Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Mezzi d'opera e telo copre terra
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
AMG



Registrato: 20/09/10 07:02
Messaggi: 4258
Residenza: repubblica dei cetrioli

MessaggioInviato: Mar 10 Lug 2012 - 4:31 pm    Oggetto: Rispondi citando

Scusa, ma il contenuto del crono digitale non viene spedito comunque periodicamente ? Non preoccuparti che per il discorso rifiuti alla malavita non serve il FIR ... ancora con l'idea di aver risolto tutto con un pezzo di carta. Forse al padroncino sbadato capita, ma non pensare che il grosso sia esente da porcherie. Come la storia del Sistri, io ho un carico di ferro e devo tracciarlo col gps, come se fossi tanto scemo da scaricare nel fiume una cosa che prendo i soldi a portare in acciaieria. Non a caso viene sospeso verso l'eternità... io sono rimasto al 30 giugno 2013.

Comunque l'avverbio "magari" lo uso spesso verso i miei collaboratori quando voglio che facciano qualcosa e non lo voglio imporre come ordine. Resto sempre dell'idea che se uno viene comandato per controllare una cosa deve fare soltanto quella, altrimenti è un casino di sovrapposizioni e non ti danno di certo la medaglia se fai altro, anzi. Chiaro che se vedo un reato da CdS palese è ovvio che bisogna intervenire, ma cercare peli nelle uova come iniziativa personale non credo.

IMHO
_________________
Il problema è mantenere una velocità di pensiero che sia superiore alla velocità della macchina.
Walter Röhrl
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Neljorpa



Registrato: 14/12/11 07:54
Messaggi: 401
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Mar 10 Lug 2012 - 5:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

A): il contenuto del crono digitale non viene spedito ad alcuna autorità (sarebbe troppo bello e troppo facile). I dati vengono semplicemente scaricati ed archiviati ogni 28 gg. circa (sempre che si operi correttamente) nel computer d'ufficio della ditta proprietaria del veicolo dotato dell'apparecchio. Ciò significa che, salvo sporadiche verifiche a campione eseguite presso le imprese dall'Ispettorato del Lavoro, la massima parte dei controlli la si esegue a livello stradale.

B): al padroncino potrà anche capitare di dimenticare la compilazione del F.I.R. una volta ogni tanto (può darsi che l'inghippo venga rimediato in sede di arrivo al centro di raccolta, se il mezzo non viene sottoposto prima controllo stradale); però se manca in toto l'iscrizione all'albo dei gestori ambientali e, di conseguenza, l'intero librone dei F.I.R., stai sicuro che il materiale trasportato è destinato all'abbandono.

C): se troviamo la scusa della malavita che, bellamente, fa il traffico illecito di rifiuti in barba ai controlli della Polizia Municipale, per evitare di fare i nostri controlli di routine, allora davvero "giochiamo alla meno".

D): ripeto: "Ognuno opera come ritiene meglio....".... Non pretendo medaglie al valore; mi è sufficiente la soddisfazione di aver imparato qualcosa di utile a fornire, ogni tanto, un aiuto a qualche collega in difficoltà, sia nella vita reale, sia attraverso un forum professionale (vedi, ad esempio, il caso di Lulu).

Gabriele

P.S.: diciamo che - almeno per ora - i miei superiori non si lamentano di come opero.
Top
Profilo Invia messaggio privato
AMG



Registrato: 20/09/10 07:02
Messaggi: 4258
Residenza: repubblica dei cetrioli

MessaggioInviato: Mar 10 Lug 2012 - 6:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

A me qualche autista mi aveva spiegato che il contenuto doveva essere trasmesso, come pure ci sono stati casi di controllo di congruenza sovrapponendolo al telepass, poi non sto a sindacare in quanto non è la mia materia.
So per certo che spesso a causa della scadenza dell'orario devono piantare il camion a 5-10 km da casa, farsi venire a prendere, cenare e fare la doccia e poi tornare a bordo attorno alle 22 per dormirci dentro e quindi evitare di "trovarne due" alla mattina. Qualcuno per ovviare va con la classica schedina di scorta o il solito magnetino sul cambio, questo per capire la nessuna elasticità delle norme (basta una coda un poco più lunga per rimanere fregato), mica puoi prendere 2 ore al giorno di scorta, con quei margini quando paghi i costi?
Senza contare che secondo me il firmware di quegli aggeggi si può sostituire... da elettronico non mi fiderei mai dell'elettronica, forse per quello che incrociano col telepass.... taroccano dispositivi ben più sofisticati, figuriamoci un banalissimo logger...

Visto che mi trovo davanti ad un esperto nella materia autotrasporti, perché secondo te decine e decine di corrieri italiani che fanno la spola con l'estero hanno recapiti italiani, autisti italiani e targa principalmente con CZ sulla banda blu? (immatricolati nella Repubblica Ceca)
_________________
Il problema è mantenere una velocità di pensiero che sia superiore alla velocità della macchina.
Walter Röhrl
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
FALCO 73



Registrato: 06/02/04 21:09
Messaggi: 7385

MessaggioInviato: Ven 18 Apr 2014 - 1:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Neljorpa ha scritto:
- l'articolo 164 per come è scritto, non consente l'applicazione di sanzioni per l'assenza o mancato utilizzo del telone di copertura, a meno che non si accerti effettivamente la dispersione (o quanto meno lo spolveramento) del carico.



Grazie alla funzione "cerca" mi sono imbattuto in questo topic di mio interesse a seguito di caso pratico. Noi abbiamo proceduto col 164 e non concordo col mitico Neljorpa.

L'art. 164 c.1 dice:
Citazione:
1. Il carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da evitare la caduta o la dispersione dello stesso


Il passaggio in corsivo, a mio avviso (oltre alle note esplicative del prontuario nero/oro) indica che il modo per evitare la polvere è coprire il cassone pieno. Quindi non devo aspettare che ciò accada ma posso intervenire preventivamente...
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Neljorpa



Registrato: 14/12/11 07:54
Messaggi: 401
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Ven 18 Apr 2014 - 2:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Falco,

Per cercare di convincerTi, Ti pongo questo paradosso:

Fermi un autocarro cassonato privo di telonatura con gli inerti a bordo......

Inizi a verbalizzare la violazione per 164 secondo la Tua (ma non solo Tua) interpretazione…..

Al termine della compilazione del verbale, il conducente Ti chiede di leggerglielo, perché potrebbe darsi che Tu abbia una scrittura a gallina - tipo la mia - e non riesce comprendere la descrizione....

Tu leggi il verbale con la seguente formulazione "in qualità di conducente del veicolo sopra indicato con carrozzeria allestita a cassone, nell'esecuzione di un'operazione di trasporto di materiale inerte, ometteva di sistemare il carico in modo da evitare la caduta o la dispersione. Nel caso specifico il materiale trasportato, suscettibile di dispersione, non era coperto in modo che la dispersione medesima fosse evitata".....

Al che il conducente Ti domanda: "Scusi, agente..... ma Lei ha accertato con i suoi occhi la dispersione del carico?"

Tu, rispondi: "NO..... Ma non è necessario acc.......", con l'intenzione di terminare la frase argomentando che è sufficiente un potenziale pericolo di dispersione per poter contestare la violazione.........

Il conducente non Ti lascia terminare la spiegazione, ribattendo: "Ma agente, il fatto stesso che il carico non si è disperso è la prova che il medesimo era sistemato in modo che la dispersione non si verificasse"......

Poi Ti presenta un ricorso impostato sulla medesima logica....... e per me il rischio di archiviazione del verbale è alta..... assai alta.

Gabriele

P.S.: ho alcuni colleghi, sia nel mio ex-comando sia in quello attuale, che la pensano tutt’oggi come Te e non sono riuscito a persuderli della bontà delle mie argomentazioni, quindi suppongo che non cambierai idea...... Mi è sufficiente che Tu Ti limiti a tenere questa mia diversa lettura della norma come pulce nell'orecchio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
setto



Registrato: 12/10/10 15:45
Messaggi: 297

MessaggioInviato: Ven 18 Apr 2014 - 3:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Neljorpa ha scritto:
Ragazzi, io vi racconto la mia esperienza al riguardo e, da qui, il mio pensiero sulla questione.

Ho lavorato in due diversi comuni, entrambi ricchi di cave per l'estrazione di inerti, quindi i cittadini di ambo le aree hanno presentato esposti ai Comandi per l'intensificazione dei controlli su questo aspetto particolare.

In entrambi i comandi abbiamo interpretato la normativa in questo modo:
- l'articolo 164 per come è scritto, non consente l'applicazione di sanzioni per l'assenza o mancato utilizzo del telone di copertura, a meno che non si accerti effettivamente la dispersione (o quanto meno lo spolveramento) del carico.

- l'unica norma che prevede la presenza e utilizzo della telonatura e che consente la contestazione anche in caso di potenziale dispersione è l'art. 175-c. 2-voce f (qui effettivamente si fa riferimento al trasporto di materiale SUSCETTIBILE di dispersione), che però risulta applicabile solamente in autostrada o strada extraurbana principale (un paio di volte mi è capitato di applicarlo).

- il sistema di telonatura (sia quelli fissati manualmente, sia quelli retrattili su binario e comandati con cavo) non fanno parte dei dispositivi di equipaggiamento di cui all'art. 72, né di quelli contemplati in specifici decreti ministeriali destinati alla circolazione dei mezzi pesanti, come invece accade per le barre anti-intrusione, i pannelli retroriflettenti, etc.); da qui niente sanzioni per art. 72 od art. 79, in caso rispettivamente di assenza od inefficienza (Lulu, per me, ha forzato la norma oltremodo).... Allo stesso modo tale dispositivo non rientra nemmeno fra le caratteristiche costruttive normate a livello europeo o nazionale, tali da poter rendere applicabile la sanzione di cui all'art. 71-c. 6.... Altrimenti (concedetemi il paradosso) si potrebbe applicare tale sanzione anche ha chi va in giro con climatizzatore guasto.

In conclusione: se la norma non è contemplata in qualche regolamento/ordinanza comunale o provinciale "ad hoc", niente sanzioni, a meno che non si accerti lo spolveramento/dispersione (==> art. 164), oppure il veicolo non stia circolando sulle strade di cui all'art. 175..... Peraltro avrei anche seri dubbi sulla legittimità di un siffatto regolamento locale perché andrebbe in contrasto con l'art. 5-c. 3 del C.d.S., il quale prevede per i provvedimenti di regolamentazione della circolazione stradale, l'obbligo di pubblicità mediante i PRESCRITTI segnali..... Qualcuno mi dica se un esiste un siffatto segnale fra quelli Allegati al Reg. Esec. del Codice?!?

Gabriele


Quotissimo, è la stessa risposta che ho dato tre anni fa per iscritto (case vicino cava), sono contento di non aver detto(troppe) minxiate.
BUONA PASQUA ATUTTI
Top
Profilo Invia messaggio privato
MO221400



Registrato: 14/09/06 20:48
Messaggi: 7707
Residenza: RICORDA, potrebbe succedere a te....

MessaggioInviato: Ven 18 Apr 2014 - 7:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

FALCO 73 ha scritto:
Penso che, se durante i controlli non accerti personalmente la dispersione, tu non possa far nulla. Poi non è che dobbiam scrivere per forza. Vi mandano a fare i controlli? E voi fateli. Se c'è dispersione bene sennò amen.

Ah! Ti ricordo che il terreno, oltre a non essere disperso dal cassone, non deve essere nemmeno disperso dalle ruote.

art. 15 CDS ha scritto:
apportare o spargere fango o detriti anche a mezzo delle ruote dei veicoli provenienti da accessi e diramazioni;


Wink Wink


ma scusa, in realtà non sei in disaccordo con Neljiorpa, ma con te stesso.... Wink
_________________


chi è senza PEC scagli la prima...
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 21253
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 - 10:36 am    Oggetto: Rispondi citando

Neljorpa ha scritto:
Ciao Falco,

Per cercare di convincerTi, Ti pongo questo paradosso:......


la tua logica parrebbe convincente....ma ora ti propongo un altro aspetto: se io al momento non accerto la dispersione di , ad esempio, sabbia trasportata, ciò non potrebbe essere perchè al momento ci troviamo in una zona in cui non c'è vento per cui potrebbe benissimo avvenire dopo qualche km per una raffica improvvisa di vento?....e se invece io adesso non vedo alcuna dispersione perchè il veicolo sta transitando su una strada appena asfaltata ma dopo un pò lo stesso va a finire su un dosso o una buca e "parte" il pietrisco che trasporta?.....

insomma la domanda è: la norma è volta a tutelare gli altri utenti dalla possibilità che il carico si disperda e si crei un rischio per la circolazione, oppure è fatta per sanzionare sono in caso di effettiva dispersione?....

se leggo gli artt. 1 e 140 del Cds propendo per la prima ipotesi......
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
FALCO 73



Registrato: 06/02/04 21:09
Messaggi: 7385

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 - 2:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Nelj! il dubbio l'ho sempre avuto! Wink

Tant'è che MO, giustamente, ha riportato un mio post sullo stesso 3d su cui sostenevo l'impossibilità del 164 preventivo.

Solo che gli anni passano......e si rivedono certe cose. Wink

In caso pratico: molto vento, velocità da S.S. secondaria. L'autocarro, effettivamente, non ha disperso nulla ma era carico e senza telo (presente ma non usato).

Ho cercato di capire se la mancata prevenzione della dispersione potesse essere sanzionata perchè non prevenuta. Il prontuario mi dava conforto, ma non solo.

Porto sempre il Codice e mi sono letto l'articolo interessato.

Vi riportavo il c.1 del 164 perchè, proprio la parte che ho evidenziato in corsivo, mi confortava e, a mio avviso, la soluzione la dà il significato della parola "evitare".

Riporto dal Treccani:


Citazione:
evitare v. tr. [dal lat. evitare, comp. di e-1 e vitare «evitare»] (io èvito, ant. evìto, ecc.). – In senso ampio, cercare, procurare, fare in modo di (e in qualche caso, anche senza l’intervento della volontà, riuscire a) non fare o ricevere, o incontrare, subire, provocare, ecc. cosa sgradita, o che potrebbe recare danno o molestia, o che per qualsiasi motivo costituisca o appaia un male: e. noie, guai, fastidî; e. un ostacolo; e. un incontro spiacevole; devi e. qualsiasi fatica; cerca di e. le correnti d’aria; e. gli alcolici, i cibi piccanti; sarà meglio e. discussioni inutili; ho solo per un caso evitato uno scontro, un investimento. In partic., e. una persona, fare in modo di non incontrarla, anche abitualmente, per non avere contatti con lei (e con sign. simile, e. gli sguardi di qualcuno); o schivare, sfuggire, tenersi lontano da: e. i cattivi compagni, o le cattive compagnie. Costruito con di e l’infinito: e. di fumare, di bere, di sudare; vorrei e. di fare una brutta figura; ho evitato per miracolo di finire sotto le ruote dell’autobus; oppure con che: vorrei evitare che si ripetesse quanto già accaduto. Col compl. di termine, cercare di non dare, di non procurare ad altri: ti ho evitato una seccatura; èvitami questo dispiacere; o anche a sé stesso: devi evitarti qualsiasi emozione.


http://www.treccani.it/vocabolario/evitare/


Il senso del termine EVITARE, sempre a mio avviso, ha una finalità preventiva. Tra i vari significati a cascata ponete attenzione a "fare in modo di (e in qualche caso, anche senza l’intervento della volontà, riuscire a) non fare o ricevere"

"fare in modo di...non fare" vuol dire che l'azione (la dispersione) NON si è compiuta ancora!!

E, tra gli esempi dell' utilizzo del termine (evidenziato in rosso), vi è proprio quello del sinistro/investimento EVITATO, quindi NON ACCADUTO.

A questo punto, il senso del c.1

Citazione:
1. Il carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da evitare la caduta o la dispersione dello stesso


deve essere inteso in forma PREVENTIVA.

Caro Nelj, spero averti messo, anch'io e nel mio piccolo, una micropulce nell'orecchio... Wink Wink Wink

Continua a frequentare il Forum perchè, sull'autotrasporto (e non solo), ho sempre bisogno dei tuoi consigli. Razz
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Neljorpa



Registrato: 14/12/11 07:54
Messaggi: 401
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 - 2:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per Ippo:

io penso che nelle strade non disciplinate dall'art. 175 siano appunto le diverse circostanze del caso (natura e quantità del carico, carrozzeria del veicolo, fondo stradale, velocità di percorrenza, presenza/assenza di vento) a determinare le cautele da mettere in atto per evitarne perdita o dispersione.Il legislatore ha lasciato la valutazione delle opportune cautele da mettere in atto alla discrezione del conducente e ove le stesse si dimostrino inadatte portando alla perdita o dispersione del carico, scatterà l'infrazione dell'art, 164.

Per le strade di cui all'art. 175, invece, in relazione ai più alti limiti di velocità massima vigenti ed ai connessi maggiori pericoli, il legislatore ha formulato una norma più stringente, imponendo l'uso di veicoli a tenuta stagna o con copertura per il materiale "suscettibile di dispersione" (qui è proprio la terminologia adoperata a specificare che conta il potenziale pericolo).

In conclusione è proprio il raffronto letterale delle due norme, che mi induce a ritenere che sia stata proprio una scelta volontaria del legislatore, quella di creare una disciplina più blanda per le strade generiche ed una più rigida per le strade di cui all'art. 175.

Gabriele
Top
Profilo Invia messaggio privato
Neljorpa



Registrato: 14/12/11 07:54
Messaggi: 401
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 - 9:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per Falco:

Solo ora mi sono reso conto di aver risposto ad Ippo senza aver letto il Tuo intervento.....

In conclusione per avere un giudizio definitivo sulla diatriba va a finire che dovremo interpellare un esperto di semantica..... Chi chiamiamo?.... Umberto Eco?

Very Happy Very Happy Very Happy

Gabriele
Top
Profilo Invia messaggio privato
MO221400



Registrato: 14/09/06 20:48
Messaggi: 7707
Residenza: RICORDA, potrebbe succedere a te....

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 - 10:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

eppure a me pare che il soggetto della frase sia "carico".

se io ponessi della farina nel cassone di un camion da movimento terra, anche se tirassi la tenda coprente il carico si disperderebbe.... e quindi?

non è questione di tenda o no, ma di sistemazione del carico

il carico lo sistemo in maniera adeguata (al peso ammesso ovvio) ma evito di raggiungere il bordo o i pressi dello stesso per evitare la dispersione....

viaggio ad una velocità inferiore al normale per diminuire le turbolenze aerodinamiche.
se porto del marmo a che mi serve la tenda chiusa?
se porto della terra umida o "grossa" ?
mi ribalto lateralmente per un incidente, avevo la tendo tirata ma parte del carico esce, mi contestate il 164?
------
se ci fosse scritto "il carico ed il sistema di contenimento" allora non avrei dubbi....tutto deve essere chiuso, ma se non perdo il carico....
-------

se carico un cassone di ghiaia grossa, non in grande quantità, vicino alla cabina diciamo che arriva al 50% della lunghezza del cassone e lascio la sponda posteriore aperta....ma il telo chiuso....contesto o no il 164 per non aver chiuso il cassone?
da lì la ghiaia non si muove....
_________________


chi è senza PEC scagli la prima...
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 21253
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Dom 20 Apr 2014 - 8:57 am    Oggetto: Rispondi citando

Neljorpa ha scritto:
Per Ippo:.....


personalmente, invece, concordo con quanto espresso da MO....sulle strade di cui all'art. 175 è sempre e cmq obbligatoria la "copertura", mentre sulle altre strade dipende dal modo di sistemazione del carico...ma anche in quest'ultimo caso è da valutare la possibilità che il carico si disperda. Se ciò può avvenire allora il fatto che io lo veda o meno non rileva.......
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Neljorpa



Registrato: 14/12/11 07:54
Messaggi: 401
Residenza: Lucca

MessaggioInviato: Dom 20 Apr 2014 - 9:24 am    Oggetto: Rispondi citando

Sapevo che sarebbe finita così;

Cioè con ognuno che rimane sulle proprie posizioni....

Si è sempre conclusa allo stesso modo anche quando ho affrontato la medesima discussione, faccia a faccia, con colleghi di lavoro.

Gabriele
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 21253
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Lun 21 Apr 2014 - 8:22 am    Oggetto: Rispondi citando

Beh....a questo si può ovviare: cambia idea e vieni sulle nostre posizioni....così abbiamo un orientamento univoco...... Mr. Green Mr. Green Mr. Green
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it