Le aliquote Imu nei capoluoghi di Provincia

investimenti-immobiliari

Sono stati elaborati i dati sulle aliquote Imu in diversi capoluoghi di Provincia. In prima posizione nella graduatoria nazionale c’é Venezia (Imu pari a 1.563 euro all’anno), all’ultimo Lucca (194 euro). Per quanto riguarda la prima casa, a Trento l’aliquota Imu è dello 0,4%, contro lo 0,5% di Genova, Reggio Emilia, Torino e Benevento o lo 0,6% di Rovigo e Roma. Lo studio prende in considerazione anche il costo dell’Imu per un negozio di 100 metri quadri in affitto nei centri cittadini: al primo posto della classifica nazionale c’é Roma (4.057 euro), mentre in coda c’é Sondrio. Per quanto riguarda gli immobili diversi dalla prima casa, compresi anche i negozi, sono molte le città ad avere alzato l’aliquota: Monza (0,84%), Ferrara (0,9%), Reggio Emilia (0,96%), Forlì (0,98%), Firenze (0,99%). C’é anche chi, come Genova, Bergamo, Caserta, Latina, Parma, Pesaro e Bologna, ha adottato l’aliquota massima dell’1,06%.

Imu in Abruzzo, Molise, Trento, Roma, Bologna: scorpri tutto completando la lettura su Ediltecnico.it

Tags: , , ,



16 Commenti per “Le aliquote Imu nei capoluoghi di Provincia”

  1. maria scrive:

    solo un quesito. ma quando si parla della prima casa, si parla di dichiarare quante case abbiamo: se io ho una casa e ci abito viene definita la prima casa, ma se io ho una casa e non ci posso abitare perché lavoro in altra città, mi tocca pagare come se avessi due case?? non ho due case, dove abito pago regolarmente un affitto, la casa non è mia, perché mi devono far pagare come se io fossi proprietaria di due case?? capisco che non posso togliere la detrazione dell’abitazione principale, ma mi sembra giusto che paghi con l’aliquota della prima casa e non con quella della seconda casa.
    A chi mi posso rivolgere perché mi possa fare sentire???

    1. Giuseppe scrive:

      Per Maria – dipende dalla residenza . Puoi essere domiciliata in altra città per lavoro, l’importante non trasferire la residenza. Se la tua residenza è nella tua casa di proprietà, hai diritto come prima casa e a tutte le detrazioni . ciao Giuseppe

    2. Antonio Ioele scrive:

      anche io sono nelle tue stesse condizioni.io ho pagato la prima rata come se fosse prima casa e non inserito le detrazioni e così farò per la seconda rata.sono intenzionato a fare causa.

  2. luisa scrive:

    le aliquote sono tutte per mille e non per cento: o/oo

    1. Giuseppe scrive:

      l’esposizione 0,96% è corretta in quanto corrisponde a 9,60 per mille. Saluti.

  3. Rambo scrive:

    Il governo Monti e’ poco incisivo sulle amministrazioni statali e enti locali dove sono ben noti i problemi legati alla troppa corruzione e sprechi. Troppe tasse, se l’economia non cresce il tessuto sociale si sfalda. il popolo picconera’ i tempi del potere e dalle loro ceneri nascera’ la nuova repubblica ripulita da idiologismi fascisti e comunisti espressini di un momento storico finito tragicamente. Il popolo e’ sovrano ed e’ importante ricordarsi che certe amministrazioni hanno ragione di esistere solo se servono ad aiutare i cittadini nei vari settori della vita’ di uno stato democratico. Se le varie amministrazioni dello stato diventano solo strutture di potere e poco danno ai cittadini vanno radicalmente riformate e riorganizzate.loro esistono perche’ noi popolo esistiamo.

  4. Gallina Roberto scrive:

    Il Comune di Novara ha provveduto a fissare l’aliquota IMU? Se sì, quant’è?
    Grazie

  5. mpeppucci scrive:

    I comuni di cui al momento si sa sono quelli segnalati nell’articolo, ma im ogni caso i Comuni hanno tempo fino al 30 settembre per decidere e per il calcolo dell’imposta. In tal senso suggerisco questo nuovo articolo … http://www.ediltecnico.it/4382/imu-come-si-aggiornano-le-rendite-catastali-e-si-calcola-l-imposta/

    Cordialmente
    Matteo Peppucci
    Redazione Comuni.it

  6. RAFFAELLA scrive:

    NON RIESCO A CAPIRE L’ALIQUOTA A LUCCA SU PRIMA E SECONDA CASA CHE PERCENTUALE E’ VOLETE PER CORTESIA INDICARMELA,GRAZIE

  7. gioconda scrive:

    non è giusto rimettere e raddoppiare una tassa che ci ha fatto respirare ,non so come pagheremo l’ imu visto che abito in una casa di famiglia che è considerata seconda e contribuisco al mutuo per mantenerla .era un’unica casa ma è stata divisa in speranza che potessimo chiedere noi un nostro mutuo ma le cose vanno sempre peggio e non ho mai potuto acquistarla ma ci vivo contribuendo al mutuo ,ma ora l’imu ci ridurra’ in miseria,con 2 figli e nessuno sgravio ci tocchera’ pagare le quote piu’alte e poi la rata del mutuo per quel mese chi le paga?e cosa mangiamo con tutte le tasse e poche entrate ,grazie stato che guardi in alto ma non guardi noi poveri operai che facciamo fatica a sopravvivere e non vediamo futuro,non è un governo giusto ma un governo per ricchi………..

  8. Giordano scrive:

    Vorrei segnalare un errore nell’articolo sopra riportato sulle aliquote dei comuni: a Firenze (dove vivo), l’aliquota per la seconda casa NON è stato fissato allo 0,99% (9,90 per mille) bensì alla massima 1,06 (10,60 per mille), mentre non è stata ritoccata l’aliquota sulla prima casa, 0,4% (4 per mille). L’aliquota sulla seconda casa è la medesima per uffici e negozi nel caso del capoluogo toscano.

    Saluti

  9. Franco Castoldi scrive:

    Buongiorno
    avendo noi una “seconda” casa a Milano, ma concessa in usufrutto gratuito a mia nonna di 90 anni (che vi risiede da circa 70 anni), volevo sapere come fare affinchè la relativa IMU possa essere calcolata e pagata come prima casa.
    rimango in attesa di un vostro gradito riscontro
    distinti saluti

  10. demetrio scrive:

    Salve,vorrei capire se sulla prima casa nei conteggi in automatico viene estrapolata l’agevolazione di 200 E
    Vorrei se siete a conoscenza,le aliquote del comune di Reggio Calabria
    Per tutto il resto non ci ho capito niente
    grazie

    1. Matteo Peppucci scrive:

      Carissimo, intanto le consiglio questo articolo dove trova tante risposte a casi pratici
      Poi mi riservo di risponderle al più presto con le aliquote del suo comune!!
      Cordiamente
      http://www.comuni.it/2012/05/imu-le-risposte-ai-casi-pratici/

      Matteo Peppucci – redazione Comuni.it

  11. Jeff scrive:

    Salve, con il vecchio ICI l’aliquota era 5,5%, questo significa che per l’IMU devo mettere 0,55?

Lascia un Commento


L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *


NOVITÀ libreriaprofessionisti.it




Gruppo Maggioli

Comuni.it è un servizio Maggioli Editore, azienda del Gruppo Maggioli.
Prodotti e servizi per la Pubblica Amministrazione, i Liberi Professionisti e le Aziende

P.Iva 02066400405 - Copyright © 1997 - 2014