Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
DUPLICATO TITOLO AL SOGGIORNO CITTADINO COMUNITARIO
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
akicita wanjila
5960





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 9:19 am    Oggetto: DUPLICATO TITOLO AL SOGGIORNO CITTADINO COMUNITARIO Rispondi citando

Capita di frequente che cittadini comunitari chiedano il duplicato del titolo emesso negli anni precedenti.

Dobbiamo ricontrollare i requisiti reddituali o possiamo rilasciarlo tranquillamente senza procedere?
E, se nel frattempo, hanno maturato i cinque anni di permanenza sul territorio nazionale dobbiamo renderli edotti che hanno diritto al titolo permanente?
Confused
Top
pieretto
5056





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 9:23 am    Oggetto: Rispondi citando

se perdono un cert. di residenza fai il duplicato alla data di emissione del primo documento? se si, non devi fare nessun controllo; se invece è un nuovo documento, si fanno i controlli del caso.
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 9:27 am    Oggetto: Rispondi citando

duplicato del titolo di soggiorno? eh? e io che pensavo che il dpr 54/2002 fosse abrogato!
cosa certifica l'attestato di iscrizione anagrafica (se esistente...)? attesta una posizione cristallizzata (è stato iscritto ai sensi dell'articolo 9 dlgs 30/2007) e quindi certamente ri-certificabile (=nuova certificazione: NO duplicato - è un certificato come un altro..) senza ri-verifica di requisiti... in bollo...
l'attestato art. 16, parimenti, certifica il possesso dei requisiti art. 14 e la non necessità del mantenimento delle condizioni art. 7... quindi, altrettanto, una volta maturato il diritto di soggiorno, il cittadino ne è in possesso... e si può rilasciare un nuovo certificato, in bollo...
ovviamente, se devo spendere dei soldi e nel frattempo ho 5 anni di soggiorno legale e continuativo, non mi dispiacerebbe buttare via soldi per l'attestato di diritto di soggiorno permanente invece che l'atrlo....

ricordiamo, inoltre, la natura certificativa (e non certo costitutiva) di dette attestazioni: non sono le attestazione a costituire il diritto... ma il possesso del diritto a consentire il rilascio delle relative certificazioni...
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
akicita wanjila
5960





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 10:05 am    Oggetto: Rispondi citando

Quindi, in che caso specifico devo rivedere i requisiti?

La perdita del requisito non è prevista? E l a conseguente segnalazione? .....
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 10:18 am    Oggetto: Rispondi citando

l'attestato di iscrizione anagrafica NON attesta il possesso o il mantenimento del diritto ma solo la presentazione della documentazione prescritta, in sede di (prima) iscrizione ai sensi dell'articolo 9.
l'attestato di soggiorno permanente attesta la matuazione dei 5 anni di soggiorno legale e continuativo... rinvio all'articolo 14 comma 1: "non subordinato alle condizioni previste dagli articoli 7, 11, 12 e 13"..

il venire meno dei requisiti non è legato al possesso o meno dell'attestazione (che, ripeto, non costituisce titolo di soggiorno)...
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
LUNAX
59bd





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 11:42 am    Oggetto: Rispondi citando

In sede di richiesta di residenza proveniente da altro Comune di una cittadina rumena mi viene presentata la fotocopia dell'attestazione di soggiorno permanente invece dell'originale il quale dice di averlo inviato alla Prefettura per la richiesta di cittadinanza; posso ritenere valida la fotocopia? o devo chiedere di farsi rilasciare un nuovo originale?
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 11:44 am    Oggetto: Rispondi citando

alla prefettura? oddio.. ormai se ne sentono di ogni genere...
comunque.. siamo in presenza di una iscrizione art. 9 comma 3 (e quindi 9 comma 2) dlgs 6/02/2007 n. 30 o in presenza di una normale pratica migratoria?
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pieretto
5056





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 2:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Se l'attestato è un certificato, come ricordato anche da diego, il problema non si pone nemmeno perchè ai sensi della L. 183/2011 non puoi nè richiederlo, nè accettarlo ( e neanche vederlo senza inserirlo nel fascicolo, magari mettendo una crocetta nella istanza, a fianco dove hai opportunamente inserito una riga ad uso esclusivo dell'ufficio dove è scritto: visto dall'impiegato Tizio Caio ).
Top
Sereno.SCOLARO



Registrato: 27/09/02 08:22
Messaggi: 49529

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 3:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Un invito: qualcuno dovrebbe rileggere il "Considerando" 8 della direttiva 2004/38/CE .....
_________________
Sereno SCOLARO
Top
Profilo Invia messaggio privato
LUNAX
59bd





MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 5:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

Diego: si tratta di una normale pratica migratoria
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Mer 28 Mar 2012 - 5:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

e allora mi chiedo: la verifica di qualsivoglia requisito (documenti di cui all'articolo 9 o attestati vari) è prescritta? o, non trovando applicazione il terzo comma dell'articolo 9, dal momento che non ci troviamo nel periodo dei tre mesi trascorsi dall'ingresso di cui al comma 2, non facciamo altro che applicare l'articolo 13 dpr 223/1989?
cioè: dobbiamo chiedere nulla se il cittadino UE provenga da altro comune?
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pieretto
5056





MessaggioInviato: Gio 29 Mar 2012 - 7:09 am    Oggetto: Rispondi citando

Mi spiace dissentire, ma non è così certo che in caso di pratica migratoria non si debba procedere a verificare nessun requisito: sempre iscrizione anagrafica si tratta, a meno di non considerare le anagrafi comunali come delle semplici filiali dell'anagrafe nazionale italiana ( che mi sembra non esista molto). Se ogni comune ha attualmente piena competenza sui residenti, ergo la verifica va fatta perchè non si può iscrivere qualcuno che non si sa se ha (ancora) diritto di soggiornare . Se non avesse più nessun requisito si dovrebbe addirittura, tramite sindaco, segnalarlo alla prefettura per l'eventuale allontanamento, altrimenti l'ufficiale d'anagrafe si prenderebbe l'onere (non previsto da nessuna legge) di autorizzare il comunitario a soggiornare, (perchè una volta residente chi lo toglie più?)
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Gio 29 Mar 2012 - 7:21 am    Oggetto: Rispondi citando

forse è proprio questa l'ottica che andrebbe invertita... l'ufficiale d'anagrafe non autorizza nessuno a soggiornare... e sicuramente ciò non è previsto da alcuna norma...
insisto (se vuoi si tratta di una mia opinione): se provenga da altro comune non va verificato alcun requisito...
dal dettato della norma i requisiti, parrebbe chiaro, vanno verificati in sede di I iscrizione dall'estero...
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pieretto
5056





MessaggioInviato: Gio 29 Mar 2012 - 7:29 am    Oggetto: Rispondi citando

l'ho scrito apposta. l'anagrafe non fornisce nessuna autorizzazione. Ma propiro per questo, se lo si iscrive senza verifica può diventare una sorta di autorizzazione implicita arrogandosi l'UdA questa eventualità al di fuori delle normative. Ogni cambio residenza tra comuni diversi è un'iscrizione anagrafica e pertanto devi sapere a quale titolo si effettua l'iscrizione. Il d. 30 non è così chiaro su questo punto ma qualche esperto ha propreso per questa tesi .... ( allo stesso piano di come gli stessi esperti hanno deciso che i certificati tra PPAA non esistono più....)
Top
diego



Registrato: 02/07/07 17:18
Messaggi: 13643
Residenza: mediglia

MessaggioInviato: Gio 29 Mar 2012 - 7:36 am    Oggetto: Rispondi citando

se al cittadino UE applico la legge ed il regolamento anagrafico (art. 9) da questi desumo i documenti da richiedere.
nella norma speciale non rinvengo altri documenti... anzi... l'attestato di iscrizione anagrafica (ad esempio) neanche esiste...
l'unico caso di richiesta documentale è quello commi 2 e 3 articolo 9:
Citazione:
2. Fermo quanto previsto dal comma 1, l'iscrizione e' comunque richiesta trascorsi tre mesi dall'ingresso ed e' rilasciata immediatamente una attestazione contenente l'indicazione del nome e della dimora del richiedente, nonche' la data della richiesta.

3. Oltre a quanto previsto per i cittadini italiani dalla normativa di cui al comma 1, per l'iscrizione anagrafica di cui al comma 2, il cittadino dell'Unione deve produrre la documentazione attestante:

mi sentirei di eccedere (è documento necessario ai fini dell'iscrizione anagrafica?) nel chiedere altro... magari attestazioni inesistenti che, peraltro, non attestano alcun possesso di requisiti...
poi... di esperti è pieno il mondo! Wink
_________________
Diego Mosè Moro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Certificati e Servizi Comunali Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it