Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
atto giudiziario non ritirato

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
mike533



Registrato: 27/10/10 12:17
Messaggi: 6
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 12:48 pm    Oggetto: atto giudiziario non ritirato Rispondi citando

salve a tutti, vorrei chieder una info+ un consiglio.
La mia compagna all'inizio di dicembre 2010 ebbe un'avviso di giacenza atti giudiziari dalla PT locale lei convinta si trattasse di una cosa a lei molto antipatica non la volle ritirare, ma ieri 16 Marzo 2011 dietro sempre le mie sollecitazioni l'ha ritirata e sorpresa(brutta) era una multa per div. di sosta ormai è passato molto tempo cosa possiamo fare'
Ed è vero che c'è stata una sentenza che ha stabilito che le raccomandate ne devono essere inviate almeno 2 annullando di fatto una multa simile?
garzie
Top
Profilo Invia messaggio privato
delux



Registrato: 20/03/08 16:52
Messaggi: 12356

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 1:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Nullità della notifica della multa per compiuta giacenza.
--------------------------------------------------------------------------------
Per le notifiche a mezzo posta, in caso di rifiuto di ricevere il piego o di firmare il registro di consegna da parte delle persone abilitate alla ricezione ovvero in caso di mancato recapito per temporanea assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità o assenza delle persone sopra menzionate, del compimento delle formalità descritte e del deposito del piego deve essere data notizia al destinatario medesimo con raccomandata con avviso di ricevimento; diversamente la notifica è nulla.


-28.04.2006, diritto-in-rete.com-
_________________________________________________________________



Cassazione, sez. II civile, sentenza 04.04.2006, n. 7815



LA SEZIONE SECONDA CIVILE

Ha pronunciato la seguente sentenza
Con sentenza del 23 maggio 2002, il Giudice di pace di Civitavecchia, pronunciando sull'opposizione proposta da G.S. avverso la cartella esattoriale dell'importo di lire 196.730 + 6.000, "riferita al verbale di accertamento 96575/S elevato dalla polizia municipale" di quella città, ha annullato "la cartella esattoriale 097 2001 08261714 03 dell'importo di cui sopra, nonché il presupposto verbale di accertamento 96575/S, elevato dalla polizia municipale in data 24 novembre 1998, ed ha "compensato in toto le spese", a motivo che la notifica del verbale di accertamento è avvenuta per posta, "mediante il deposito presso l'ufficio postale", senza dare il "notiziamento di quanto sopra mediante nuova raccomandata con ricevuta di ritorno, da inviarsi al destinatario risultato assente".
Ricorre per la cassazione della sentenza il Comune di Civitavecchia, in persona del dirigente dell'ufficio Avvocatura, denunciando violazione e/o falsa applicazione dell'art. 8 comma 4 legge 890/82 e, in genere, delle disposizioni in materia di notifica per posta e di quelle del codice di procedura civile, nonché erronea e/o insufficiente motivazione.
Non hanno svolto attività processuale gli intimati G.S. e il Servizio Riscossione Tributi del Monte dei Paschi di Siena.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorrente critica, con il proposto gravame, il Giudice di pace per avere ritenuto che «il sopravvenire della sentenza della Corte costituzionale 346/1998 abbia comportato la nullità della notifica del verbale di accertamento in quanto effettuata mediante "compiuta giacenza dei plichi contenenti quei verbali ed abbia, quindi, causato la prescrizione del diritto dell'Ente a percepire la relativa sanzione»; mentre, "nello specifico", deve ritenersi che la notifica dei verbali «sia stata assolutamente tempestiva, anche se gli stessi sono stati notificati ai sensi dell'art. 8 della l. 890/1982 e la notifica si è perfezionata per effetto della compiuta giacenza», per cui nessuna incidenza può avere, nella fattispecie, la menzionata sentenza della Corte costituzionale su un'attività, quella appunto della notifica dei verbali, che si è "perfezionata al decimo giorno dal deposito del plico presso l'ufficio postale".
Il ricorso è infondato.
Premesso che con sentenza della Corte costituzionale 346/1998, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 30 settembre 1998, n. 39, è stato dichiarato «incostituzionale l'art. 8, comma 2, l. 890/1982, nella parte in cui non prevede che, per le notifiche a mezzo posta, in caso di rifiuto di ricevere il piego o di firmare il registro di consegna da parte delle persone abilitate alla ricezione ovvero in caso di mancato recapito per temporanea assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità o assenza delle persone sopra menzionate, del compimento delle formalità descritte e del deposito del piego sia data notizia al destinatario medesimo con raccomandata con avviso di ricevimento», e rilevato che all'epoca di pubblicazione della predetta sentenza la notificazione del verbale di cui trattasi, elevato dalla polizia municipale il 24 novembre 1998, non era evidentemente ancora avvenuta, ne deriva che, non essendo stata data notizia, nel caso che ne occupa, al destinatario del compimento delle formalità della notificazione nel senso chiarito dalla Corte costituzionale, come accertato dal Giudice di pace, la notificazione stessa deve ritenersi nulla per effetto delle richiamata sentenza.
Non merita censura, pertanto, la decisione del Giudice di pace di Civitavecchia che in tal senso ha deciso.
Il ricorso deve essere rigettato.
Nessuna pronuncia sulle spese.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso



http://www.diritto-in-rete.com/sentenza.asp?id=59



Citazione:
SENTENZA N.346

ANNO 1998



REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE



composta dai signori:

- Dott. Renato GRANATA Presidente

- Prof. Giuliano VASSALLI Giudice

- Prof. Francesco GUIZZI "

- Prof. Cesare MIRABELLI "

- Avv. Massimo VARI "

- Dott. Cesare RUPERTO "

- Dott. Riccardo CHIEPPA "

- Prof. Valerio ONIDA "

- Prof. Carlo MEZZANOTTE "

- Avv. Fernanda CONTRI "

- Prof. Guido NEPPI MODONA "

- Prof. Annibale MARINI "

ha pronunciato la seguente



SENTENZA



nei giudizi di legittimità costituzionale dell'art. 8, secondo, terzo e quarto comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari), promossi con ordinanze emesse il 28 settembre 1996 dal Pretore di Lucca nel procedimento civile vertente tra Brucia Baldassarre ed il Comune di Lucca, iscritta al n. 609 del registro ordinanze 1997 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 39, prima serie speciale, dell'anno 1997, ed il 22 aprile 1997 dalla Corte d'appello di Milano nel procedimento civile vertente tra la ICIT s.a.s. e la Officine di Seveso s.p.a. ed altra, iscritta al n. 761 del registro ordinanze 1997 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 45, prima serie speciale, dell'anno 1997.

Visti gli atti di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nella camera di consiglio del 6 maggio 1998 il Giudice relatore Annibale Marini.



Ritenuto in fatto



1.1 - Nel corso di un giudizio di opposizione ad una ordinanza-ingiunzione ai sensi degli artt. 22 e 23 della legge 24 novembre 1981, n. 689, il Pretore di Lucca con ordinanza emessa il 28 settembre 1996 ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 24 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 8, secondo, terzo e quarto comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari), "nella parte in cui non prevede che il destinatario, dopo l’avviso lasciato alla sua abitazione, o ufficio o azienda, riceva notizia di tale attività per raccomandata a.r., così come previsto dall’art. 140 c.p.c".

Rileva il giudice a quo che, qualora la notificazione venga eseguita personalmente dall’ufficiale giudiziario, questi, in caso di assenza del destinatario e di rifiuto, mancanza, inidoneità o assenza delle altre persone abilitate a ricevere l'atto, deve - ai sensi dell’art. 140 del codice di procedura civile -: 1) depositare copia dell’atto nella casa comunale; 2) affiggere avviso del deposito alla porta dell’abitazione o dell’ufficio o dell’azienda del destinatario; 3) darne allo stesso notizia per raccomandata con avviso di ricevimento.

Qualora la notifica avvenga invece a mezzo posta, l’art. 8 della citata legge 20 novembre 1982, n. 890, prevede solo l'obbligo a carico dell’agente postale, nelle stesse ipotesi di cui all'art. 140 del codice di procedura civile, di lasciare al destinatario della notifica l’avviso di deposito del piego presso l'ufficio postale mediante affissione di tale avviso alla porta d’ingresso o immissione nella cassetta della corrispondenza dell’abitazione, dell’ufficio o dell’azienda, senza che di siffatto adempimento venga poi data notizia allo stesso destinatario mediante raccomandata con avviso di ricevimento.

Siffatta diversità di disciplina determinerebbe a giudizio del rimettente - attesa l’identità delle situazioni disciplinate dalle due norme - la violazione del principio di eguaglianza sancito dall’art. 3 della Costituzione, per l’ingiustificato e deteriore trattamento riservato ai destinatari, assenti, della notificazione eseguita a mezzo posta.

La norma denunciata violerebbe, altresì, l’art. 24 della Costituzione, per la compressione del diritto di difesa del destinatario dell’atto da notificare, il quale, per cause anche accidentali, potrebbe non avere conoscenza dell’avviso come sopra comunicatogli; pregiudizio, questo, evitabile, qualora la notificazione venga effettuata ai sensi dell’art. 140 del codice di procedura civile, prescrivendo tale norma che con raccomandata a.r. si dia notizia al notificatario delle attività svolte.

1.2 - E’ intervenuto il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, che ha concluso per la manifesta inammissibilità della questione, non essendo stati prospettati profili nuovi o diversi rispetto a quanto già deciso da questa Corte con la sentenza n. 591 del 1989 e con le ordinanze n. 429 e n. 899 del 1988, nonchè n. 138 del 1990.

3 - Nel corso di un procedimento civile per opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, la Corte di appello di Milano con ordinanza emessa il 22 aprile 1997 ha sollevato, in riferimento all’art. 24, secondo comma, della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 8, secondo e terzo comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari), nella parte in cui prevede che il piego, notificato per compiuta giacenza dopo il decimo giorno dalla data di deposito presso l’ufficio postale, venga restituito al mittente senza che il destinatario sia messo in grado di conoscere tipo, natura, provenienza e contenuto dell’atto che gli é stato notificato.

Ad avviso del giudice a quo, una volta rimesso il piego al mittente sarebbe impossibile, o quanto meno estremamente difficoltoso per il notificatario, rintracciare l’atto che gli é stato notificato (non contenendo l’avviso dell’agente postale alcuna utile indicazione), con conseguente violazione del diritto di difesa sancito dall’art. 24 della Costituzione.

2.1. - E’ intervenuto il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, che ha concluso per la manifesta inammissibilità della questione, per non essere stati prospettati profili nuovi o diversi rispetto ad identiche questioni dichiarate inammissibili da questa Corte.



Considerato in diritto



1. - Data l’identità della materia, le questioni sollevate dalle ordinanze del Pretore di Lucca e della Corte di appello di Milano vanno riunite per essere decise con unica sentenza.

2. - Il Pretore di Lucca denuncia l’illegittimità costituzionale dell’art. 8, secondo, terzo e quarto comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890, in riferimento agli artt. 3 e 24 della Costituzione, nella parte in cui detta norma non prevede che il destinatario della notifica effettuata a mezzo posta, dopo l’avviso lasciato presso la sua abitazione, ufficio o azienda, riceva notizia delle attività compiute per raccomandata a.r., così come previsto dall’art. 140 del codice di procedura civile per il caso di notifica effettuata personalmente dall’ufficiale giudiziario.

3. - La Corte di appello di Milano dubita, in riferimento all’art. 24, secondo comma, della Costituzione, della legittimità costituzionale del medesimo art. 8, secondo e terzo comma, della citata legge n. 890 del 1982, nella parte in cui prevede che il piego, notificato per compiuta giacenza dopo il decimo giorno dalla data di deposito presso l’ufficio postale, venga restituito al mittente senza che il destinatario sia messo in grado di conoscere tipo, natura, provenienza e contenuto dell’atto che gli é stato notificato.

4. - La prima questione é fondata, nei limiti di seguito precisati.

4.1. - Nel sistema delineato dalla legge 20 novembre 1982, n. 890, l’ufficiale giudiziario può utilizzare il servizio postale per la notificazione di tutti gli atti in materia civile, amministrativa e penale, salvo che l’autorità giudiziaria disponga, o la parte richieda, che la notificazione sia eseguita personalmente (art. 1, primo comma). In materia civile e amministrativa, inoltre, egli deve sempre avvalersi del servizio postale per le notificazioni da eseguirsi fuori del comune ove ha sede l’ufficio, eccetto che la parte chieda che la notificazione sia eseguita personalmente (art. 1, secondo comma). Salva la richiesta del notificante di eseguire la notificazione personalmente, l’ufficiale giudiziario ha dunque la facoltà - e talvolta l’obbligo - di utilizzare il servizio postale.

4.2. - In caso di assenza del destinatario di una notificazione a mezzo posta (e di rifiuto, mancanza, inidoneità o assenza delle altre persone abilitate a ricevere l’atto), l’art. 8 della legge n. 890 del 1982 prevede che l’agente postale depositi il piego nell’ufficio postale, rilasciando avviso al destinatario "mediante affissione alla porta d'ingresso oppure mediante immissione nella cassetta della corrispondenza dell’abitazione, dell’ufficio o dell’azienda", e che di tutte le formalità eseguite e del deposito nonchè dei motivi che li hanno determinati sia fatta menzione sull’avviso di ricevimento che, datato e sottoscritto dall’agente postale, é unito al piego (secondo comma). Trascorsi dieci giorni dalla data del deposito senza che il piego sia stato ritirato dal destinatario, il piego stesso viene restituito al mittente, unitamente all’avviso di ricevimento, con l’indicazione "non ritirato" (terzo comma). La notificazione si ha per eseguita decorso il suddetto termine di dieci giorni dal deposito (quarto comma).

4.3. - Ora, se rientra nella discrezionalità del legislatore la conformazione degli istituti processuali e, quindi, la disciplina delle notificazioni, un limite inderogabile di tale discrezionalità é rappresentato dal diritto di difesa del notificatario. Deve pertanto escludersi che la diversità di disciplina tra le notificazioni a mezzo posta e quelle personalmente eseguite dall’ufficiale giudiziario possa comportare una menomazione delle garanzie del destinatario delle prime.

Per l’ipotesi di notificazione eseguita personalmente dall’ufficiale giudiziario, l’art. 140 del codice di procedura civile impone a quest’ultimo di dare comunicazione al destinatario, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, del compimento delle formalità indicate (deposito dell’atto nella casa comunale e affissione dell’avviso di deposito alla porta dell’abitazione, dell’azienda o dell’ufficio). E ciò allo scopo di garantire che il notificatario abbia una effettiva possibilità di conoscenza dell’avvenuto deposito dell’atto, ritenendosi evidentemente insufficiente l'affissione del relativo avviso alla porta d'ingresso o la sua immissione nella cassetta della corrispondenza dell’abitazione, dell’azienda o dell’ufficio ed individuandosi nella successiva comunicazione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento lo strumento idoneo a realizzare compiutamente lo scopo perseguito. Una disposizione siffatta - pur se compatibile con la specificità propria del mezzo postale - manca invece nella disciplina censurata che, pertanto, risulta, al tempo stesso, priva di ragionevolezza e lesiva della possibilità di conoscenza dell’atto da parte del notificatario e, quindi, del diritto di difesa garantito dall’art. 24 della Costituzione.

E ciò senza considerare che le insufficienti garanzie di conoscibilità che presenta per il notificatario la notificazione a mezzo del servizio postale derivano, in ultima analisi, dalla scelta del modo di notificazione effettuata da soggetti, l’ufficiale giudiziario e il notificante, privi di qualsivoglia interesse alla conoscibilità dell’atto da parte del notificatario: il solo notificante, infatti, può richiedere all’ufficiale giudiziario di effettuare la notifica personalmente e, qualora ciò non faccia, l’ufficiale giudiziario può, a sua discrezione, scegliere l’uno o l’altro modo di notificazione.

4.4. - L’art. 8, secondo comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890, va pertanto dichiarato costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede che, in caso di assenza del destinatario (e di rifiuto, mancanza, inidoneità o assenza delle altre persone abilitate a ricevere l’atto), sia data notizia al destinatario medesimo con raccomandata con avviso di ricevimento del compimento delle formalità prescritte.

5. - Anche la questione sollevata dalla Corte di appello di Milano é fondata nei limiti di seguito precisati.

5.1. - La funzione propria della notificazione é quella di portare l’atto a conoscenza del destinatario, al fine di consentire l’instaurazione del contraddittorio e l’effettivo esercizio del diritto di difesa. Compete naturalmente al legislatore, nel bilanciamento tra l’interesse del notificante e quello del notificatario, determinare i modi attraverso i quali tale scopo possa realizzarsi individuando altresì i rimedi per evitare che il diritto di agire in giudizio del notificante sia paralizzato da circostanze personali - come ad esempio l’assenza dalla abitazione o dall’ufficio - riguardanti il destinatario della notificazione.

I termini di tale bilanciamento di interessi possono naturalmente essere i più vari come emerge dalle soluzioni adottate in alcuni degli ordinamenti processuali europei a noi più vicini per cultura e tradizione.

5.2. - Ciò premesso, non sembra in ogni caso potersi dubitare che la discrezionalità del legislatore incontri un limite nel fondamentale diritto del destinatario della notificazione ad essere posto in condizione di conoscere, con l’ordinaria diligenza e senza necessità di effettuare ricerche di particolare complessità, il contenuto dell’atto e l’oggetto della procedura instaurata nei suoi confronti, non potendo ridursi il diritto di difesa del destinatario medesimo ad una garanzia di conoscibilità puramente teorica dell’atto notificatogli. E’ opportuno, altresì, sottolineare che la questione di cui si tratta non concerne in alcun modo l’individuazione del momento perfezionativo della notificazione (in relazione al quale dispone il quarto comma del citato art. Cool bensì la legittimità della norma che dispone la restituzione al mittente del piego non ritirato dal destinatario entro i dieci giorni dal deposito presso l’ufficio postale (art. 8, terzo comma).

Disposizione quest'ultima che, in un contesto sociale ben diverso da quello esistente all’epoca della sua emanazione, risulta gravemente pregiudizievole per il notificatario, il quale - nel caso (oggi non certo infrequente, specie nel periodo estivo) di assenza dall’abitazione, dall’azienda o dall’ufficio che si protragga per oltre dieci giorni e di mancanza delle persone indicate al secondo e terzo comma dell’art. 7 della citata legge n. 890 del 1982 - non é più posto in condizioni di ritirare il piego, diversamente da quanto si verifica per il destinatario di una notificazione effettuata ai sensi dell'art. 140 del codice di procedura civile, e si trova perciò in una situazione di impossibilità o comunque di notevole difficoltà di individuazione dell’atto notificatogli (talvolta provocata dal notificante, mediante la scelta dell’epoca della notifica e la mancata richiesta di notificazione personale da parte dell’ufficiale giudiziario) tale da potergli in concreto precludere ogni effettiva possibilità di difesa.

Anche in tal caso, non si tratta dunque di sostituirsi al legislatore nell’individuare uno dei possibili correttivi alla disciplina delle notificazioni a mezzo posta, bensì di rimuovere una previsione (quella di restituzione del piego al mittente dopo il decorso di un termine del tutto inidoneo, per la sua brevità, a garantire l’effettiva possibilità di conoscenza) lesiva del diritto di difesa del destinatario della notificazione, non presente nella parallela disciplina codicistica delle notificazioni a mezzo di ufficiale giudiziario e non connaturata, quanto meno nella sua dimensione temporale, alla specificità del mezzo postale.

Il legislatore, nella sua discrezionalità, sarà quindi libero di adeguare la disciplina delle notificazioni a mezzo posta (per il caso di assenza del destinatario) a quella dettata dall’art. 140 del codice di procedura civile (che non prevede affatto la restituzione dell’atto al mittente) ovvero di stabilire regole diverse: il limite della discrezionalità sarà rappresentato esclusivamente dal diritto di difesa del destinatario, in relazione al quale deve ritenersi illegittima qualsiasi disciplina che, prevedendo la restituzione del piego al mittente dopo un termine di deposito eccessivamente breve, pregiudichi la concreta possibilità di conoscenza del contenuto dell’atto da parte del destinatario medesimo.

5.3. - La mancata restituzione del piego al mittente dopo il decimo giorno di giacenza non solo non incide - come già si é visto - sull’individuazione del momento perfezionativo della notificazione, ma nemmeno pregiudica l'interesse del notificante alla tempestiva formazione della prova dell’avvenuta notifica che ben può essere fornita, indipendentemente dal piego, dall'avviso di ricevimento, da restituirsi al mittente in raccomandazione e mediante il quale questi potrà dimostrare la regolarità della notificazione.

5.4. - L’art. 8, terzo comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890, va pertanto dichiarato illegittimo nella parte in cui prevede che il piego sia restituito al mittente, in caso di mancato ritiro da parte del destinatario, dopo dieci giorni dal deposito presso l’ufficio postale.



PER QUESTI MOTIVI

LA CORTE COSTITUZIONALE



riuniti i giudizi,

a) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 8, secondo comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari), nella parte in cui non prevede che, in caso di rifiuto di ricevere il piego o di firmare il registro di consegna da parte delle persone abilitate alla ricezione ovvero in caso di mancato recapito per temporanea assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità o assenza delle persone sopra menzionate, del compimento delle formalità descritte e del deposito del piego sia data notizia al destinatario medesimo con raccomandata con avviso di ricevimento;

b) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 8, terzo comma, della legge 20 novembre 1982, n. 890 (Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari), nella parte in cui prevede che il piego sia restituito al mittente, in caso di mancato ritiro da parte del destinatario, dopo dieci giorni dal deposito presso l’ufficio postale.



Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 settembre 1998.

Presidente: Renato GRANATA

Redattore: Annibale MARINI

Depositata in cancelleria il 23 settembre 1998.


http://www.giurcost.org/decisioni/1998/0346s-98.html
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippocampo2009



Registrato: 06/06/09 14:33
Messaggi: 20858
Residenza: Campania

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 3:28 pm    Oggetto: Re: atto giudiziario non ritirato Rispondi citando

mike533 ha scritto:
salve a tutti, vorrei chieder una info+ un consiglio.
La mia compagna all'inizio di dicembre 2010 ebbe un'avviso di giacenza atti giudiziari dalla PT locale lei convinta si trattasse di una cosa a lei molto antipatica non la volle ritirare, ma ieri 16 Marzo 2011 dietro sempre le mie sollecitazioni l'ha ritirata e sorpresa(brutta) era una multa per div. di sosta ormai è passato molto tempo cosa possiamo fare'
Ed è vero che c'è stata una sentenza che ha stabilito che le raccomandate ne devono essere inviate almeno 2 annullando di fatto una multa simile?
garzie


Come indicato nelle sentenza postate da delux le Poste avrebbero dovuto inviarti una seconda raccomandata per portarti a conoscenza del plico in giacenza, Purtroppo, però, ritengo che il fatto che tua abbia cmq provveduto al ritiro comporta l'avvenuta regolare consegna del plico stesso. Al momento, quindi, puoi proporre opposizione soltanto per motivi legati al verbale notificatoti.
_________________

SUB LEGE LIBERTAS
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
INFERNO



Registrato: 21/04/05 23:11
Messaggi: 6057
Residenza: indefinibile zona magmatica terrestre

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 3:29 pm    Oggetto: Re: atto giudiziario non ritirato Rispondi citando

ippocampo2009 ha scritto:
mike533 ha scritto:
salve a tutti, vorrei chieder una info+ un consiglio.
La mia compagna all'inizio di dicembre 2010 ebbe un'avviso di giacenza atti giudiziari dalla PT locale lei convinta si trattasse di una cosa a lei molto antipatica non la volle ritirare, ma ieri 16 Marzo 2011 dietro sempre le mie sollecitazioni l'ha ritirata e sorpresa(brutta) era una multa per div. di sosta ormai è passato molto tempo cosa possiamo fare'
Ed è vero che c'è stata una sentenza che ha stabilito che le raccomandate ne devono essere inviate almeno 2 annullando di fatto una multa simile?
garzie


Come indicato nelle sentenza postate da delux le Poste avrebbero dovuto inviarti una seconda raccomandata per portarti a conoscenza del plico in giacenza, Purtroppo, però, ritengo che il fatto che tua abbia cmq provveduto al ritiro comporta l'avvenuta regolare consegna del plico stesso. Al momento, quindi, puoi proporre opposizione soltanto per motivi legati al verbale notificatoti.


CONCORDO E QUOTO > UN ONORATO SALUTO
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
dindo



Registrato: 01/01/03 11:12
Messaggi: 2350
Residenza: Granducato di Toscana

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 3:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

La notificazione si è perfezionata, come giustamente detto dai colleghi, per compiuta giacenza. Vorrebbe dire, in parole povere, che il postino è venuto presso il destinatario, e non trovandolo, ha lasciato l'avviso in cassetta; successivamente poi presso le poste, parte una seconda raccomandata (appunto, Comunicazione di Avvenuto Deposito - CAD - ), la quale avvisa il destinatario che è in giacenza la prima.
Decorsi 10 gg dall'invio della seconda raccomandata, l'atto si intende notificato, indipendentemente dal ritiro o meno dell'atto.
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
fstones



Registrato: 13/05/09 14:18
Messaggi: 388

MessaggioInviato: Gio 17 Mar 2011 - 5:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

no un attimo: x quanto riguarda la notifica da parte della posta di un AG, questa prova la consegna e lascia un semplice avviso. Il giorno dopo consegna altra raaccomandata, chiamata CAD, in cui ti avverte che c'è un atto in deposito. In questo caso, il cad se è consegnato, c'è una firma di ricevuta mentre se non c'è nessuno il postino nella relata scrive immesso in cassetta postale e la consegna senza bisogno di firme...
propendo anche io per un eventuale ricorso per vizi di forma del verbale stesso oppure mi prodigherei di regolarizzarlo prima che venga emessa una cartella esattoriale.
Io consiglio sempre di ritirare gli atti perchè con l'atto in mano ci si può difendere e/o valutare il da farsi: non rititarlo o, peggio, rifiutarlo ai fini di notifica è terminato ma di fatto rimani in balìa degli eventi...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La Polizia e il Cittadino Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it