Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
Comando - distacco funzionale

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
calliope



Registrato: 28/12/09 20:57
Messaggi: 134
Residenza: Piemonte

MessaggioInviato: Mer 15 Feb 2012 - 10:10 pm    Oggetto: Comando – distacco funzionale Rispondi citando

Che differenza c’è fra il comando e il distacco funzionale?
In caso di comando o di distacco funzionale del dipendente presso altro ente qual è l’amministrazione che dovrà corrispondere il trattamento accessorio del dipendente? Quello di appartenenza o quello in cui il lavoratore rende la sua prestazione lavorativa?
Qual è la normativa che regola questi due istituti?
Top
Profilo Invia messaggio privato
ERGAS



Registrato: 15/12/09 14:06
Messaggi: 3301

MessaggioInviato: Ven 24 Feb 2012 - 7:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

http://ggabriele.blogspot.com/2009/10/distacco-comando-negli-enti-locali.html
_________________
NON ESERCITARE UN DIRITTO E' IL MODO PIU' FACILE DI PERDERLO...
Top
Profilo Invia messaggio privato
ERGAS



Registrato: 15/12/09 14:06
Messaggi: 3301

MessaggioInviato: Ven 24 Feb 2012 - 7:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

http://www.studiolegalecaruso.it/index.php?option=com_content&view=article&id=146:assegnazione-temporanea-comando-e-distacco&catid=18:lavoro-pubblica-amministrazione&Itemid=44
_________________
NON ESERCITARE UN DIRITTO E' IL MODO PIU' FACILE DI PERDERLO...
Top
Profilo Invia messaggio privato
ERGAS



Registrato: 15/12/09 14:06
Messaggi: 3301

MessaggioInviato: Sab 25 Feb 2012 - 10:29 am    Oggetto: Rispondi citando

Attualmente pochissimi enti (ministeri...) assumono direttamente per mobilità; ma chiedono un "comando" che poi si trasformerà in "mobilità"; perché?
_________________
NON ESERCITARE UN DIRITTO E' IL MODO PIU' FACILE DI PERDERLO...
Top
Profilo Invia messaggio privato
lelelelele
c32d





MessaggioInviato: Mer 29 Feb 2012 - 2:34 pm    Oggetto: Comando Rispondi citando

Il ricorso al comando può essere dovuto ad una moltitudine di ragioni.
Di tempo, ad esempio, prima che l'Ente possa emanare un avviso pubblico di mobilità (e nel frattempo si avvale del personale richiedendolo in comando).
Saluti,
D
Top
Ospite
5e5d





MessaggioInviato: Mer 04 Apr 2012 - 11:12 am    Oggetto: Re: Comando – distacco funzionale Rispondi citando

calliope ha scritto:
Che differenza c’è fra il comando e il distacco funzionale?
In caso di comando o di distacco funzionale del dipendente presso altro ente qual è l’amministrazione che dovrà corrispondere il trattamento accessorio del dipendente? Quello di appartenenza o quello in cui il lavoratore rende la sua prestazione lavorativa?
Qual è la normativa che regola questi due istituti?
Top
PL



Registrato: 20/08/11 08:55
Messaggi: 1082

MessaggioInviato: Mer 04 Apr 2012 - 5:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ma la differenza qual è???
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ospite
5151





MessaggioInviato: Mer 04 Apr 2012 - 5:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Distacco = il tuo ente ti spedisce x sue esigenze a lavorare in un altro ente (es. dipendente del comune che va a lavorare all'unione dei comuni). Stipendio a carico dell'ente di provenienza.

Comando = un altro ente ha bisogno della tua professionalità ed esperienza e ti chiede "in prestito" al tuo ente (es. Tribunale in cronica carenza di personale di cancelleria/segreteria, che chiede personale al Comune). Stipendio a carico dell'ente richiedente.
Top
CC



Registrato: 13/05/06 09:47
Messaggi: 3020

MessaggioInviato: Mer 04 Apr 2012 - 5:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Segnalo:

Distacco - Comando negli Enti Locali

http://ggabriele.blogspot.it/2009/10/distacco-comando-negli-enti-locali.html

L'applicazione degli istituti del comando e del distacco ai dipendenti pubblici del comparto regioni-autonomie locali


http://www.noccioli.it/newsletter/newsletter66.htm

Citazione:

L’istituto del distacco.

Da tutto quanto esposto si possono comprendere più agevolmente le differenze tra il comando e il distacco. L’ARAN nella relazione illustrativa al CCNL dl 22 gennaio 2004 ha ribadito che si configura l’ipotesi di distacco di personale quando un datore di lavoro, per soddisfare (anche o soltanto) un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più lavoratori a disposizione di un altro soggetto per l’esecuzione di una determinata attività lavorativa. Qualora invece il lavoratore venga assegnato ad altro Ente (o azienda o amministrazione) sulla base di un interesse proprio dell’Ente ricevente, si deve parlare di comando.




Citazione:

In merito alla differenza fra Comando e Distacco è intervenuta la giurisprudenza amministrativa che ha precisato: "Secondo quanto disposto dall'art. 56 d.p.r. n. 3/1957 e dall'art. 34 d.p.r. n. 1077/1970, viene definita "comando" la posizione del dipendente statale il quale svolga servizio presso un'amministrazione differente da quella di appartenenza, mentre per "distacco" si intende il passaggio del dipendente da un'amministrazione statale ad un ente pubblico diverso ovvero la particolare fattispecie in cui il dipendente sia assegnato dall'amministrazione di appartenenza a prestare servizio presso un ufficio diverso da quello nel quale è formalmente incardinato, per sopperire ad esigenze temporanee del primo ovvero in attesa che sia formalizzato il definitivo procedimento di trasferimento al secondo." ( si veda T.A.R. VENETO, sez. I 25-11-1997, n. 1665 - Toffanello c. Min. fin. e altro).
Si tratta, in verità di una definizione poco chiara presumibilmente fondata:
1)sull'amministrazione di appartenenza del dipendente interessato dal comando o dal distacco (necessariamente statale solamente nel primo caso);
2)sulla natura dell'ente di destinazione (necessariamente un'amministrazione pubblica per il comando; anche un ente pubblico per il distacco);
3)sulla configurazione giuridica della posizione del dipendente (prestatore di servizi nel caso del comando e trasferito nel caso del distacco).

Tale definizione non sembra conformarsi al vigente quadro normativo che appare meglio delineato dalla relazione illustrativa al CCNL del 21.01.2004 che, invece, fa riferimento ad un profilo propriamente funzionale (ossia di interesse da soddisfare con l'istituto) e secondo la quale:
il distacco, in conformità di quanto previsto dall'art. 30 del D.Lgs. n. 276/2003, ricorre qualora il datore di lavoro, per soddisfare un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più lavoratori a disposizione di altro soggetto per l’esecuzione di una determinata attività lavorativa;
il comando, invece, si riscontrerebbe qualora il lavoratore venga assegnato ad altro ente (o azienda o amministrazione) tenendo presente che l’assegnazione presuppone a giustificazione la sussistenza di un interesse proprio dell’ente ricevente.
Top
Profilo Invia messaggio privato
CC



Registrato: 13/05/06 09:47
Messaggi: 3020

MessaggioInviato: Gio 12 Apr 2012 - 3:27 pm    Oggetto: Re Rispondi citando

http://www.polizialocalebg.it/?TabId=59&articleType=ArticleView&articleId=344
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pubblico impiego Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2014 phpBB Group
phpbb.it