residencias, documentación, y ahora querían currar con los juicios, pero cada vez se les hace más difícil, por eso reaccionan como perros sarnosos, ¿no te das cuenta que para estos atorrantes, rufianes y prostitutas, el único problema es Francisquito? si los Francisquitos no existiera, harían su agosto, pero como cada día hay más Francisquitos se retuercen en su inmundicia,

no les importa que nuestros compatriotas tengan derechos, lo único que les importa es como pueden hacer para aparentar que esos derechos no existen así, la gilada, contrata sus servicios para hacer precisamente lo que la ley manda, ellos lo hacen por la vía difícil, que k.28 que analorgía, los francisquitos solo con la 555/1912 art 1 comma 2 y OSC Art 12 comma 7, comma 11, comma 12, Art 18, Articolo 21 comma 3 y articolo 22, ahora si la gente decide hacerlo como dice la ley y dentro de la ley, a lo Francisquito, o mendigando la ciudadanía y haciendo juicios, allá ellos, en definitiva uno no es que uno pueda levantarlos en brazos y hacerles hacer el eructito. gente grande che, la gente grande eructa sola sin que nadie los aúpe y les de golpecitos en la espalda Laughing


e tutto è sbocciato, per Guillen e filiis, non difendendo quello che la legge imponeva, nell'articolo 1 comma 2, legge 555/1912, con grande incapacità avvocatizia e imperizia giudiziale, in una sentenza di merda, giuramento di acquisto della cittadinanza italiana, leggi bene forumnista, siediti, tieniti forte e non ti cacare delle risate, GIURAMENTO PER OTTENERE LA CITTADINANZA ITALIANA per IUS SANGUINIS, da parte di chi sono considerati, per il giudice, stranieri, tanto aveva rotto le palle Guillen, nelle scritte e nelle udienze, con che erano stranieri che li sentenzia che se convertiranno ITALIANI IUS SANGUINIS solo e unicamente per GIURAMENTO di legge o di rito?????, mediante Laughing Wink
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Lun 10 Set 2012 - 4:37 pm    Oggetto: Re: TELA APUNTALO PAQUENO SETEPIERDA Rispondi citando

Grande Ciccio ha scritto:
Vaffa 'Nto Ciantini detto Profesor Guillen il Sab 14 Mar 2009 - 11:58 ha scritto:
Al meno ci sono qua due affermazioni contradittorie. L'avvocato sudamericano:
È un perdente?
O ha vinto la sua sentenza?

Se ha vinto, non sembra essere un perdente...

PER TE ESSERE PADRONE DI UNA SENTENZA DI MERDA E' UGUALE AD AVER VINTO UNA SENTENZA?

Dopo fare il ridicolo, con demenziali teorie, disegni e insulti,
durante otto anni, senza nessun risultato,

PUOI DIRCI SE HAI VINTO UNA SENTENZA, ANCHE SE DI MERDA?
no, non ha vinto nessuna sentenza d'esse tipo, ma conosciamo a uno che sì,

Tribunale di Caltanissetta, nel procedimento iscritto sotto il n. 1722 R.G

"Non può essere accolta la richiesta di ordine di iscrizione dei nominativi degli attori nel registro relativo alla cittadinanza dell'ufficio dello stato civile del Comune di Nicosia, posto che gli attori non risiedono in detto Comune (vd. art. 23 DPR 3.11.2000, n. 396), rilevando comunque che l'iscrizione della sentenza, una volta passata in giudicato, non necessita di ordine giudiziale e che
l’iscrizione medesima è subordinata alla prestazione del giuramento di legge
."


Il tribunale di Caltanisetta, nel procedimento iscritto sotto il n. 1722 R.G, essendo l'integrazione del Signor Guillen e filiis, subordinata a prendere il giuramento di legge, fallace e inesistente, l'ha fatto italiano per sentenza, senza autorizzarlo, né a lui né ai suoi figli, a trascrivere né sentenza né atti, nel Comune di Nicosia, unico comune competente, per legge, per trascrivere/annotare, secondo corrisponda, sentenza ed atti e procedere a formare gli atti di stato civile italiani equipollenti, atti di nascita italiani, comune competente per essere di ultima residenza del capostipite italiano dante causa, emigrato, Vincenzo Montaperto, cittadino italiano, nato in Nicosia, il 24 novembre 1879, in quel tempo provincia di Catania, oggi provincia di Enna, unito in matrimonio, il 20.1.1902, con Maria Luca La Valle, nata anche in Nicosia il 10.9,1882, proscrivendo, anche, trascriverli in altro qualsiasi registro pubblico, comunale, di Stato Civile Italiano,

Essendo l'integrazione, degli atti di nascita esteri, mediante la formazione degli atti italiani di nascita, una requisito inevitabile per esercitare il status civitatis italiano e capacità giuridica, essendo essa incorporazione subordinata al giuramento, un giuramento che nella realtà, nel concreto, non lo contempla la legge, per inesistente, la disposizione della subordinazione, del tutto strafalciona, rende la sentenza inabile per essere perfezionata, essendo INAMMISSIBILE, LA PRESTAZIONE DI UN GIURAMENTO, come mai gli avv.ti Gabriele Cantaro e Maria Teresa Montalbano, in Enna, e il Signor Horacio Pedro Guillen, sudamericano, Argentino, Avvocato e professore del diritto, non lo avvertirono, e lasciarono passare in giudicato una tale inammissibilità?

_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
mgrizzuti



Registrato: 16/07/05 22:28
Messaggi: 697
Residenza: Buenos Aires

MessaggioInviato: Lun 10 Set 2012 - 5:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il Dr. Guillen no ha dovuto giurare nulla. Senz'altro.
Ancora con questo tema???
_________________
Maria Grizzuti
mariadelgrizzuti@gmail.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Lun 10 Set 2012 - 9:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

mgrizzuti ha scritto:
Il Dr. Guillen no ha dovuto giurare nulla. Senz'altro.
Ancora con questo tema???
Questa sì che è una delle tue belle. Cosa inesistente potrebbe avere giurato?

Ma se vuoi dire che li hanno dato il passaporto, CHI? (sempre che non si tratti di un CORROTTO, NON dovresti avere PROBLEMI IN NOMINARLO), e trascritto gli atti DOVE? (sempre che non si trattasse di un ATTO DI CORRUZIONE non dovresti avere PROBLEMA IN DARE LE INDICAZIONI DEL CASO), senza attendere alla sentenza, consentirebbe dire che si è violato quanto sentenziato? Si ha omesso, mancato alla sentenza? Se la sono passata per il sedere? E chi è stato il responsabile? Già che non si è compiuto con quanto emanato per il giudice, secondo te, tutto a posto ignorando la sentenza, giusto è sapere com'è finita la storia e chi ha intervenuto, il nome di chi ha attuato è importantissimo per sapere chi è, e come ha fatto per evitare l'applicazione della sentenza, PASSATA IN GIUDICATO, perché o è un idiota o l’hanno subornato.

Io non posso affermare che così sia, ma se così è, QUANTO LI È COSTATO MANIPOLARE LA SITUAZIONE, COMPERANDO, CORROMPENDO AL FUNZIONARIO?

O saranno le tue solite desiderate? Dimostrami che sbaglio? Dimostra a tutti che a Guillén li hanno trascritto gli atti e ha Ottenuto il PASSAPORTO ITALIANO, ma per farlo devi dire come, non buttare al vento pensierini che non servono a nulla, solo con evidenze, concrete, potrebbe dimostrarsi il nostro errore, con un “Il Dr. Guillen no ha dovuto giurare nulla. Senz'altro.”, non basta, il tema e troppo serio perché si prenda tanto leggermente.

Vogliamo i dati, hai capito? Senno come possiamo crederti, e non pensare che si tratti di FALSO IN ATTI PUBBLICI, MEDIANTE METODI CORRUTTIVE?

O sarà che non li hanno dato il passaporto e neanche trascritto gli atti, perché la sentenza NON LO PERMETTE SENZA IL GIURAMENTO DI LEGGE, E TU STAI CONFERMANDO QUESTO???? Wink
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Mar 11 Set 2012 - 9:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Vincenzo Montaperto, cittadino italiano, nato a Nicosia, il 24 novembre 1879, in quel tempo provincia di Catania, oggi provincia di Enna, si era unito in matrimonio, il 20.1.1902, con Maria Luca La Valle, nata nella stessa Nicosia il 10.9,1882; dal matrimonio era nata, a Buenos Aires il 19 agosto 1918, Dolores María Gracia Montaperto; quest'ultima, in data 16.12.1943, l’attore Guillen Horacio Pedro; quest'ultimo ha contratto matrimonio a Buenos Aires in data 28.1.1971, con Salgado Mónica Lidia, cittadina argentina; dal matrimonio sono nati, nel luogo e nelle date in epigrafe di sentenza indicate, María Constanza Guillen, Nicolás Emanuel Guillen, Mauro Esteban Guillen, Juan Pablo Julio Guillen, María Magalí Guillen, attori in questo procedimento.

Sempre ci domandammo perché l’accanimento di Horacio Guillén, contro l’articolo, 1 comma 2, Legge 13 giugno 1912, n.555 sulla cittadinanza italiana, appoggiato in un tutto per SERENO SCOLARO, con l’esempio seguente si capirà bene il perché.
si era unita in matrimonio con il cittadino argentino Guillen Pedro; da detto matrimonio è nato, a Buenos Aires il 9.10.1944,
Manca dire che Guillén, argentino ius soli, era figlio di Guillén, argentino di padre spagnolo, ossia, Guillén Horacio Pedro, era pure spagnolo per ius sanguini, per tanto a Horacio Pedro Guillén non corrisponde l’attribuzione della cittadinanza italiana per l’articolo 1 comma 2, Legge 13 giugno 1912, n.555 sulla cittadinanza italiana, non mostrando questa circostanza, della sua cittadinanza spagnola, trasmessa per via paterna, truffa alla giustizia italiana, come, allora, poteva essere a favore della difesa dell’applicazione dell’articolo 1 comma 2, Legge 13 giugno 1912, n.555 sulla cittadinanza italiana? Fecce l’impossibile perché si negasse l’applicazione, fine s’inventò la frase “pur se nati primo del 1948”, una ridicolezza messa a considerazione del Parlamento per Antonio Merlo, che, per gli italiani all’estero, non fecce mai niente.

Va pertanto riconosciuta la cittadinanza italiana all'attore Horacio Pedro Guillen. Di conseguenza, va riconosciuta la cittadinanza italiana anche agli altri attori, figli del predetto, in quanto figli di cittadino italiano. Non può essere accolta la richiesta di ordine di iscrizione dei nominativi degli attori nel registro relativo alla cittadinanza dell'ufficio dello stato civile del Comune di Nicosia, posto che gli ultori non risiedono in detto Comune (vd. art. 23 DPR 3.11.2000, n. 396), rilevando comunque che l'iscrizione della sentenza, una volta passata in giudicato, non necessita di ordine giudiziale e che l’iscrizione medesima è subordinata alla prestazione del giuramento di legge.
La sentenza è ben chiara, non si trascrivono gli atti nel comune di Nicosia, per tanto l’unico che riamane è trascriverli nel Consolato, ma sotto la condizione di farlo dopo prenderli il giuramento di legge.

I Consolati non hanno potestà di portare registri di stato civile, propri, e scollegati dei registri italiani, non esiste nessun giuramento di legge per esercitare la cittadinanza italiana per ius sanguini, per tanto, e per quanto, ci troviamo fronte a un Giudice che ha sentenziato in maniera scimunita, disconoscendo, assolutamente, la legislazione italiana in referenza, e il peggio, l’incapacità degli avvocatesse italiane e l’avvocato argentino, Guillén, che come il giudice DISCONOSCEVANO LA LEGISLAZIONE E LASCIARONO PASSARE IN GIUDICATO, una sentenza che impedisce, in maniera, EFFETTIVA ED EFFICACE, che Horacio Pedro Guillén, e filiis, possano esercitare lo status civitatis italiano, che, come già ho detto, non corrispondeva attribuirli, perché Horacio Pedro Guillén È SPAGNOLO PER IUS SANGUINI, per tanto questa causa parte di una posizione truffaldina. Compiango a Sereno SCOLARO per appoggiare questo tipo di gente e quanta porcheria scrivono nel forum.
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
mgrizzuti



Registrato: 16/07/05 22:28
Messaggi: 697
Residenza: Buenos Aires

MessaggioInviato: Mar 11 Set 2012 - 9:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

VIOLAZIONE PRIVACY
_________________
Maria Grizzuti
mariadelgrizzuti@gmail.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Mer 12 Set 2012 - 11:21 am    Oggetto: Ripeto messaggio cancellato da SCOLARO per coprire amichetto Rispondi citando

F.A.S. ha scritto:
mgrizzuti ha scritto:
VIOLAZIONE PRIVACY
Maria, ti ho fatto delle domande specifiche e non hai risposto, perché non hai alcuna risposta, solo sai mettere dubbi e sporcare le cose, dopo collochi qualsiasi cosa, per giustificare che? Tutta l'informazione è di conoscimento pubblico in questa pagina, allora? Poverina, sei disperata tentando difendere l'indifendibile, ma la cosa, ti avviso, non finisce qua, ci sono degli avvocati che faranno una presentazione nella procura per sospetto di truffa in causa contro lo Stato Italiano, e possibile pago di tangenti in Consolato, ha fatto tanto male, a tanta gente, fino li disse figlio di puttana a Pablo Andrea Agnelli, allora giusto è che l’arrivi il premio di quanto merita, e finisca, per bene o per male, la storia.

_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Mer 17 Ott 2012 - 7:06 pm    Oggetto: Facendo memoria Rispondi citando

, MessaggioInviato: Dom 23 Mar 2008 - 9:01 ha scritto:
Allora, se le tuoi intenzioni erano buone e carini, la prossima volta non copiare quello che non comprendi cosa dice, meno devi fare la furba sottotitolando le cose con frasi che si possono capire stupidamente, qua il problema di fondo è, dopo tutto il bordello che si è fatto con il tema delle donne italiane, trasmettenti della cittadinanza italiana per azione residua, negata per tutti come valida, tanto la lettera scritta come l'interpretazione dello spirito della legge, senza entrare in pregiudizi personali, nè meno attacchi alle persone, solo abbiamo voglia di conoscere il testo della causa del estimado doctor guillen, perché molti cosi furibondi, da parte e parte, si hanno detto, allora è arrivato il momento di sapere chi ha parlato stronzate e chi ha parlato certezze, semplice un argomento come CITTADINANZA ITALIANA VIA MATERNA, 62 pagine scritte, 925 post, 121109 letture, o è stato inutile d'inutilità assoluta o è stato utile d'utilità estrema, solo conoscendo la decisione del giudice si saprà quale sia il grado d'utilità o inutilità di trattamento del tema, cambio di legge incluso, tutto il resto sono congetture che non fanno alla situazione di fondo, se come l'estimado doctor guillen diceva, essendo straniero, secondo la normativa italiana e il parere, e indicazioni, del MIN e del MAE, della difficoltà di conseguire essere italiano, come catzzo ha fatto estimado doctor guillen a conseguire la cittadinanza italiana senza che la legge abbia stata modificata e senza che il MIN e il MAE abbiano modificato la postura di riferimento a che la cittadina italiana per i figli concepiti con straniero, mai ha trasmesso la cittadinanza italiana, questo si può leggere tanto nelle pagine del MAE, in tutte le pagine web dei sconsolati italiani all'estero e nelle pagine del MIN. Allora, è interessantissimo sapere come ha fatto per ottenere la cittadinanza italiana?
Facile, con la peggior sentenza di tutta la storia dele sentenze su questo tema:

Va pertanto riconosciuta la cittadinanza italiana all'attore Horacio Pedro Guillen. Di conseguenza, va riconosciuta la cittadinanza italiana anche agli altri attori, figli del predetto, in quanto figli di cittadino italiano. Non può essere accolta la richiesta di ordine di iscrizione dei nominativi degli attori nel registro relativo alla cittadinanza dell'ufficio dello stato civile del Comune di Nicosia, posto che gli ultori non risiedono in detto Comune (vd. art. 23 DPR 3.11.2000, n. 396), rilevando comunque che l'iscrizione della sentenza, una volta passata in giudicato, non necessita di ordine giudiziale e che l’iscrizione medesima è subordinata alla prestazione del giuramento di legge.
_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Mer 30 Gen 2013 - 7:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sereno.SCOLARO ha scritto:
Che Grande Ciccio denigri il diritto e' scontato: anzi, non lo denigra proprio, dato che non lo conosce, non lo comprende, e farfuglia sproloqui. Null'altro.
Grande Ciccio ha scritto:
Montecristo Clase A Inviato: Mar 10 Mar 2009 - 3:58 ha scritto:
Sereno.SCOLARO ha scritto:

Simpaticissimo l'accenno ad associazioni (se tali siano), anzi non ad 1 ma a 2 (alla faccia della chiarezza), come se avere aderito ad un'associazione attribuisse rappresentanza (e di chi, poi ? Di se' stessi, e forse neppure).
Sereno, per non fare il ruolo del idiota del condominio, puoi dirci a tutti com'è che sei arrivato a questo pensiero? hai delle prove che dimostrano che non esistono le tali associazioni, che non hanno alcuna rappresentanza? illustraci a tutti, se appartengono alla faccia della chiarezza o al pensiero dell'idiota del condominio!!!!!!!!
Grande Ciccio ha scritto:
Montecristo Clase A Mar 10 Mar 2009 - 5:38 ha scritto:
Vaffa 'Nto Ciantini ha scritto:
Quanto detto da A.A., mi fa ricordare quel personaggio comico che – ripresentando il classico motorista dei tranway di Buenos Aires, italiano e sindacalista, che parlava “cocoliche” – diceva ai suoi compagni di lavoro:

“Compañero la guelga stà ganata, solo falta la firma de lo patrone. In nome de la Unione tranviaria automotore, tante granzie”. Non mancava mica niente per vincere lo sciopero, soltanto che la patronale firmassi l’aumento dei salari.

Questo è quanto fanno i ragazzi dell’Aineei – o come si chiami – si attribuiscono un trionfo, al cui mai hanno contribuito, dopo avere detto in questo forum che le sentenze citate erano un merda, ecc., adesso arrivano a capire che soltanto con sentenze avverse la Cassazione cambia l’indirizzo.

E continuano con l’art. 1, 2: leggete nuovamente il post Mar 10 Mar 2009 - 10:52, stampatelo, e poi fatevi consigliare di un avvocato.
ossia, il porcile in continuato

Cara; leggi il finale della sentenza di merda e dopo quella della cazzazione, secondo la sentenza di merda, le sentenze si trascrivono nei consolati via MAE Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing secondo la cazzazione nel Comune per comepetenza, con intervento del MIN, ambi due, gli stranieri investiti con la cittadinanza italiana per fantasia, abitano all'estero, secondo avvocati titolati, era corretto trascrivere nel consolato e non nel comune Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing ,come NOI ben avevamo segnalato, a questo aggiungi, l'ultima tua porcata e gioco da porci e per porci, fatto

Nessuno ha detto che ambe sentenze non siano quello che si ha detto che siano, anche si ha fatto apporto di testi che lo dimostrano, ma, mai si ha fatto capo nelle sentenze come utili a un qualcosa, solo si ha fatto capo in tutto un altra cosa

Citazione:
Ma che il MIN accetti pubblicamente che esiste uno stato di discriminazione, nel trattamento delle donne italiane, nel tema della TRASMISSIONE DELLA CITTADINANZA AI SUOI DISCENDENTI, nessuno può negare che è un passo di Giganti
hai letto? hai capito? ancora no? allora continua col porcile, esso si lo capisci bene!!!!!!!!!!

Cheboludo, ni esto tan facil de entender, sos capaz de entender? o lo entendés y como viniste hablando paja intentás seguir teniendo protagonismo, el protagonismo ya te lo ganaste con "pur se nati primo del 1948", y la corona te la pusieron con la sentencia de mierda que te hizo italiano, l'acchiappasti? Wink
Grande Ciccio ha scritto:
Montecristo Clase A ha scritto:
Citazione:
L'iscrizione della sentenza, una volta passata in giudicato, non necessita di ordine giudiziale e dovrà farsi davanti al consolato corrispondente al domicilio degli attori.
non solo sentenza di merda, pure inclusione falsa d'alcuni testi

Citazione:
ordina al Ministero dell’Interno, e, per esso, all’ufficiale dello stato civile competente, di procedere alle iscrizioni, trascrizioni e annotazioni di legge, nei registri dello stato civile, della cittadinanza della persona indicata, provvedendo alle eventuali comunicazioni alle autorità consolari competenti;
Sentenza piagata d'errori ma non di falsi scritte come l'anteriore

Ves cheboludodoctorchantavafanculo, come la lettera con sangue entra, e come!!!!!!!!!! ergo Shocked
Grande Ciccio ha scritto:
Vaffa 'Nto Ciantini detto Profesor Guillen il Sab 14 Mar 2009 - 11:58 ha scritto:
Al meno ci sono qua due affermazioni contradittorie. L'avvocato sudamericano:
È un perdente?
O ha vinto la sua sentenza?

Se ha vinto, non sembra essere un perdente...

PER TE ESSERE PADRONE DI UNA SENTENZA DI MERDA E' UGUALE AD AVER VINTO UNA SENTENZA?

Dopo fare il ridicolo, con demenziali teorie, disegni e insulti,
durante otto anni, senza nessun risultato,

PUOI DIRCI SE HAI VINTO UNA SENTENZA, ANCHE SE DI MERDA?
no, non ha vinto nessuna sentenza d'esse tipo, ma conosciamo a uno che sì,

Tribunale di Caltanissetta, nel procedimento iscritto sotto il n. 1722 R.G

"Non può essere accolta la richiesta di ordine di iscrizione dei nominativi degli attori nel registro relativo alla cittadinanza dell'ufficio dello stato civile del Comune di Nicosia, posto che gli attori non risiedono in detto Comune (vd. art. 23 DPR 3.11.2000, n. 396), rilevando comunque che l'iscrizione della sentenza, una volta passata in giudicato, non necessita di ordine giudiziale e che l’iscrizione medesima è subordinata alla prestazione del giuramento di legge."

Il tribunale di Caltanisetta, nel procedimento iscritto sotto il n. 1722 R.G, essendo l'integrazione del Signor Guillen e filiis, subordinata a prendere il giuramento di legge, fallace e inesistente, l'ha fatto italiano per sentenza, senza autorizzarlo, né a lui né ai suoi figli, a trascrivere né sentenza né atti, nel Comune di Nicosia, unico comune competente, per legge, per trascrivere/annotare, secondo corrisponda, sentenza ed atti e procedere a formare gli atti di stato civile italiani equipollenti, atti di nascita italiani, comune competente per essere di ultima residenza del capostipite italiano dante causa, emigrato, Vincenzo Montaperto, cittadino italiano, nato in Nicosia, il 24 novembre 1879, in quel tempo provincia di Catania, oggi provincia di Enna, unito in matrimonio, il 20.1.1902, con Maria Luca La Valle, nata anche in Nicosia il 10.9,1882, proscrivendo, anche, trascriverli in altro qualsiasi registro pubblico, comunale, di Stato Civile Italiano,

Essendo l'integrazione, degli atti di nascita esteri, mediante la formazione degli atti italiani di nascita, una requisito inevitabile per esercitare il status civitatis italiano e capacità giuridica, essendo essa incorporazione subordinata al giuramento, un giuramento che nella realtà, nel concreto, non lo contempla la legge, per inesistente, la disposizione della subordinazione, del tutto strafalciona, rende la sentenza inabile per essere perfezionata, essendo INAMMISSIBILE, LA PRESTAZIONE DI UN GIURAMENTO, come mai gli avv.ti Gabriele Cantaro e Maria Teresa Montalbano, in Enna, e il Signor Horacio Pedro Guillen, sudamericano, Argentino, Avvocato e professore del diritto, non lo avvertirono, e lasciarono passare in giudicato una tale inammissibilità?
Grande Ciccio ha scritto:
Horacio Guillen Mer 15 Apr 2009 - 10:04 ha scritto:
Chi è nato prima, l’uovo o la gallina?

Il tribunale di Venezia ha emesso una sentenza, già passata in giudicato, accertando lo stato di cittadinanza di due donne, nate in precedenza al 1948, da madre cittadina italiana e padre argentino, e dei figli di una de esse.

La sentenza rifiuta la richiesta d’iscrizione nel comune di Bassano, perché la donna, e i suoi figli risiedono a Rosario, Argentina, ex dpr 396/2000, disponendo che dovranno indirizzarsi al consolato competente per residenza e che non c’è bisogno d’ordine giudiziale.

Gli attori sono andati a iscrivere gli atti, portando la sentenza, al consolato della città di residenza, ma il capo dell’Ufficio Anagrafe – ammettendo la correttezza di tutti i documenti – richiede, pure, un certificato di cittadinanza rilasciato dal comune d’origine.

Dottor Scolaro:
Nonostante che non c’è una ordine diretta del tribunale che imponga ai funzionari fare l’iscrizione, sembra che la richiesta di qualcosa impossibile limiti con l’opposizione ad adempire quanto disposto dal tribunale però, allo scopo di non entrare in problemi per la mala interpretazione della questione da parte del funzionario, si può fondare più rigorosamente la questione?
Horacio Guillen Messaggio Inviato: Lun 17 Ago 2009 - 2:44 pm ha scritto:
Alla nascita si è potenzialmente cittadino, ma soltanto con l’iscrizione si concreta tale possibilità. Poi deve essere considerato il tempo in cui non si poteva avere la cittadinanza italiana ed un’altra, ma soltanto una contemporaneamente.
Non risulta, quindi, cittadino italiano chi non è iscritto nei registri corrispondenti, e per questo non può rinunciare, fino a che viene iscritto.
Il verbo “risultare” utilizzato, serve a distinguere la potenzialità dalla concrezione, che si presenta con l’iscrizione davanti gli archivi corrispondenti.
Sereno.SCOLARO Inviato: Mar 14 Apr 2009 - 4:25 am ha scritto:
Che intende per "iniziato" ?
Vi sono state, invero, alcune isolate pronunce giurisprudenziali che, fraintendendo il quadro di riferimento, hanno portato a questo risultato, per cui - ormai - non puo' escludersi nulla.
Tali episodi, che di episodi si tratta, non consentono di escludere l'ipotesi in assoluto, come dovrebbe conseguire se ci si attenesse unicamente alle norme.
Sereno.SCOLARO Inviato: Mer 12 Ago 2009 - 4:12 ha scritto:
Questa e' proprio bella ! Merita di essere incorniciata.
Il governo italiano (rappresentato dall'autorita' consolare) che denuncerebbe, avanti ad autorita' locali, il consolato (italiano) per non avere applicato (sempre che si tratti di disapplicazione) una norma italiana, come se le autorita' locali potessero applicare la legge di altro Stato ...

Se si ritenga che l'autorita' consolare disapplica una norma italiana, la relativa azione va proposta al giudice italiano (nella specie, decorsi 90 gg dall'istanza per ottenere il provvedimento richiesto, va proposto ricorso al TAR per il Lazio per ottenere un provvedimento che ingiunga di provvedere stabiliendo un nuovo termine che, se inadempiuto anche questo, puo' portare all'azione in sede penale, avanti al tribunale di Roma).
Grande Ciccio ha scritto:
Sereno.SCOLARO, detto Bello di Mamma, rispondendo alla mendefutto, su una puntuale e precisa domanda ha scritto:
Tralasciamo chi si diverte a rispondere, magari a se' stesso ...

Xiungaro: intervento del 30/4/2010, 12.43: Mi pare (salvo non fraintenda) che l'acquisto della cittadinanza con quelle modalita' di perfezioni con il pieno adempimento delle 3 diverse ipotesi fatte, anche se, una voplta perfezionata, abbia effetto da un momento precedente al perfezionamento.
Se cosi' sia, l'art. 8 L. 13/6/1912, n. 555 (dato che mi pare si debba rafe riferimento ad epoca in cui vigeva questa) ha operato una volta perfezionato quel procedimento e con gli effetti di quel procedimento stesso.
Xiungaro: intervento del 30/4/2010:11.36, ripetuto dopo : a che si riferisce con i termini "iscrizioni delle cittadinanze" ? In quale contesto procedimentale ?

Lo scemo del villaggio forse ha anche del tempo da perdere e cio' sono esclusivamente fatti suoi, ma i miei interventi avvengono quando mi sia possibile, occupandomi anche d'altro che non di seguire le scempiaggini altrui.
Li ricordo, il scemo del villaggio, per Lei, chi non sapeva capire, il scemo del villaggio, per Noi, chi non sapeva rispondere, ergo

Grande Ciccio Rispondendo Saggiamente, sul puntuale della domanda ha scritto:
Xiungaro ha scritto:
Dottor Scolaro: Mi scusi, ma con la gente che farfuglia sproloqui – e in grande quantità - le domande che riguardano argomenti importanti restano nascoste. Non so fino a quando si dilungheranno questi interventi.

La domanda è:
Se una persona abita all’estero, e la figlia in Italia, l’iscrizione delle rispettive cittadinanza deve essere fatta nel consolato per una, e nel comune per l’altra?
Cara Xiungaro, già hai avuta la risposta professionale, te la ho dato Io,

Ora al punto denigratorio che pretendi portare avanti, tenti offendere intelligenza di Scolaro, bello di Mamma? Lui, rendendosi conto delle suoi limitazioni, nel capire e interpretare testi in italiano, neanche al Signor Guillen ha risposto, chi non rispose al tuo padrone, per non fare il ridicolo, pretendi che ti risponda a te e farlo ora per allora? Laughing

Sono veri le voci che corrono, che il Signor Guillen e prole, sono stati citati per il Consolato, per reintegrare i passaporti avuti in mala prassi?

Non ti sembra che il tema è lo sufficientemente importante come per conoscere, cari colleghi fra di voi, come si ha risolto la storiella del giudizio malandato, perchè gli avvocati si lasciarono infilare, il Cavallo di TROIA, dove le trascrizioni si subordinarono a un inesistente giuramento, e l'infibulazione del Cavallo di TROIA, propria alle bestie lasciate in libertà, passò in giudicato ?


Grande Ciccio ha scritto:
Corrono voci che Sereno, detto Bello di Mamma, si trova nel Marocco, per questo non risponde alle tue stupidaggini, siamo affannosi di sapere se risponderà, non siamo sicuri se nel caso delle stupidaggini è abile nel capire e nel rispondere, o accade come con l'italiano, bene nel scriverlo e nel leggerlo ma mancato di capacità nel capirlo e interpretarlo
Lei crede che ha risposto? bene? capendo? allora, anche questo mancava l'auto-insulto, ma si rende conto che ogni giorno è più vicino di laurearsi nel ridicolo? Laughing

Caro Sereno, detto Bello di Mamma, sul tema delle trascrizioni subordinate al giuramento di legge, e l'illegalità di dare un passaporto se subordinato alle trascrizioni, subordinati al giuramento di legge, non lo abbiamo visto dire nulla, allora? è stato legale il suo rilascio? si può parzializzare una sentenza, applicando la parte in cui si crede è corretta e non applicare la parte che, si crede non sia corretta? le sentenze, si possono parzializzare, al gusto, piacere o intendimento di chi deve fargli compiere? se per Lei è difficile di capire, non risponda, preferibile non rispondere a fare il ridicolo

_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
F.A.S.



Registrato: 29/05/11 13:29
Messaggi: 1989

MessaggioInviato: Gio 14 Feb 2013 - 6:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho visto, nell'ingresso dello studio di un avvocato, una targhetta in ceramica con un detto veneziano del 1600, che credo possa fare al caso di HORACIO PEDRO GUILLÉN.

Si intitolava: «Fabbisogno per intraprender liti: cassa da banchier, gambe da cervier, pazienza da romito, aver rason, saverla espor, trovar chi l'intenda e chi la voglia dar, e debitor che possa pagar».

_________________
La vita, con paura, non merita esistere, e nemmeno essere denominata vita. La verità è serva da chi la comprende, non serve a chi non la capisce.

COMUNICAZIONE U.T.G. E RETE DIPLOMATICA
Top
Profilo Invia messaggio privato
CEBE
cebe





MessaggioInviato: Dom 01 Dic 2013 - 11:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Qualcuno sa dire il leguleio imbroglione che fine ha fatto?
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 133, 134, 135
Pagina 135 di 135

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it