TARES 2013: istruzioni per l’uso

Come e quando si paga la nuova TARES?

Altro giro, altro regalo? Il 2013 comincia con l’ingresso della nuova TARES, il tributo sui rifiuti e sui servizi indivisibili, che gli italiani dovranno pagare in quattro rate a partire da aprile. A versare saranno tutti i detentori e gli occupanti delle aree suscettibili di produrre rifiuti, cioè esattamente gli stessi soggetti alla vecchia TARSU e TIA, ma con una novità. Rientrano nell’applicazione della TARES anche i proprietari di locali il cui utilizzo sia temporaneo e non superiore ai 6 mesi. Sono escluse dal pagamento le aree pertinenziali scoperte delle abitazioni private, ma non quelle delle attività produttive e commerciali. In questo senso, dunque, i parcheggi dei centri commerciali saranno considerati aree soggette ad imposizione della TARES. La base imponibile, sulla quale sarà calcolata la nuova TARES, si baserà sulla superficie calpestabile, dato già in possesso dei Comuni. Tale parametro rimarrà in vigore fino al completo allineamento tra i dati catastali degli immobili con la toponomastica comunale: attività, questa, che viene portata avanti da enti locali e Agenzia del Territorio (ora assorbita sotto l’Agenzia delle Entrate).

Quando e come si paga: scopri tutto sulla TARES completando l’articolo pubblicato su Ediltecnico.it!

Tags: , , ,



83 Commenti per “TARES 2013: istruzioni per l’uso”

  1. Silvano Fabbri scrive:

    Buonasera, vorrei porvi un quesito ringraziandovi per il vostro interessamento. Sono proprietario di un alloggio privato. Ho pagato la TARSU lo scorso mese di aprile, ora il mio comune, Crespellano (BO), mi invia il pagamento della TARES 2013, in due rate con scadenza fine maggio e fine settembre. La TARES non doveva essere pagata a fine anno?
    Grazie.
    Silvano Fabbri

    1. Filippo scrive:

      Buon giorno
      io abito a Siracusa e ho già pagato le prime tre rate della TARSU per l’anno 2012, da pagare durante il 2013. Adesso il comune mi chiede il pagamento delle prime tre rate della TARES, sempre per il 2012, da pagare sempre entro il 2013 (a dicembre il comune comunicherà la quarta rata di conguaglio).
      Ma allora io dovrò richiedere il rimborso delle rate di TARSU già pagate (aspetta e spera!) anche se sarebbe meglio calcolare e pagare solo la differenza, cosa che evidentemente, vista la nostra burocrazia, non sarà possibile!

      1. Luca scrive:

        Da quello che mi pare di capire, mi sembra che facciate un po’ di confusione.
        Avete pagato la Tarsu dell’anno 2012 (che sia dilazionata nel corso dello stesso 2012 o che il Comune vostro preveda il dilazionamento fino all’anno successivo): il periodo copre comunque solo il 2012.
        La Tares è scattata nel 2013 e, come è giusto che sia, deve essere finita di pagare nell’anno di riferimento, per cui a seconda dei Comuni, sono state suddivise le rate o maggio, luglio, settembre e novembre od in altre mensilità, ma si parla appunto del servizio prestato dagli enti nel 2013 ed il pagamento è richiesto entro la fine dell’anno di riferimento

        1. annalisa scrive:

          Vorrei sapere se è vero che nelle famiglie con un solo occupante la Tares deve essere scontata del 30%.
          Grazie

          1. Paolo Suraci scrive:

            Salve,
            vorrei porre un quesito riguardo alla nuova tassa/furbizia TARES. Sono proprietario di un appartamento lasciatomi in eredita’ dai miei genitori, da circa tre(3)anni lo stesso e’ sfitto in quanto abito in un appartamento di proprieta’ di mia suocera. L’appartamento di mia proprieta’ e’ sfitto perche’ ha bisogno di lavori di ristrutturazione che al momwento non posso permettermi. Vorrei sapere se devo pagare la Tares oppure no, e se si, ho diritto ad uno sconto per quanto sopra espresso. Gioni fa’ ho telefonato all’Ufficio Re.Ge.S del mio Comune per avere informazioni in merito e, l’addetta, mi ha comunicato che, se vi e’ l’allaccio della luce, si deve pagare. Ora mi domando, non si puo’ accertare tramite l’anagrafe se l’abitazione e’ sfitta o meno e, perche’ devo per forza staccare il servizio enel e poi, quando avro’ la possibilita’ riabilitarlo pagando un contratto nuovo?. Grazie

          2. mpeppucci scrive:

            Le disposizioni normative vigenti consentono ai Comuni di applicare, in via facoltativa, riduzioni per l’unico occupante. E’ tuttavia da notare che, essendo le tariffe delle utenze domestiche rapportate anche al numero dei componenti il nucleo familiare, non sarebbe necessaria tale riduzione in ragione del numero dei soggetti che conferiscono rifiuti.

        2. Sergio Angelo scrive:

          In Germania. paese civile, ogni famiglia raccoglie i rifiuti in un bidone che viene vuotato ogni settimana a cura di un ente pubblico. Viene quindi pagato ogni bidone pieno. Se il bidone rimane vuoto non si paga nulla. Da noi vige la solita furbizia fiscale. Io vivo da solo in un grande appartamento di eredità e debbo affrontare una spesa del tutto incongrua. Un bel paese!
          In Germania il bollo della macchina è solo di circolazione. Se non usi la macchina non paghi nulla. Da noi vige la furbizia fiscale, e la tassa è di proprietà. Un bel pese!
          In Germania se monti un ponteggio su un luogo pubblico non paghi nulla. Da noi paghi…non so nemmeno che cosa.
          In Germania non esiste la carta bollata. A sentirne parlare si mettono a ridere.
          In Germania una laurea viene recensita da un collegio internazionale. Da noi spesso si scopiazza allegramene.
          Non parliamo poi della Sanità. Le sedi di ogni mutua sembrano il salotto di un albergo, e non devi aspettare. Da noi, l’inverno, dopo mezz’ora di attesa in ambienti appena accoglienti ti becchi facilmente un raffreddore.
          E così via.
          Veramente un bel paese il nostro, e soprattuto di un’onestà ed equità encomiabili!
          Mi si potrà dire di andarmene in Germania. Magari, se avessi un’età meno avanzata.

          1. vincenzo liuzzi scrive:

            Io dopo trenta anni che vivevo a brindisi me ne sono andato negli statu uniti alla bellezza di cinguanta anni

  2. Roberto Lonati scrive:

    Anche io sono proprietario di alloggio privato. Se può servirti come consolazione anche il mio Comune(Brindisi), proprio ieri, tramite il Concessionario a cui ha affidato la riscossione mi ha inviato la richiesta di pagamento delle prime tre rate della TARES 2013 con scadenze fine maggio, fine luglio e fine settembre con importi commisurati alle tariffe TARSU 2012. La quarta rata, esclusa dall’avviso dovrà essere versata entro il 20/12/2013 con mod. F24 tenendo conto delle tariffe per l’anno 2013 di prossima deliberazione da parte del Consiglio Comunale e della maggiorazione standard pari ad euro 0,30 per metro quadro riservata allo Stato. Come al solito noi cittadini ci ritroviamo sempre nel caos più assoluto per mancanza di chiarezza ed alle prese con una burocrazia ormai non più sostenibile. Non si capisce infatti se ,come per l’IMU, ci sarà un codice per il Comune ed un’altro per lo Stato.
    Cordialità
    Roberto Lonati

  3. modugno giuseppe scrive:

    vorrei chiarimenti in merito ai seguenti quesiti:
    Comune di Foggia
    Tipo occupazione ?
    ttitolo occupazione ?
    destinazione d’uso ?
    faccio notare che gli immobili sono di proprietà ANAS

  4. paola scrive:

    buongiorno,
    sono proprietaria di un’abitazione sita nel comune di Siniscola in una località priva di opere di urbanizzazione, mancano infatti le strade i marciapiedi l’illuminazione, vorrei chiedere se anche in questo caso va pagata la tares? forse sono sottoposte a manutenzione anche le buche e le pozzanghere? il comune in questi due giorni ci ha dotato di numerazione civica e ha dato nome alla strade. grazie per la disponibilità
    cordialità

    1. Salvatore scrive:

      Salve,
      anch’io sono nelle stesse condizioni di Paola, sempre a Siniscola stada sterrata, nessun parcheggio e sopratutto al buio, la TARSU va pagata?

  5. Antonio scrive:

    Sono proprietario di una abitazione in paese ed una in campagna. Durante tutto l’estate vivo stabilmente nella casa di campagna. Devo pagare la TARES per entrambe le abitazioni?

  6. claudia scrive:

    ho preso in fitto un’appartamento a Napoli, ma non lo abito, è vuoto e quindi non produco rifiuti perchè ancora vivo a Ischia dove pago la tares. Devo comunque pagare questa tassa che non è mai arrivata a mio nome?

  7. claudia scrive:

    ho preso in fitto un’appartamento a Napoli a dic.2012 ma non lo abito, è vuoto anche di mobili e quindi non produco rifiuti perchè vivo ancora a Ischia. Devo pagare la tares per questo appartamento fino a che non faccio il cambio di residenza, anche perchè io a Ischia la tares la pago.

  8. SIMONA scrive:

    Buongiorno, volevo un’informazione. Siamo un’officina meccanica di Agrate Conturbia (NOVARA. Dovremmo pagare euro 950,00 di rifiuti, calcolati sull’intera superficie del capannone. Mi sono però informato e in Comune qui vicino, sono molto più avanti di noi, perché la tassa viene solo applicata sull’ufficio e bagni, quindi non per l’intero capannone, in quanto provvediamo noi allo smaltimento dei rifiuti tossici, quali oli, gomme, batterie ecc….
    Il Comune, molto gentilmente, mi ha detto che questo non vale x loro e dovrei pagare tutto. Mi sembra assurdo e vergognoso….ma non è universale x tutti i Comuni? Possono davvero fare quello che hanno voglia?
    Attendo una cortese risposta. Grazie mille Simona

    1. Marco scrive:

      Ciao Simona sono Marco ho un’attività commerciale di bevande a Pombia e mi è arrivata la Tares anche a me e dovrò pagare il 400% in più rispetto a prima che pagavo 970 euro!! Io ho sono letto la legge e se non ho capito male, voi provvedete a smaltire i vostri rifiuti speciali da soli, quindi basta avere un documento che comprova questo fatto e comunicarlo al comune.

  9. Renzo scrive:

    01/07/2013 Sono un affittuario nel comune di Barberino Mugello, e anche a me è stato chiesto di pagare la Tares in 2 rate ,la 1° alla fine di Luglio.
    Io mi domando: abito a 700mt. dal cossonetto, in campagna con strada sterrata e piena di grosse buche, non ho il servizio dell’aquedotto pubblico,
    non c’è illuminazione pubblica,
    e per finire vorrei sapere perché essendo 1 persona sola in 60mq. devo pagare come come una famiglia di 4 persone in 80mq. Ma chi è che sporca le persone, o i muri delle case.
    In attesa una cortese risposta Distinti Saluti

  10. Antonio scrive:

    Buon giorno.
    Volevo precisare che abito DA SOLO in una villa……io mi chiedo perchè devo pagare uno sproposito di tassa dei rifiuti? se tutto va bene faccio un sacco trasparente di plastica e una scatola di cartone ogni due mesi……se non più avanti. Il secco lo porto ai miei genitori, dato che è talmente poco e l’umido lo sotterro nel giardino.
    Io devo pagare uno sproposito e ci sono famiglie che abitano in case piccole ma sono in 4 o 5…..di spazzatura ne fanno molto di più rispetto a me.
    C’è un modo per pagare meno o è solo un’altro modo per rubare soldi alla gente che da una vita fa sacrifici per mantenere ladri e furbi? Sono veramente stanco di questa situazione e di questa presunta italia.
    Grazie e scusate per il mio sfogo.
    Distinti saluti

  11. silvio scrive:

    Salve, abito nella città di Siracusa. Desidero un’informazione. Ho già pagato i tributi richiesti dal comune nel mese di giugno del 2013 interamente!!! Ora con la TARES dovrò pagare la rata entro il 31 agosto 2013? Per quale anno? Per il 2012 o per il 2013? Grazie. Cordiali Saluti
    Silvio Bonafede

  12. ANGELA scrive:

    Salve, mi chiamo Angela, abito a Villa San Giovanni (RC), in un appartamento di 140 mq, di cui sto pagando il mutuo, Ho due bambini e lavora solo mio marito. Fino all’anno scorso pagavo di Tarsu € 300,00, quest’anno dovrò pagare di Tarsu + di € 800,00. Ma come è possibile, mi correggo per noi è non è possibile pagare tale somma, dovremmo fare un altro prestito, impensabile. In Italia le persone che vogliono vivere onestamente non possono più vivere, se ne devono andare da questo paese. Io e mio marito siamo giunti a questa conclusione, la Tarsu non l’unica tassa da pagare, questa è una politica che mira a distruggere le famiglie e la gente onesta. Grazie per la Vs attenzione, Cordiali saluti da Angela Doldo di villa San Giovanni (RC).

    1. BUCCA L. scrive:

      MESSINA TARES 2013 APPARTAMENTO 80 MQ. 5 COMPONENTI DI CUI 3 BAMBINE 6-6-10 ANNI 507 EURO, VECCHIA TARSU 250 EURO PIU’ CHE RADDOPPIATA SERVIZIO INESISTENTE CITTA’ ABBANDONATA, COSI’ PAGANO DI PIU’ LE FAMIGLIE NUMEROSE GRAZIE COMUNE E STATO PER IL REGALO BUON 2014

  13. ANGELA scrive:

    Oggetto: autocorrezione

    Dovrei fare una correzione, nel commento scritto da me erroneamente per l’anno corrente ho parlato di Tarsu, mentre adesso la nuova tassa e la Tares. Grazie ancora per la Vs attenzione. Angela Doldo

  14. sebastiano scrive:

    sono Sebastiano e anch’io vivo a villa san giovanni (RC), l’anno scorso ho pagato euro 118,00 di TARSU, quest’anno il comune di villa san giovanni pretende euro 398,00 di tares, quindi il 300 % di aumento,è mai possibile un aumento del genere???? o forse i cittadini devono pagare la cattiva gestione della giunta comunale degli ultimi anni?? faccio presente che siamo in 4 in famiglia in un’abitazione di 52 mq..e x quanto ho sentito in giro ancora le tariffe non sono definitive ,si prevede ulteriore aumento..Grazie cordiali saluti
    Seby Fortugno Villa San Giovanni 14.08.2013

  15. lorenza scrive:

    ricevuto l’altro ieri la bolletta per la tassa dell’immondizia… premetto che ho un ristorante…. devo pagare 5500 euro… premetto che l’anno scorso ho pagato 1200 euro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ma come diavolo si fa?????? abito a Novafeltria provincia di rimini!!!! solo da noi e’ aumentata cosi’ tanto??????

    1. alberto scrive:

      ……stessa cosa a Cerisano (CS) le attività commerciali sono tartassate!!! spropositi d Tares…. 2,500, 5500, 5000, 8.500 per bar e ristoranti senza avventori!!! ma di quanto è l’aumento? del 600%???

      1. gabriella scrive:

        io ho un negozio di fiori e il mio aumento è stato del 1000%!!!!!

  16. DINO scrive:

    sono proprietario di una seconda casa al mare.siccome la sfrutto solamente per circa 2 mesi l’anno, devo pagare tutto l’importo
    della TARES per un anno intero?

    1. DINO scrive:

      vorrei avere una risposta

  17. Paolo scrive:

    Buongiorno ho ricevuto gli F24 della TARES e risulta alla voce occupanti num 3 persone…da febbraio siamo in due in famiglia, prima di febbraio nello stato di famiglia eravamo in 3 perché risultava che mia mamma abitasse con noi anche se dal 2009 era in una casa di riposo fino a febbraio 2013. Quindi non abitava con noi, secondo voi devo pagare comunque per tre?

  18. angelo scrive:

    Se non ho capito male la prima rata scade domani 16 Settembre 2013.C’è solo un piccolo particolare:io non ho ancora ricevuto nulla,dunque,se tanto mi da tanto,oltre a pagare di più rispetto alla vecchia tassa,dovrò anche accollarmi la sovrattassa.Vi sembra giusto?

  19. giovanni scrive:

    Buonasera facciamo un po di chiarezza stiamo parlando di proprietari di abitazioni di lusso, e cioè degli immobili di categoria catastale A/1 (abitazioni signorili), A/8 (ville) e A/9 (dimore storiche); dei proprietari di seconde e terze case, capannoni, negozi e aziende. Per quanto riguarda le abitazioni di lusso, anche’esse, quando si tratta di abitazione principale, possono usufruire delle detrazioni previste dalla normativa Imu che ammontano a 200 euro per immobile cui vanno sommate 50 euro per ogni figlio di età inferiore a 26 anni. Esenti dal pagamento Imu anche gli assegnatari degli alloggi gestiti dagli istituti autonomi delle case popolari o dagli enti di edilizia residenziale pubblica e degli assegnatari di appartamenti costruiti in cooperativa indivisa; e i destinatari degli edifici di housing sociale, cioè quegli immobili costruiti da privati e assegnati con le stesse regole in vigore per le case pubbliche.Dicembre sarà anche il mese della temutissima Tares, la nuova imposta sui rifiuti che sostituisce la Tarsu. La nuova tassa sui rifiuti dovrebbe, secondo le stime, registrare incrementi in media del 13,5%, ma solo una piccola parte è imputabile al costo del servizio rifiuti, l’1,58%, per l’esattezza.Per il resto, il prezzo da pagare sarà alto a causa del balzello di 30 centesimi a metro quadro, stabilito dall’ex governo Monti, da destinare totalmente allo Stato, e poiché finora il pagamento di questa tassazione locale è stata congelata dalle incertezze politiche, e i due acconti rifiuti di aprile e luglio sono slittati, l’intera entità del rincaro si abbatterà sul conguaglio di fine anno.In realtà, ci si aspettava una riduzione sulla Tares, considerando che in Italia è aumentata la raccolta differenziata e complice la crisi economica si sono ridotti i consumi, con un conseguente calo della produzione dei rifiuti. Ma, al contrario, sugli italiani si abbatterà una vera e propria stangata.Per esempio, per un’abitazione di 114 mq si prevede un aumento medio del 29,1%, pari a 73 euro, mentre per un negozio di 70 mq il costo dell’imposta sarà maggiore del 19,7%, pari a 98 euro. Per effettuare i pagamento si potranno usare bollettini postali o servirsi dei modelli F24.

  20. manuela scrive:

    Mio figlio studente è residente a Siracusa ma domiciliato a Torino , a Siracusa paghiamo la Tares , la mia domanda è deve pagarla anche a Torino?

    1. Alberto scrive:

      Buon giorno , vorrei sapere se la TARES si paga anche in base al numero dei componenti della famiglia o solo per i Mq.
      Grazie Alberto

        1. dami scrive:

          Ma la tares è in base agli occupanti o alla superficie ?

          1. mpeppucci scrive:

            Le tariffe TARES sono calcolate sulla base dei costi del servizio attribuiti alle due macrocategorie: utenze domestiche ed utenze non domestiche. Una volta individuati i costi di riferimento, le tariffe vengono calcolate in base a specifiche disposizioni normative che prevedono la loro determinazione attraverso il calcolo di due quote: una fissa, rapportata alla superficie dell’immobile soggetto a tassazione ed una variabile definita in rapporto al rifiuto conferito. Per questa quota, relativa alle tariffe delle utenze domestiche, viene preso in considerazione il numero dei componenti del nucleo familiare.

    2. mariano scrive:

      Gent.le Sig.ra Manuela, anche io ho lo stesso problema ma non riesco a trovare eventuale risposta che Le e’ stata data. Potrebbe, cortesemente, suggerirmi come comportarmi? La ringrazio anticipatamente e cordialmente La saluto
      Mariano

  21. enrico scrive:

    ho ereditato una piccola casetta da mio padre in un piccolo paesino, ho dichiarato al comune che non è abitata da alcuni anni,
    e non produce un solo grammo di spazzatura, ma per tutta risposta continuano a farmi pagare la tarsu prima, e ora la tares in misura piena senza nemmeno una riduzione, è veramente una vergogna questi sono furti legalizzati, mi opporrò con ogni mezzo consentito dalla legge, la spazzatura la deve pagare chi la produce.

  22. oldino scrive:

    “la TARES si basa, tra l’altro, sul numero dei componenti del nucleo
    familiare. E se il nucleo familiare è composto da 5 persone maggiorenni di
    cui solo uno lavora (monoreddito) e gli altri inoccupati o studenti? Così
    lo Stato vuole incentivare la crescita della popolazione italiana?”

  23. lorena scrive:

    salve,
    gradirei ricevere un’informazione..
    se presento un contratto sullo smaltimento dei rifiuti (organici, indifferenziata e differenziata) tra me abitazione privata e un’azienda privata al comune, posso non pagare la stessa tassa sui rifiuti al comune il quale non effettua il servizio nella mia abitazione privata?

  24. Luigi scrive:

    Mio figlio, maggiorenne, è residente in un paese del vercellese creando un nucleo famigliare di tre persone con me e mia moglie. Siccome per lavoro però vive, in affitto, in un’altra città nella quale ha già ricevuto e pagato l’acconto della TARES voglio sapere, per quanto riguarda l’imposizione della Tassa, se il nucleo famigliare si riduce a due persone o se la residenza costituisce titolo insindacabile . E se, sempre per lavoro, venisse temporaneamente spostato in un’altra località (e non è solo una ipotesi, per ora gli è stata richiesta l’eventuale disponibilità al trasferimento temporaneo, con conseguente nuovo contratto di affitto), in questo caso deve pagare la TARES a tre comuni ?

  25. alessandro scrive:

    Buongiorno. Vorrei avere un informazione: Ho abitato in un alloggio ad Isola d’Asti fino al 30/03/2013 data di cessazione del contratto di locazione. Successivamente sono tornato a casa di mia madre dove ho fatto la richiesta di residenza il 30/08/2013. Mi è arrivata da pagare la tares dal 01/01 fino a fine agosto 2013. Ho chiesto in comune il riconteggio della tassa fino al 30/03 data in cui ho cessato di risiedere nell’utenza in questione ma mi dicono che l’unico parametro per conteggiare la tares è la data di effettiva residenza. È giusto che paghi 5 mesi di tassa per una casa in cui non ho abitato e che (fra l’altro) è arrivata da pagare anche al nuovo inquilino per lo stesso identico periodo? Non esiste un modo per ottenere in maniera regolare il riconteggio della tassa impugnando il documento di cessazione del contratto di locazione? In comune mi dicono che non è possibile ma a me sembra un comportamento privo di buon senso e contro ogni logica Gradirei avere cortesemente una risposta. Grazie

  26. Roberto scrive:

    Ho camprato casa Borgo D’Ale a fine giugno e il comune mi invia la lettera per il pagamento della tares 2013 come 1°acconto di euro 99,00 nel mese di ottobre.Non essendo la casa stata di mia proprietà nei primi 6 mesi dell’anno devo comunque pagare per tutto l’anno 2013?

  27. flora scrive:

    Salve sarei lieta di sapere se qualcuno sa x caso,se la tassa viene pagata in ritardo cosa succede?

  28. FRANCESCO scrive:

    Salve, vorrei sapere come viene calcolata la TARES, per esempio, le terrazze, i balconi e il garage viene considerato?. Grazie

  29. mariarosa scrive:

    A me hanno calcolato mq in meno me ne sono accorta solo ora, cosa devo fare?

  30. giovanni scrive:

    mi chiamo giovanni e proprio ieri 09\11\2013 mi sono visto arrivare 2 modelli F24 per il pagamento della TARES, perchè debbo pagare una tassa se il comune di partinico, il servizio viene effettuato si e no una volta a settimana?

  31. roberto scrive:

    Salve,
    sono un neolaureato in scienze ambientali, per ampliare le mie competenze prima di cercare un lavoro,
    volevo seguire un corso di formazione sulla TARES, qualcuno mi sa dire se in provincia di Milano organizzano dei corsi in merito!!??

    Grazie Mille in anticipo
    Roberto

  32. miriam scrive:

    Buonasera. Sono proprietaria di un cantinato (non pertinenza) inutilizzato. Il Comune mi richiede il pagamento della TARES. E’ corretto? Va pagata? Grazie.

  33. carmelo scrive:

    qualche giorno fa ho ricevuto la cartella della tares con un importo di € 253,00 per 43 mq di un immobile utilizzato solo per un mese l’anno contro € 111,00 del 2012 un aumento più del doppio mi chiede tale aumento a cosa è dovuto ai privilegi che hanno i nostri governanti e allo sperpero di denaro pubblico per non dire alle ruberie.i

  34. aldo strevella scrive:

    Vorrei conoscere le motivazioni che hanno spinto il comune di Napoli e penso anche altri comuni d’Italia che la tares si debba pagare solo presso Poste Italiane e non presso gli uffici postali privati dislocati sul territorio ed evitare lunghissime code ed attese snervanti. Forse perché poste italiane si è impegnata a far fronte ai problemi di ALITALIA?

  35. anna scrive:

    ieri, con solo pochi giorni di tempo per pagare, è arrivata la cartella Tares dal Comune di Napoli, il doppio dell’anno scorso per una casa di 44 mq! vergogna, vergogna, vergogna!mio padre è pensionato sociale, io e mia sorella siamo disoccupate e dobbiamo pagare una tassa aumentata del doppio! io voglio pagare le tasse e infatti abbiamo sempre pagato la Tarsu, e da persona razionale voglio anche capire che il criterio dei mq è giusto solo in parte, ma questa è un abuso, un’ingiustizia sociale. Camminiamo tra strade sporche di rifiuti, il servizio funziona uno schifo,, e abbiamo la tassa più alta d’Italia!! è assurdo! E ripeto, ma come si può aumentare così tanto una tassa, non parliamo di 10 euro, ma di 230 euro in più! me ne frego dei criteri nuovi a un certo punto,perchè sarebbe stato un dovere assicurare un non eccessivo divario rispetto agli anni passati, è il minimo per assicurare un pò di equità! vergogna!! Certo la legge dice che per le famiglie disagiate ci devono essere agevolazioni, ma dove sono? intanto lo prendi in quel posto e paghi, poi forse, se e quando vogliono i signori del Comune, che sono veloci e bravi ad applicare le leggi solo per massacrare la gente, avrai qualche agevolazione. Sinceramente non so come faremo a pagare quasi 500 euro di spazzatura (con la prima rata fra otto giorni, ma vi rendete conto di quando me l’hanno mandato questo cavolo di avviso?), la voglia di non pagarla e non sopportare questo ulteriore abuso è tanta, ma tanto ci andremmo a perdere solo noi, spero solo che esista una giustizia divina per questi politici che stanno massacrando la povera gente, so che non si fa, ma gli auguro tutto il male possibile, sono troppo amareggiata

  36. Gianluca Ricci scrive:

    Buongiorno. Premetto una mia estrema ignoranza in materia. Io sono residente dal 2007 a Pavia, in un appartamento del quale sono divenuto proprietario nello stesso anno. Il mio geometra non mi ha detto di fare alcunchè per il pagamento dei rifiuti in quanto sarebbe stato trasferito su di me l’onere che doveva al comune il precedente proprietario. A tutt’oggi io non ho ricevuto alcuna richiesta di pagamento da parte del mio comune nè colui che mi ha venduto l’appartamento. Come mi devo muovere, essendomi stupidamente “svegliato” dopo tutto questo tempo?
    Grazie
    Gianluca

  37. Michela Pinna scrive:

    Salve..sono una studentessa trasferitasi ad ottobre..volevo sapere se io studente devo pagare tt le rate quindi luglio settembre..o solo novembre..aiutatemi

  38. Silvia scrive:

    Salve, mi è appena arrivata il saldo della tassa sui rifiuti. abito a Montefano, un paesino in provincia di Macerata e sull’avviso di pagamento c’è scritto: A seguito dell’approvazione della legge n. 124 del 28/10/2013 il Comune di Montefano, in sostituzione della TARES, ha provveduto a riadottare le tariffe della Tassa rifiuti aumentando del 10% le tariffe TARSU del 2012.
    Io quindi mi trovo a pagare un acconto (pagato a maggio) della TARES ed un saldo della TARSU aumentato del 10%.
    Vorrei sapere se è possibile legalmente tornare indietro alla vecchia tassa TARSU e aumentarla del 10%. Grazie!

  39. Francesca scrive:

    Salve, il 03 novembre scorso è arrivata ai miei genitori la tares da pagare pari a 447euro (premetto che da quattro anni gli era stata riconosciuta l’esenzione al tributo tarsu per questioni di reddito basso e per l’età). Per noi è stata una brutta sorpresa perchè non pensavamo che il cambiamento del nome di questa cavolo di tassa sconvolgesse la vita della povera gente. Mi sono rivolta agli uffici “diciamo competenti” e mi hanno detto che i miei genitori dovevano presentare istanza per l’esenzione entro il 31 ottobre. Ma dopo 4 anni che non paghi come fai a pensare che ti arriverà la tares? E poi se avessero mandato i bollettini prima della scadenza dei termini di presentazione dell’istanza d’esenzione penso che i miei genitori avrebbero potuto risolvere in tempo questa situazione. Eravamo ignari di tutta questa situazione, ci hanno intrappolato, questo non si fa, come fa un povero signore di 83 anni a togliere 447euro dalla pensione sociale? Chi gli farà la spesa? Ma possibile che nessuno ci difende? Dimenticavo, nel retro del foglio accanto al nominativo di mio padre è specificato ESENTE DAL TRIBUTO quindi perchè gliel’hanno mandata?

  40. matteo scrive:

    Salve, mi è appena arrivato il saldo della tassa sui rifuiti. Abito in una casa in affitto a Bologna e avevo già pagato la prima rata a luglio. Nel dettaglio degli importi viene riportato il totale, quello già emesso e la differenza. Nel riepilogo però del dovuto, l’importo è uguale a quello totale senza rendere conto della differenza (che ho gia pagato). é successo anche a qualcuno di voi? è normale? In piu’ avevo letto che quelli che abitano da soli dovrebbero pagare 30% in meno. si applica automaticamente oppure si deve presentare apposita domanda? Grazie mille!

  41. Antonio scrive:

    Salve ,gestisco una gastronomia in provincia di sassari l’anno scorso
    ho pagato 110 euro quest’anno devo pagare 1059 euro .
    Vorrei sapere ma e possibile un aumento del genere

  42. serdictis scrive:

    Possiedo una casa al mare che utilizzo per 2 mesi l’anno ma anche meno ed ho ricevuto un bollettino postale dal Comune di Ugento per una somma (Tares) di 139 euro da pagare ed una lettera di accompagnamento, che pur facendo riferimento a parametri reali indica anche i 365 gg dell’anno per i quali avrei utilizzato la casetta. Preciso che se piombate a Lido Marini nel resto dell’anno non trovate ne i cassonetti per strada per la raccolta dei rifiuti nè alcun tipo di servizio in questo paese fantasma. Come si giustifica tale tassa sui 365 giorni? Senza considerare che anche nei periodi di maggiore presenza i servizi comunali sono scadenti.

  43. francesco scrive:

    Salve ho un quesito da porvi oggi si e presentato un signore del comune dicendomi ke devo pagare la tares di ben 3450 euro. Ho una pizzeria di 150 mq non d mia proprietà….sono in affitto.. cosa devo fare mi date un consigliosu cosa devo fare? Mi sa ke la devo dare vinta a loro e chiudere i battenti… spero in una vostra risposta positiva ke qualcuno mi illumini

  44. ubaldo scrive:

    la mia casa e di 70 mq famiglia di 3 persone ho pagato la prima e seconda rata della tarsu -tia 2012 .pari a 79+79 euro=158
    che specificafa il 40%+40% dell’importo dovuto. Mi e arrivato da pagare 104 euro di cui 21euro coprono la tassa di 0,30eurox70
    istituita dal comune di pistoia mi domando gli 83 euro in piu da dove vengono (specifico che i 104euro sono descritti come saldo 2013 TARES .TUTTO QUESTO E POSSIBILE? DATEMI UNA RISPOSTA GRAZIE.

  45. Giuseppe scrive:

    .PER …..anno 2013
    TarsuArmeno. 2011 e 2012
    Tares 2013
    LO STESSO TRIBUTO CO NOMI DIVERSI PAGATO 3 volte da luglio 2013 per ritardi dell’amministrazione
    RISULTATO. DA SCHIFO….

  46. Mario scrive:

    Buona sera; Oggi ho ricevuto il bollettino TARES 2013. Ho un’abitazione principale dove convivo con il mio nucleo familiare composto di 5 persone. Dispongo inoltre di una seconda casa che nel 2013 è stata locata con contratti transitori sino a tutto il 28 febbraio. Per il resto dell’anno è rimasta a disposizione. Il Comune di Bari mi ha conteggiato, per la seconda casa, n. 5 occupanti – Residenti. Ha in sostanza replicato la situazione dell’abitazione principale. E’ corretto? Nessuno dei 4 inquilini era residente.

    1. LUISA scrive:

      Purtroppo è la stessa cosa che capita a me! Io abito a Cagliari con la mia famiglia, siamo 4 persone, e ho una casetta al mare per la quale mi è stata inviata la Tares sempre per 4 persone. L’unica concessione è uno sconto del 30% poiché la casa al mare è utilizzata saltuariamente.
      E’ un controsenso: come può una persona produrre rifiuti contemporaneamente in due posti diversi?
      Al limite avrebbero dovuto dividere facendo pagare 9 mesi per la casa dove uno vive abitualmente e i restanti 3 mesi dove uno (presumibilmente) vive durante l’estate.

  47. Giovanna scrive:

    B.Giorno, mi servirebbe un informazione avantieri mi è arrivata la TARES di tutto il 2013 ma io ho preso la casa in affitto dal 1 Luglio 2013, vorrei sapere se effettivamente spetta a me pagare la Tares di tutto l’anno!!

  48. giovanni scrive:

    Salve ho ricevuto la tares con la tassa dei servizi, vorrei sapere io vivo in campagna senza strada asfaltata, senza luci, senza acquedotto, senza fogna non ho nessun servizio tranne la spazzatura dove il bidone si trova a 600 mt.

    Vorrei sapere devo pagara la tassa sui servizi non avendo nessun servizio??????

    Grazie

  49. aureli ambra scrive:

    sono invalida al 100% e percepisco anche pensione di invalidita’,il mio isee e’ uguale a zero,abito nel comune di Mezzanego.
    Devo èagare la Tares?

    1. mpeppucci scrive:

      Le disposizioni normative vigenti consentono ai Comuni di applicare esenzioni per particolari casistiche socio-economiche, prevedendo tali agevolazioni nel regolamento comunale. E’ pertanto necessario verificare tale documento o interpellare il Comune

  50. fedele scrive:

    la domanda che vorrei fare è semplice. Chi non vive nel appartamento non di proprietà, ove ha la residenza,lavorando all’estero o in città spesso diverse, deve pagare la tassa sui rifiuti? Grazie, per la risposta.(Spero di un esperto).

    Il commento su questa tassa è semplicemente logico. Se abito in una villa da solo, credo, anzi sono sicuro, di produrre
    molto meno immondizia di 5 persone ( non voglio esagerare) molto spesso extra-comunitari che vivono in un appartamento
    di 90 mq. L’ interrogativo è chi produce rifiuti? Le persone o l’immobile vuoto? Ma poi penso che le regole le fanno i poveri
    e furbi politici e quindi la risposta è chiara.
    Grazie!

  51. pietro scrive:

    buonasera, sono proprietario di un immobile in una località turistica, posso chiedere la riduzione della TARES in quanto lo uso solo nel periodo estivo e non più di 3 o 4 mesi all’anno

  52. Antonio scrive:

    Salve ,
    Sn proprietario da luglio 2012 d un appartamento nel comune di messina. A gennaio 2013 ho fatto la denuncia all,ufficio tributi e a maggio ho fatto il cambio d residenza da casa d mia madre alla mia attuale casa. Qui c vivo con mia moglie.. D tares sto pagando come 2 componenti sia in questa casa sia in quella d mia madre e mia moglie sia in questa che in quella dei genitori. E’ normale tutto ciò. .

    1. margi38 scrive:

      sono proprietario di appartamento sito in Messina, ho ricevuto il bollettino Tares di Euro 595,00, per mq.115,00 e n.5 componenti,( il sottoscritto, moglie e 3 figli) mio figlio, che è sacerdote, pur risultando residente con me, dal 25.11.2012 è stato nominato parroco in due chiese della provincia di Messina: Mongiuffi Melia e Gallodoro. Nella chiesa di Gallodoro esiste la canonica dove dalla data del 25.11.2012 vi dimora mio figlio. Chiedo, in base art.16 comma 3 lettera b, del regolamento del nostro comune che esclude dal numero dei componenti il congiunto che svolge attività di lavoro in altra provincia, se presento ricorso può essere accettato e quindi ridotta la tassa da me dovuta ?Vi ringrazio e attendo Vostre notizie.

  53. lello scrive:

    fatevi il mea culpa,se continuate a votare gli stessi pd-l & c,formata da banditi,quindi sapete solo lamentarvi solo quando vi fanno danni alle tasche,meditate e abbiamo 2 soluzioni in italia o il m5s o rivoluzione….

  54. renato marcelli scrive:

    avendo, come prima casa, una abitazione di 100 metri quadrati quando dovrò pagare di tares? Vi ringrazio Renato da roma

    1. mpeppucci scrive:

      Le scadenze Tares sono stabilite dal Comune e, per le tariffe il Comune deve determinarle, in modo da coprire i costi del servizio. Per le utenze domestiche le tariffe sono rapportate e due parametri: la superficie calpestabile (nel suo caso dovrebbe trattarsi di 100 mq) ed il numero dei componenti del nucleo familiare

  55. renato scrive:

    vorrei sapere quando dovrò pagare di tares sulla prima casa di 98 metri quadrati? Grazie

    1. mpeppucci scrive:

      Le tariffe sono approvate dal Comune dove insiste il fabbricato, in relazione alla copertura integrale dei costi per la gestione del servizio. Occorre verificare presso lo specifico Comune.

  56. Assunta scrive:

    Vivo a Messina. Ho una casa di circa 70 mq + 30 mq tra garage e cantina. Quanto dovrò pagare di Tares? In casa siamo 2, perchè ho avuto un bambino a maggio 2013, ma leggevo che il conteggio delle persone viene fatto al 01/01/2013

  57. liliana vittoria scrive:

    scusate, ma vorrei capire, io abito in provincia di Asti, in una frazione, per arrivare alla mia abitazione percorro (con altre 3 famiglie) una stradina sterrata, ora il proprietario mi ha detto che devo pagare la mia parte sulla tassa che il comune ha fatto su queste stradine…? n.b. il proprietario, nel cortile ove noi tutti abbiamo le abitazioni ha un ‘attività con un magazzino e con sovente auto e ecc.. ma noi cosa dobbiamo pagare?

  58. barbara scrive:

    Buongiorno,
    ho appena acquistato una residenza a Varese e ho già presentato in comune la Dia per ristrutturazione ordinaria, ma non sono ancora residente.
    Volevo sapere entro quanto devo presentare la domanda per il pagamento della Tares.
    Grazie.

  59. rosanna scrive:

    per un appartamento a disposizione non affittato quanti componenti devo considerare? il mio comune Pescara me ne ha considerati 4 e’ sbagliato? grazie per la risposta cordiali saluti

  60. marianna scrive:

    vorrei sapere come si procede se un contribuente ha versato due volte la TARES

Lascia un Commento


L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *


NOVITÀ libreriaprofessionisti.it




Gruppo Maggioli

Comuni.it è un servizio Maggioli Editore, azienda del Gruppo Maggioli.
Prodotti e servizi per la Pubblica Amministrazione, i Liberi Professionisti e le Aziende

P.Iva 02066400405 - Copyright © 1997 - 2014