Forum sulla non Autosufficienza - Bari 18/19 aprile 2012
 
Comuni d'Italia
Spazio aperto di discussione
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
rsa integrazione retta

 
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> tredueotto 328
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
raf74
5237





MessaggioInviato: Dom 11 Mag 2008 - 6:08 pm    Oggetto: rsa integrazione retta Rispondi citando

il mio comune nel lazio ha ormai 14 anziani, con isee inferiore ai 13000 euro, ricoverati in rsa con relativa quota a carico. La misura del contributo è ormai insostenibile, è possibile fare appello all'art 433 cc per ottenere il contributo dei familiari, o ad altra norma, per evitare tale salasso per le casse comunali? o un ente deve esser portato in condizioni di dissesto dalle rette rsa? grazie
Top
Cosa fare?
5512





MessaggioInviato: Ven 06 Giu 2008 - 3:58 pm    Oggetto: quote rsa Rispondi citando

Ho da comunicarvi una notizia in merito ai pazienti RSA della Regione Lazio ed in risposta alla domanda dell'amico.
In relatà, il problema potrebbe essere superato come ha fatto la nostra famiglia:"La DGR 98/2007 della Regione Lazio ha rimodulato le fasce, ai fini della determinazione della retta giornaliera da pagare alle RSA.
Per effetto di tale rimodulazione, la stessa si trova a ricadere nella seconda fascia, vale a dire tra gli utenti in possesso di reddito annuale I.S.E.E. pari ad un importo compreso tra euro 13.000,00 (tredicimila) e euro 25.000,00 (venticinquemila): quota direttamente a carico dell'assistito pari al 40% (senza il concorso del Comune territorialmente competente); quota a carico del Fondo sanitario pari al 60%.
Tale DGR 98/2007 garantiva, comunque, il mantenimento di una pensione o reddito mensile pari alla pensione sociale.
Tutto questo non succede nel caso di mia madre, la quale si trova a dover pagare più di quanto prende a titolo di emolumenti mensili.
Cosa posso fare nei confronti della Regione Lazio per poterLe garantire il mantenimento di un importo mensile pari alla pensione sociale, così come stabilito dalla DGR 98/2007.
Devo rivolgermi ad un giudice e a quale?
Grazie."
Riguardando tale problema la nostra famiglia, ci siamo rivolti ad un avvocato di Roma, il quale, in difesa di nostra nonna paziente di un RSA romana, ha ottenuto dal Tribunale di Roma una pronuncia che ha dichiarato il diritto di mia nonna alla conservazione di una somma mensile pari alla quota di pensione sociale.
Pertanto, mia nonna dovrà da ora versare mensilmente la quota alla RSA di appartenenza, in modo tale che le venga garantito comunque il mantenimento ogni mese della somma di € 395,59.
Il medesimo avvocato richiederà ora le differenze indebitamente pagate da mia nonna dall'entrata in vigore della DGR 98/2007 sino ad oggi e fino alla concorrenza di € 395,59 mensili.
Grande vittoria.
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> tredueotto 328 Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi